15°

Arte-Cultura

Militari nei lager nazisti: 310 parmigiani morirono per la libertà

Militari nei lager nazisti: 310 parmigiani morirono per la libertà
0

di Francesca Lombardi

Hanno scelto la fame, i pidocchi, le torture. L’hanno fatto in nome della libertà. L’hanno fatto in silenzio, nell’indifferenza della patria che hanno difeso: per tanti italiani civili, infatti, quei militari rinchiusi nei lager nazisti dopo l’armistizio fra Italia e Alleati, erano solo fascisti. Dopo l’8 settembre del 1943, 640mila militari erano stati portati nei campi di concentramento tedeschi: l’Italia era diventata nemica della Germania, anzi traditrice. Le divise fasciste, gli italiani ce le avevano appiccicate addosso fin da bambini, ma un giorno decisero di levarsele.

Era il 18 settembre: Mussolini aveva appena fondato la Repubblica sociale italiana, e loro potevano decidere se aderirvi e quindi abbandonare il lager, oppure restarci, nel lager. Quasi tutti (il 97%) optarono per il «no»: piuttosto che collaborare con i nazisti, la morte. La morte, cinquantamila di loro, l’hanno trovata davvero, quasi cinquemila grazie a una fucilata. Molti sono poi deceduti dopo, in Italia, dove non sono riusciti a curarsi dalle malattie prese nei campi.

Quella Resistenza dimenticata è storia anche di Parma. Il comandante Gaetano Ferretti, internato, aveva stilato un elenco di parmensi che non sono tornati dai lager: 310, ma il numero è probabilmente incompleto. La «Giornata della memoria», che la legge 211 del 2000 ha istituito in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico, è dedicata anche a loro. Fausto Catelli, residente a Parma, la memoria la è andata a cercare nelle case della nostra provincia. Ne è nato un libro: «Imi-internati militari italiani - per non dimenticare», che racconta le storie di quei parmensi con la divisa che sono stati trasformati da persone in matricole e sono stati spesso dimenticati. Ce ne sono una ventina. Storie di ufficiali coraggiosi che hanno scelto da uomini, e la «divisa» l’hanno indossata solo per resistere alle torture, ai lavori forzati, alla volontà di cancellare nomi e identità, storie di parmigiani che in alcuni lager si sono fatti forza l’uno con l’altro, e che non hanno mai perso la speranza.

Giuseppe Nicolossi, nato a Pontremoli nel 1891, era bancario a Parma: la sera dell’8 settembre provò a resistere ai tedeschi in Pilotta, ma i militari lo portarono al Giardino Ducale dove aveva sede la scuola di fanteria. Nicolossi parlava bene il tedesco, così i tedeschi gli intimarono di fare arrendere gli allievi, ma lui tradusse «resistete», e così scoppiò una battaglia. Venne arrestato, portato in Cittadella, poi in provincia di Mantova e infine nei lager in Germania e Polonia, fino alla liberazione. A casa, lo aspettavano una moglie e sei figli. Quando tornò, scrisse un diario in cui raccontò di incursioni notturne dei tedeschi nelle baracche, della fame, delle bufere, del «non riconoscersi», dei trasferimenti in treno pigiato in «celle traballanti, paurosamente», di baratti fra una coperta per tre mele e un tozzo di pane.

Anche Ettore Baga, nato a Parma nel 1897 e morto nel 1969, ha lasciato un diario: era un’agenda del '42 utilizzata nei lager dal '43 fino al maggio 45. «Rancio schifoso e poco nutriente, una brodaglia da maiali. Trovo al campo diversi parmigiani. Le sigarette stan-no per finire», scrive il 7 ottobre dal campo di Deblin, Polonia, dopo un viaggio estenuante da Atene, dove è stato arrestato. Ogni giorno, l’ufficiale scrive qualche riga: parla del tempo, di come è poco nutriente il pasto, del desiderio di notizie dall’Italia. La disperazione, mentre viene portato da un campo all’altro, prima a Premzil, poi a Hammerstein e infine a Norimberga, affiora da frasi fredde e corte: «Non si può scrivere bene, la tristezza è più forte dello spirito. Soffro fame e freddo. Niente notizie», scrive il 14 febbraio 1944. E il 22 aprile: «Viene ucciso un ufficiale. ore 18.30». Capitava, che ammazzassero qualcuno. I militari erano considerati traditori, e non prigionieri di guerra: per questo non avevano diritto all’assistenza della Croce rossa internazionale prevista nella Convenzione di Ginevra. Quei «traditori» hanno salvato anche Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

IL VINO

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

1commento

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Trasporto pubblico

Con Busitalia tornerà Mauro Piazza: "I timori per il personale? Solo terrorismo"

14commenti

Gazzareporter

Ponte delle Nazioni: aiuola nel degrado Foto

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

3commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

11commenti

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

RICERCA

Batteri resistenti agli antibiotici: l'Efsa lancia l'allarme

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv