13°

30°

Arte-Cultura

Militari nei lager nazisti: 310 parmigiani morirono per la libertà

Militari nei lager nazisti: 310 parmigiani morirono per la libertà
0

di Francesca Lombardi

Hanno scelto la fame, i pidocchi, le torture. L’hanno fatto in nome della libertà. L’hanno fatto in silenzio, nell’indifferenza della patria che hanno difeso: per tanti italiani civili, infatti, quei militari rinchiusi nei lager nazisti dopo l’armistizio fra Italia e Alleati, erano solo fascisti. Dopo l’8 settembre del 1943, 640mila militari erano stati portati nei campi di concentramento tedeschi: l’Italia era diventata nemica della Germania, anzi traditrice. Le divise fasciste, gli italiani ce le avevano appiccicate addosso fin da bambini, ma un giorno decisero di levarsele.

Era il 18 settembre: Mussolini aveva appena fondato la Repubblica sociale italiana, e loro potevano decidere se aderirvi e quindi abbandonare il lager, oppure restarci, nel lager. Quasi tutti (il 97%) optarono per il «no»: piuttosto che collaborare con i nazisti, la morte. La morte, cinquantamila di loro, l’hanno trovata davvero, quasi cinquemila grazie a una fucilata. Molti sono poi deceduti dopo, in Italia, dove non sono riusciti a curarsi dalle malattie prese nei campi.

Quella Resistenza dimenticata è storia anche di Parma. Il comandante Gaetano Ferretti, internato, aveva stilato un elenco di parmensi che non sono tornati dai lager: 310, ma il numero è probabilmente incompleto. La «Giornata della memoria», che la legge 211 del 2000 ha istituito in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico, è dedicata anche a loro. Fausto Catelli, residente a Parma, la memoria la è andata a cercare nelle case della nostra provincia. Ne è nato un libro: «Imi-internati militari italiani - per non dimenticare», che racconta le storie di quei parmensi con la divisa che sono stati trasformati da persone in matricole e sono stati spesso dimenticati. Ce ne sono una ventina. Storie di ufficiali coraggiosi che hanno scelto da uomini, e la «divisa» l’hanno indossata solo per resistere alle torture, ai lavori forzati, alla volontà di cancellare nomi e identità, storie di parmigiani che in alcuni lager si sono fatti forza l’uno con l’altro, e che non hanno mai perso la speranza.

Giuseppe Nicolossi, nato a Pontremoli nel 1891, era bancario a Parma: la sera dell’8 settembre provò a resistere ai tedeschi in Pilotta, ma i militari lo portarono al Giardino Ducale dove aveva sede la scuola di fanteria. Nicolossi parlava bene il tedesco, così i tedeschi gli intimarono di fare arrendere gli allievi, ma lui tradusse «resistete», e così scoppiò una battaglia. Venne arrestato, portato in Cittadella, poi in provincia di Mantova e infine nei lager in Germania e Polonia, fino alla liberazione. A casa, lo aspettavano una moglie e sei figli. Quando tornò, scrisse un diario in cui raccontò di incursioni notturne dei tedeschi nelle baracche, della fame, delle bufere, del «non riconoscersi», dei trasferimenti in treno pigiato in «celle traballanti, paurosamente», di baratti fra una coperta per tre mele e un tozzo di pane.

Anche Ettore Baga, nato a Parma nel 1897 e morto nel 1969, ha lasciato un diario: era un’agenda del '42 utilizzata nei lager dal '43 fino al maggio 45. «Rancio schifoso e poco nutriente, una brodaglia da maiali. Trovo al campo diversi parmigiani. Le sigarette stan-no per finire», scrive il 7 ottobre dal campo di Deblin, Polonia, dopo un viaggio estenuante da Atene, dove è stato arrestato. Ogni giorno, l’ufficiale scrive qualche riga: parla del tempo, di come è poco nutriente il pasto, del desiderio di notizie dall’Italia. La disperazione, mentre viene portato da un campo all’altro, prima a Premzil, poi a Hammerstein e infine a Norimberga, affiora da frasi fredde e corte: «Non si può scrivere bene, la tristezza è più forte dello spirito. Soffro fame e freddo. Niente notizie», scrive il 14 febbraio 1944. E il 22 aprile: «Viene ucciso un ufficiale. ore 18.30». Capitava, che ammazzassero qualcuno. I militari erano considerati traditori, e non prigionieri di guerra: per questo non avevano diritto all’assistenza della Croce rossa internazionale prevista nella Convenzione di Ginevra. Quei «traditori» hanno salvato anche Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

 Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

tv

Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

Il Mastiff cambia timoniere: bentornato Luca

festa

Il Mastiff cambia timoniere: bentornato Luca Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

E' morta l'anziana investita in via Pellico

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

Weekend

Street food, bancarelle e vino: l'agenda della domenica

Intervista

Bob Sinclar: «Grazie Parma»

COLLECCHIO

Auto danneggiate e un computer rubato nel parcheggio dell'EgoVillage

salso

Terme, via libera alla liquidazione

PILOTTA

Chiude l'anno luigino: la memoria in tre libri

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: ferito un 32enne. San Lazzaro: motociclista ferito Video

Un altro ciclista ferito a Lesignano. Incidente anche a Tizzano: un motociclista all'ospedale

6commenti

VIA GRENOBLE

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

1commento

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

risate e solidarietà

Balli di gruppo in piazza Garibaldi - Video - Foto

È in corso la Giornata del Naso Rosso di Vip Parma

PARMA

E' morto Afro Carboni, storico gioielliere e volto della pesca su TvParma Video

aziende

Casappa, grande festa per i 65 anni: da Lemignano leader nel mondo Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEMA

Eva e Emmanuelle: a Cannes le muse di Polanski Video

ITALIA/MONDO

URBINO

E' morto il bambino malato di otite e curato con l'omeopatia

4commenti

VARESE

Soffoca la moglie e si getta dalla finestra

WEEKEND

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

Inghilterra

All'Arsenal l'FA Cup. Conte, sfuma la doppietta

F1 - MONACO

Pazza griglia di partenza, Ferrari imprendibili per rompere il digiuno di vittorie

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover