10°

Arte-Cultura

Militari nei lager nazisti: 310 parmigiani morirono per la libertà

Militari nei lager nazisti: 310 parmigiani morirono per la libertà
0

di Francesca Lombardi

Hanno scelto la fame, i pidocchi, le torture. L’hanno fatto in nome della libertà. L’hanno fatto in silenzio, nell’indifferenza della patria che hanno difeso: per tanti italiani civili, infatti, quei militari rinchiusi nei lager nazisti dopo l’armistizio fra Italia e Alleati, erano solo fascisti. Dopo l’8 settembre del 1943, 640mila militari erano stati portati nei campi di concentramento tedeschi: l’Italia era diventata nemica della Germania, anzi traditrice. Le divise fasciste, gli italiani ce le avevano appiccicate addosso fin da bambini, ma un giorno decisero di levarsele.

Era il 18 settembre: Mussolini aveva appena fondato la Repubblica sociale italiana, e loro potevano decidere se aderirvi e quindi abbandonare il lager, oppure restarci, nel lager. Quasi tutti (il 97%) optarono per il «no»: piuttosto che collaborare con i nazisti, la morte. La morte, cinquantamila di loro, l’hanno trovata davvero, quasi cinquemila grazie a una fucilata. Molti sono poi deceduti dopo, in Italia, dove non sono riusciti a curarsi dalle malattie prese nei campi.

Quella Resistenza dimenticata è storia anche di Parma. Il comandante Gaetano Ferretti, internato, aveva stilato un elenco di parmensi che non sono tornati dai lager: 310, ma il numero è probabilmente incompleto. La «Giornata della memoria», che la legge 211 del 2000 ha istituito in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico, è dedicata anche a loro. Fausto Catelli, residente a Parma, la memoria la è andata a cercare nelle case della nostra provincia. Ne è nato un libro: «Imi-internati militari italiani - per non dimenticare», che racconta le storie di quei parmensi con la divisa che sono stati trasformati da persone in matricole e sono stati spesso dimenticati. Ce ne sono una ventina. Storie di ufficiali coraggiosi che hanno scelto da uomini, e la «divisa» l’hanno indossata solo per resistere alle torture, ai lavori forzati, alla volontà di cancellare nomi e identità, storie di parmigiani che in alcuni lager si sono fatti forza l’uno con l’altro, e che non hanno mai perso la speranza.

Giuseppe Nicolossi, nato a Pontremoli nel 1891, era bancario a Parma: la sera dell’8 settembre provò a resistere ai tedeschi in Pilotta, ma i militari lo portarono al Giardino Ducale dove aveva sede la scuola di fanteria. Nicolossi parlava bene il tedesco, così i tedeschi gli intimarono di fare arrendere gli allievi, ma lui tradusse «resistete», e così scoppiò una battaglia. Venne arrestato, portato in Cittadella, poi in provincia di Mantova e infine nei lager in Germania e Polonia, fino alla liberazione. A casa, lo aspettavano una moglie e sei figli. Quando tornò, scrisse un diario in cui raccontò di incursioni notturne dei tedeschi nelle baracche, della fame, delle bufere, del «non riconoscersi», dei trasferimenti in treno pigiato in «celle traballanti, paurosamente», di baratti fra una coperta per tre mele e un tozzo di pane.

Anche Ettore Baga, nato a Parma nel 1897 e morto nel 1969, ha lasciato un diario: era un’agenda del '42 utilizzata nei lager dal '43 fino al maggio 45. «Rancio schifoso e poco nutriente, una brodaglia da maiali. Trovo al campo diversi parmigiani. Le sigarette stan-no per finire», scrive il 7 ottobre dal campo di Deblin, Polonia, dopo un viaggio estenuante da Atene, dove è stato arrestato. Ogni giorno, l’ufficiale scrive qualche riga: parla del tempo, di come è poco nutriente il pasto, del desiderio di notizie dall’Italia. La disperazione, mentre viene portato da un campo all’altro, prima a Premzil, poi a Hammerstein e infine a Norimberga, affiora da frasi fredde e corte: «Non si può scrivere bene, la tristezza è più forte dello spirito. Soffro fame e freddo. Niente notizie», scrive il 14 febbraio 1944. E il 22 aprile: «Viene ucciso un ufficiale. ore 18.30». Capitava, che ammazzassero qualcuno. I militari erano considerati traditori, e non prigionieri di guerra: per questo non avevano diritto all’assistenza della Croce rossa internazionale prevista nella Convenzione di Ginevra. Quei «traditori» hanno salvato anche Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

referendum

referendum

Parma, affluenza alle 19: 63,30 %. Con Piacenza la più bassa in regione

Questa sera dalle 23 sul sito exit poll, spoglio e proiezioni

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

1commento

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

polfer

Nel reggiseno 17 dosi di cocaina: arrestata

5commenti

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Amatori Rugby Parma

Beppe Carra: "Non ci basta: vogliamo altre vittorie" Intervista

II capitano commenta l'importante successo, il primo casalingo, contro Livorno - Esplode la festa in campo e negli spogliatoi (guarda le foto)

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

Carabinieri

Quando la vendita dell'iPhone è una truffa

3commenti

Salsomaggiore

"Lorenzo, un ragazzo speciale"

Domani alle 15 il funerale

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

13commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

6commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

3commenti

asta

Va a Hong Kong un tartufo battuto a 6600 euro

WEEKEND

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Calciomercato

Torino, Belotti resta fino al 2021: clausola di 100 milioni

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video