10°

22°

Arte-Cultura

Fortuna, ossessione finale

Fortuna, ossessione finale
0

di Francesco Mannoni
La superstizione, che come dice Edmund Burke «è la religione degli spiriti deboli», spesso deraglia in scetticismo, pusillanimità e gelosia, con conseguenze ilaro - tragiche. E’ quanto accade al protagonista del romanzo di Francesco Recami, «Il superstizioso» (Sellerio, pagine 199, euro 12,00) finalista al Premio Campiello. Camillo, commerciante con un avviato negozio di scarpe, una mattina, da sotto il cavalcavia ferroviario che attraversa per andare al lavoro, assiste ad un evento che per lui ha dello straordinario: il passaggio di tre treni sul ponte nella stessa direzione. Per lui è il preludio di qualcosa che deve andare storto. E decide di tornare a casa. Ma appena entrato sente come dei gemiti, dei sospiri che gli sembrano di piacere. Chiama la moglie e va verso la camera da letto, ma inciampa nel gatto e cade battendo la testa. Si risveglia all’ospedale ossessionato da un sospetto: che cosa stava facendo la moglie? 
Superstizione come ossessione: quanto influisce la fatalità sulla sensibilità di Camillo?
 «Camillo, il protagonista, ha quelle che lui definisce ''innocenti abitudini'', giochetti scaramantici con i quali cerca di avere anticipazioni sull'intenzione della realtà, come se questa avesse un piano per lui. Non è molto diverso quello che farà nei confronti della moglie: cercherà di capire qual è il suo piano segreto, per demolirlo. Ma di sensibilità non ne ha molta, se si intende la capacità di conoscere e capire gli altri, sua moglie compresa: si interessa solo di se stesso. Il protagonista che affida la sua vita a una sorta di copione in cui tutto deve filare alla perfezione, cambia il destino in superstizione».
Ma chi fa il destino? Il libero arbitrio quale ruolo ha in simili casi?
«Non è uno scherzo avere la presunzione di sapere chi fa il destino. I greci avevano le Moire, e ciò che loro stabilivano non si poteva cambiare. Però i greci erano tormentati dall’ansia di conoscerlo, il proprio destino, e lo domandavano all’oracolo. Mi ha sempre stupito la premessa delle vicende di Edipo. Laio, suo padre, viene a sapere che suo figlio lo ucciderà, e cerca di prendere provvedimenti contro il destino. Ma lo sa o non lo sa che questo è impossibile? Perché se il vaticinio è vero allora c'è ben poco da fare; e se è falso, di che preoccuparsi? Tutto è nato per l’insaziabile volontà di conoscere il proprio destino, ovviamente derivata da una incertezza di base, dalla paura, dall’ansia. Se Laio non avesse chiesto niente all’oracolo, e si fosse fatto la sua vita tranquillamente, come veniva veniva, magari sarebbe morto per mano di suo figlio, cosa che peraltro gli è capitata lo stesso, ma avrebbe risparmiato tanti guai a Edipo, Antigone e fratelli e a tutti i tebani in generale. Ma la superstizione, si sa, porta sfortuna, e Camillo avrà modo di rendersene conto».
Leggere in ogni frangente i segni del destino non è un po' affidarsi a qualcosa di superiore, come se in noi non ci fosse mai alcuna responsabilità?
«Camillo è un debole, un inetto del terzo millennio, come lo siamo tutti. Effettivamente si sente deresponsabilizzato, vittima delle circostanze, e di imperscrutabili oscillazioni della moda, delle vendite del suo negozio, delle sue vicende familiari. Purtroppo per lui quando cerca di prendere in mano il suo destino non fa che peggiorare la sua situazione. La morale non è molto ottimista. Posso aggiungere che il credere nel destino ineluttabile è un pesante fardello che si portano dietro le classi subalterne, cioè la maggioranza delle persone, quelle che della propria vita non decidono niente».
Quanto è responsabile il nostro tempo incerto della insopprimibile pratica della superstizione, antica quanto il mondo?
«Incertezza, aleatorietà, e superstizione vanno a braccetto. Basti pensare ai settori economici dove la superstizione impera: la finanza, lo spettacolo, il commercio, la moda e forse anche la politica. Oggi ho la vaga sensazione che la tipica convenzione borghese, che l'uomo è artefice del proprio destino stia perdendo dei colpi. Ma forse la cosa è più semplice di quanto non si pensi: meno democrazia c'è e più si accentua la forbice fra i ricchi (quelli che sono artefici del proprio destino) e i meno abbienti (quelli che non lo sono) e più aumenta il fatalismo, e anche la superstizione».

Il superstizioso
Sellerio, pag. 199, 12,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Consiglio

Il bilancio del Comune, Dall'Olio: "Multe per 13 milioni". Duro scontro Bosi-Nuzzo

Nel 2016 avanzo di 54 milioni. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

3commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

4commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

Politica

Addio a Giorgio Guazzaloca: strappò il Comune di Bologna alla sinistra nel 1999

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport