20°

Arte-Cultura

Nell'abisso del fascino

Nell'abisso del fascino
0

Maria Pia Forte

Era così sicura del proprio potere di seduzione, che catalogava gli uomini in tre categorie: «Mi ama, mi ha amato, mi amerà». Tutto il bel mondo parigino subiva il fascino diafano e torbido insieme di quell'esule italiana dagli occhi e capelli neri e il viso di un «pallore immobile», sempre vestita di bianco o di nero e scollatissima, il cui salotto tappezzato di cupi damaschi e velluti e pieno di crocefissi e teschi pareva a Théophile Gautier arredato da un impresario di pompe funebri. Ai piedi di quella donna coltissima e misteriosa, che a dire di Balzac «affettava uno stile vampiresco», caddero uomini come Heinrich Heine, Alfred de Musset e Franz Liszt, senza mai riuscire a perforarne il «cuore sterile» ricordato con rabbia da Musset nella sua poesia «Su una morta»: «E' morta e non ha vissuto: / Faceva finta di vivere»...    Difficile riconoscere in questo ritratto Cristina Trivulzio di Belgioioso, intelligenza appassionata, patriota di statura europea, audace viaggiatrice a cavallo nel più selvaggio Medio Oriente, femminista, scrittrice di saggi di teologia e di politica. Eppure fu anche lei una «Femme fatale», figura sbocciata nell’Ottocento su cui Giuseppe Scaraffia, docente di Letteratura francese all’Università La Sapienza di Roma, ha scritto un libro con questo titolo (Vallecchi, 175 pagine, 15,00 euro), frutto di certosine ricerche su gran mole di documenti, testimonianze letterarie e missive scambiate fra ventidue inespugnabili maliarde - donne più o meno note, come la grande Sarah Bernhardt, Juliette Récamier, Alma Mahler, Mata Hari, la Contessa Potocka, Judith Gautier, Lou von Salomé, Ida Rubinstein, Marguerite Steinheil - e i loro adoratori dal cuore sanguinante che si chiamavano Victor Hugo, Benjamin Constant, Robert de Montesquiou, Maupassant, Baudelaire, Nietzsche, Barrès... Al professor Scaraffia chiedo perché questo mito della seduttrice, rovina-uomini e libertina, il più duraturo fra quelli coniati nell’Ottocento (dal vampiro al dandy, al ladro gentiluomo), si sia affermato proprio in un secolo così attento alla morale, specie nei riguardi delle donne.   «Perché allora, con la piena affermazione della rivoluzione industriale, l’Occidente si concentrò sulla produzione e sull'accumulazione del capitale. Bisognava guardarsi da ogni genere di distrazione, e la seduzione era il tipo di distrazione più pericoloso. Per questo la ''femme fatale'' incarna una seduzione tanto irresistibile quanto rovinosa. In queste sue caratteristiche si nasconde il terrore che incute l’emergere di un nuovo, imprevedibile soggetto sociale».

La letteratura a cavallo fra Ottocento e Novecento pullula di seduttrici. Furono le eroine dei romanzi a influenzare i costumi o le maliarde in carne ed ossa a ispirare gli scrittori?   
«Sebbene Oscar Wilde sostenesse neanche troppo paradossalmente che la vita imita l’arte, nessuno è mai riuscito a rispondere in modo esauriente a questa domanda. Certo la letteratura distilla gli umori nascosti della propria epoca che a sua volta ne sarà influenzata. A vedere la somma dei libri e delle esistenze, direi che nel XIX secolo il primato va alla letteratura».
Ma forse nessun romanziere sarebbe riuscito a creare un personaggio dalla duplice personalità come Cristina di Belgioioso...   
«La Belgioioso poteva dire, come Paul Valéry, ''io sono parecchi''. Un dato che accomuna l’élite non perché altri ne siano immuni, ma perché le persone più intelligenti sono lucide sulla loro duplicità. Una duplicità che più che mai si ripresenta nelle donne contemporanee, che non vogliono rinunciare né all’emancipazione né alla seduzione: le donne di oggi non esitano a ricorrere a quei rituali che per un certo tempo erano sembrati finiti in soffitta».
Sarah Bernhardt fu «femme fatale» per eccellenza?  
«Sarah Bernhardt, malgrado la sua non eccelsa bellezza, riuscì perfettamente a incarnare la ''femme fatale'', senza disdegnare trucchi come quello di rimpinzarsi in casa per poi apparire diafana e dispeptica alle cene..».
Questo mito poteva sbocciare solo a Parigi?  
«Parigi, dice Walter Benjamin, era la capitale del XIX secolo. Lì tutto arrivava a maturazione». 
Anche l’Italia ha avuto le sue donne fatali?  
«Per esempio la marchesa Casati, che si creò come un’opera d’arte vivente e di cui D’Annunzio diceva: ''E' l’unica donna che rispetto''. Anche Francesca Bertini era una vera ''femme fatale'', come altre attrici dei telefoni bianchi. E poi c'è la letteratura. Non c'è solo la fatale Elena Muti del ''Piacere'' di D’Annunzio, che curiosamente gli fu ispirata da una donna emancipata, una giornalista, ma ne troviamo alcuni perfetti esemplari anche in romanzi di Verga, Boito e Capuana, per non parlare della narrativa d’appendice, da Lucio d’Ambra a Matilde Serao, a Guido da Verona. Nell’arte, poi, Giovanni Boldini, tra Ferrara e Parigi, diede un volto indimenticabile a quel genere di seduzione».
E  quando invecchiavano?  
«La più eroica fu Sarah Bernhardt, che praticamente morì sul palcoscenico; altrettanto fece Isadora Duncan. E la marchesa Casati  non rinunciò mai all’eccentricità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

David, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film

DAVID

La pazza gioia, Bruni Tedeschi: molta gratitudine per questo film Video

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

1commento

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

Personaggi

Francesco Canali, messaggio di speranza ai malati di Sla

sondaggio

Le cose buone e belle di Parma? Boom di voti online

Lavoro

Gli agricoltori contro l'abolizione dei voucher

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

Intervista

Uto Ughi: «Un buon violino è come una Ferrari»

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

9commenti

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

15commenti

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

2commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

4commenti

LA BACHECA

Venti offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

roma

Massacrato dal branco: due fermi. La ragazza: "Sembravano bestie"

Salute

Ausl, caso di meningococco nell'Appennino reggiano

SOCIETA'

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

3commenti

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

1commento

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017