-2°

ANNIVERSARIO

Ubaldo Bertoli, girovago della letteratura

Disegno di Ubaldo Bertoli

Disegno di Ubaldo Bertoli

0

Chissà cosa direbbe, Ubaldo, se fosse ancora qui, a celebrare i suoi centocinque anni impossibili. E' morto - ultranovantenne, nel settembre del Duemila - fumando le ultime sigarette di nascosto, alla finestra, incupito con un mondo che non amava più. Se fosse ancora tra noi, parafrasando l'amato Chatwin, borbotterebbe, probabilmente: «Che ci faccio qui». E' morto portandosi via i suoi sogni e i suoi incubi. Alle spalle, aveva un solo libro «La quarantasettesima», migliaia di quadri, una marea di articoli, racconti. E' una presenza che manca la sua. Del secolo passato ha vissuto fatti e misfatti. Ha dipinto, ha scritto tanto, ma ancor più ha dilapidato storie, trame, aneddoti. Il rimpianto, per noi che lo abbiamo amato, è per il libro che non ha mai scritto; un clamoroso affresco di parole rimasto nell'aria, un fantastico romanzo sul Novecento parmigiano (e non solo) sfuggito alle pagine. Disperso, borgesianamente, in mille cene o bevute, durante le passeggiate sul Lungoparma, fra i gelsi della Bassa o sui monti che amava. Storie che gli rovistavano dentro e che faceva prillare con l'accensione che gli dava la furia del narrare gli ultimi, i dispersi, i clochard, gli indifesi, ma anche i vanesi, i potenti, gli arroganti. La gente, insomma. Dopo la sua morte ci sono state iniziative, mostre, libri, ma molto ancora c'è da fare: altri libri, altre mostre.
Era nato - per l'anagrafe di Solignano - il primo gennaio del 1909. Ma non era vero. Poco tempo prima di morire, lo stesso Bertoli chiarì il mistero della data di nascita, sostenendo che fu il nonno Franco, ufficiale all'anagrafe di Solignano, a mettere la parola decisiva nell'innocente falsificazione. «Sono nato il 31 dicembre 1908. Ma a mio nonno sembrava più bello dire il primo gennaio e l'impiegato ha eseguito». Era nato a cavallo tra l'otto e il nove. E per tutta la vita restò in bilico. Libertario per istinto, bohemien per vocazione, Bertoli ha solcato il secolo con il passo, beffardo e sarcastico del flaneur. Su «Baldo» scorrono leggende e aneddoti che lui stesso rafforzava con indimenticabili racconti. Il «Baldo» ribelle che fuggì da casa a nove anni, bissando l'esperienza in età adolescenziale, attratto dalle magiche nenie cirenaiche. Dopo il ritorno, gli anni Trenta vissuti da autodidatta tra Roma, Milano, Genova, i caffè letterari e il viaggio in Etiopia, nel '38, a dipingere cartelloni pubblicitari. Poi la fondamentale esperienza della guerra partigiana, nome di battaglia «Gino», sui monti del nostro Appennino. Il giornalismo e la scrittura arrivano insieme, redigendo e illustrando il Vento del Nord. Dopo la guerra fa il cronista alla Gazzetta di Parma. Solo tra il '45 e il '51 Ubaldo pubblica sul quotidiano locale una cinquantina di racconti. Trame che non risentono dell'usura del tempo e che occorrerebbe spulciare, alla caccia di storie da ripubblicare in volume. Un primo passo è stato «La nave dei sogni perduti», poi sono usciti altre edizioni de «La quarantasettesima», «I racconti partigiani», gli scritti giornalistici «Ubaldo Bertoli. Eroe romantico della ribalderia parmense», ma ne dovranno seguire altri: Bertoli merita di essere riscoperto. Ora più che mai. Nel 1956 lavora a Milano al Giorno, poi va a Roma come redattore del quotidiano La sera di Roma. All’Eni è all’ufficio stampa e nelle riviste aziendali «Il Fuoco» e «Il Gatto Selvatico», diretto da Attilio Bertolucci, poi ancora al Giorno come inviato speciale, prima di tornare a casa, circondato dall'affetto della moglie e dei figli. Ma anche dopo la pensione ha continuato a scrivere, in particolare certi stupendi «medaglioni» apparsi sulla Gazzetta, brani di memorie, ritratti strappati all'oblio. E sempre, la pittura. I pastelli, le caricature dell'amico Carlo Mattioli, gli autoritratti sardonici e inquieti, le vedute della Giudecca i tetti di Parma, ma soprattutto i «richiami», tra le ombre della memoria, di tutti i compagni della «Quarantesettesima». Fino alla fine, comunque, «beduino della parola» - come lo ribattezzò Enzo Siciliano - sempre affamato di esperienze ed incontri, fossero nei suk di un'Africa mai dimenticata o in un borgo dell'Oltretorrente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

3commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

6commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

Parma

Incendio di canna fumaria a Porporano

Sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

13commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

10commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017