-2°

Arte-Cultura

Guerino Casella: il mondo in una lastra d'avorio

Guerino Casella: il mondo in una lastra d'avorio
1

Tiziano Marcheselli
Un anno fa si spegneva il noto pittore e miniaturista  Guerino Casella, che ha lasciato a Parma un ottimo ricordo, sia per le caratteristiche di artista (professionale e meticoloso, senza mai concedersi alla banalità o alla commercialità) che per quelle di uomo (rigoroso, innamorato della pittura, tecnicamente indiscutibile).
Casella - protagonista di varie mostre e ricercatore attento di atmosfere culturali e storiche (ricordiamo, ad esempio, il suo dipinto esposto alla SS. Annunziata e dedicato a Padre Lino Maupas) - resta famoso soprattutto per le tante miniature che sono in giro per il mondo, con clienti e ammiratori come Giulio Andreotti, Giovanni XXIII, l’ex Presidente della Repubblica Luigi Einaudi, Cesare Zavattini, Zilioli Lanzini, Nicola Picella, la famiglia Kennedy e Giorgio de Chirico, che notoriamente non è mai stato tenero con gli altri artisti, reputando solo se stesso «pictor optimus».
Ma Casella era un artista «antico», di bottega, di quella categoria che anteponeva la realizzazione all’ispirazione. Se pensiamo a tutti gli improvvisatori che frequentano anche le rassegne internazionali, chiamando le loro squallide opere con il termine di «installazione», dato che non sanno usare tele, pennelli e colori, un personaggio come il mite Guerino ci appare nettamente fuori dal tempo.
La sua arte, come ispirazione e come cultura, viene da lontano, e quindi i suoi personaggi e le sue scene sono al di fuori (o al di sopra) del tempo in cui viviamo; inoltre, la sua tecnica (acquerello su avorio) è indiscutibilmente difficile e studiata, e continua (a differenza di tanti pittori di oggi, che tendono a dilatare le proprie opere e a «gridarle» in gesto e colore) la ponderosa dignità del passato.
Un passato lontano, quello dei decoratori a mano di libri e delle pergamene, degli artisti del rame e dell’avorio: materiali spesso accantonati nel tempo, un po’ per la difficoltà di usarli e un po’ per la scarsa richiesta commerciale. Ma in ogni secolo è rimasto qualche depositario di questa cultura silenziosa e sottile, pittori legati da un filo invisibile ma tenace, che riesce a sposare il magistero tecnico con la poesia.
Casella, soprattutto negli ultimi tempi, viveva in un mondo tutto personale, fatto di pensiero e di lavoro; esponeva raramente, vivendo tra i propri lavori, lastrine ove aveva condensato il mondo esterno. E amava i classici: da una parte Correggio, Leonardo e Michelangelo, dall’altra la mitologia greca di Fidia, Lisippo e Prassitele. Così, le sue miniature contenevano rispetto per i grandi, impegno e tanto amore. L’amore per la pittura di un gentiluomo antico, che ci ha lasciato proprio un anno fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • formica giancarlo

    04 Dicembre @ 18.09

    avendo io delle opere di Guerino vorrei sapere se esiste un registro delle sue opere.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto via Doberdò

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

3commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

12commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

9commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria