10°

24°

Arte-Cultura

Lo splendore dei secoli

Lo splendore dei secoli
Ricevi gratis le news
0
di Pier Paolo Mendogni
Alla crisi del mercato gli antiquari che espongono a Forte dei Marmi reagiscono con una risposta efficace e prestigiosa: l’alta qualità del materiale presentato. Così la ventiduesima mostra dell’antiquariato in corso al Palazzetto dello sport (fino al 16 agosto), organizzata con consolidata esperienza dal parmigiano Orlando Tanzi, assume i connotati di una importante rassegna d’arte con pezzi degni di entrare in un museo, che coniugano la bellezza con la concretezza di un valore destinato a crescere nel tempo. I dipinti vanno dal '300 al '900 con alcune eccezionali punte d’eccellenza, iniziando da due piccoli e raffinati fondi oro: un «Cristo crocifisso» del senese Ceccarelli con personaggi dalle espressioni delicatissime e una più incisiva «Deposizione» del Maestro di San Silvestro (1370). Il Rinascimento si apre con una raccolta «Madonna in adorazione del Bambino con S. Giovannino» che si situa nell’ambito botticelliano e raggiunge l’apice con la «Venere, satiro e due amorini», tema caro ad Annibale Carracci (1560-1609) in cui una spiccata sensualità naturalistica si intreccia col ritmo solenne della classicità. Una carezzevole luminosità accende la morbida schiena della dea, presa di spalle, esaltandone la bellezza carnale, accentuata dal rosso cuscino su cui posa il gomito destro e dal bianco panno con cui cerca di coprirsi di fronte alla provocatoria offerta del satiro. I due amorini rappresentano l’amore sacro e l’amore profano, quest’ultimo dall’espressione di un desiderio inequivocabile mentre il primo frena il satiro prendendogli una delle corna. Questo soggetto, che riscosse molto successo, si ritiene che Annibale l'abbia replicato come dimostra la tela, di minori dimensioni, conservata agli Uffizi.
 
La stessa popolarità l’ha goduta «La fruttivendola» dell’olandese Frans Snyders (1579-1657), un dipinto di una festosa felicità tra i capolavori del Prado. Nella ampia tela campeggia un tavolo ricoperto da un drappo rosso su cui brillano con spettacolare freschezza cromatica una grande varietà di frutti che traboccano anche da un cesto di vimini, beccati da un pappagallo e da una scimmia, due animali che hanno chiari significati allegorici come la frutta. Al Seicento italiano controriformista appartiene la «Maddalena» di Simone Pignoni. Il Settecento si tinge dei colori teneri di Claude Vernet (Marina, 1776), dei cangiantismi delle sete della nobile Dama coi fiori nell’ambito di Nattier, delle incisioni acquerellate a mano con ritratti di pittori. Folta la rappresentanza ottocentesca da Camuccini ai paesaggisti toscani e nel Novecento troviamo Carrà, Sassu, Migneco e altri. Una piacevole pittoricità rivelano diversi arazzi fiamminghi del '500 con scene di caccia e di personaggi mitologici. La scultura si esprime coi materiali più diversi. E’ stato plasmato in terracotta il Cristo dolente di Giuseppe Mazzuoli di una struggente bellezza, così come il lindo tabernacolo di Santi Buglione e l’aggraziato Pallegrino inginocchiato di Luca Dalla Robbia il giovane. Il secentesco samurai giapponese ha abiti in tessuto mentre i nostri condottieri sono forgiati nel bronzo e Thomir crea eleganti figure femminili in bronzo dorato. Numerosi i mobili di pregio iniziando da un piccolo tavolo a bandelle di fine '400, da un lungo tavolo lombardo della metà del '500 ricco di motivi scolpiti e da un ragguardevole mobile di sagrestia (fine '500) in noce e radica di tuia. Nel '600 si va da un rustico stipo da cucina ad una rara credenza ferrarese con maniglie a bambocci, ad una esuberante scrivania diplomatica veneziana e una ricca console romana dei Chigi. Una raffinata «comode» francese Luigi XV dialoga con quattro sinuose poltrone veneziane mentre quattro poltrone romane provengono dalla Russia così come un mobile a rullo. Singolare un piccolo tavolo francese in bronzo dorato fitto di miniature di Sèvres. Eleganti una console lucchese del Primo Impero e un tavolo in radica del Secondo. Tra il mobile e la scultura si colloca la culla di don Ferdinando di Napoli. I  gioielli rappresentano un’attrazione tutta particolare. Tra quelli «classici» troviamo una collana in brillanti e pietre colorate di Boucheron, orecchini con zaffiri e brillanti di Cartier, una collana «alambra» di Van Cleef, gioielli con animali di David Webb e Frescarolo, una collana di Fred in tormalina e pelle d’angelo con pendenti d’oro. A questi si uniscono le fantasiose e vivaci creazioni di Laura Jotti: collane, orecchini, spille in corallo, turchese, smalto, e gioielli antichi incastonati con eleganza in nuovi contesti. Ma la mostra riserva altre sorprese come, ad esempio, una splendida corsia da tavolo veneziana con strumenti musicali (primo '800), una tovaglia in pizzo di Burano, un raro lampadario di Murano (primo '900) con 24 luci in cristallo e oro; uno straordinario vaso di bronzo proveniente da San Pietroburgo (1850), due pettini in legno da matrimonio del '400, alcuni antichi libri con pregevoli incisioni, scintillanti e dorati servizi da tavola di vecchi bastimenti. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

1commento

Claudio Baglioni

Claudio Baglioni

spettacoli

Sanremo, Baglioni sarà conduttore e direttore artistico

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

DOMANI

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Cade in bici, è grave

nel pomeriggio

Cade in bici in via Garibaldi: ottantenne ricoverato in gravi condizioni Video

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

4commenti

anteprima gazzetta

Massese, i mesi passano e nulla cambia: resta pericolosa

gazzareporter

Strada allagata in via Gramsci

venezia-Parma

Brutto momento, D'Aversa: "Dobbiamo uscirne con la voglia di lottare" Video

1commento

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

27commenti

fauna selvatica

Trasporto di animali feriti, affidato l'incarico

Il responsabile del servizio è il dr.Giovanni Maria Pisani

tg parma

Blitz col coltello in farmacia, è caccia ai rapinatori Video

1commento

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

ROCCABIANCA

Ponte sul Po, prima i disagi ora gli incidenti

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

2commenti

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

gazzareporter

Rifiuti "in bella mostra": la segnalazione dalla zona ospedale

4commenti

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Massa Carrara

Le spese pazze di don Euro: indagato anche il vescovo di Massa

Russia

Sulla statua di Kalashnikov c'è il mitra sbagliato

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

turismo

A Forte dei Marmi prorogata la chiusura degli stabilimenti: 5 novembre

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery