-2°

Arte

Giacometti tutte le anime di uno scultore

La mostra che la Galleria d'Arte Moderna di Milano dedica a un protagonista del Novecento. Dalle donne filiformi alle teste dei familiari lo sguardo fisso e severo di un genio

Giacometti tutte le anime di uno scultore

Un'opera di Giacometti

0

E' un universo intimo, carico di suggestioni, quello si apre agli occhi del visitatore nella mostra che la Galleria d’Arte Moderna di Milano dedica (fino al 1 febbraio 2015) ad Alberto Giacometti (1901-1966), grande protagonista della scultura del Novecento. Un universo destinato ad aprirsi su di una visione non solo formale ma anche interiore, di fronte ai ritratti del padre, della madre Annetta, del fratello Diego e della sorella Ottilia. Il lungo e completo percorso dell’esposizione milanese, promossa dal Comune di Milano|Cultura, organizzata e prodotta dalla GAM e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e curata da Catherine Grenier, direttore della Fondazione Alberto e Annette Giacometti di Parigi, racconta l’artista e la sua arte dagli esordi, nell’atelier del padre - Alberto Giacometti è nato a Borgonovo, piccolo villaggio della Svizzera italiana, primogenito del pittore impressionista svizzero Giovanni Giacometti- all’età matura, con opere dagli anni Venti agli anni Sessanta, che ne hanno segnato l’evoluzione. Scultura, dipinti, disegni sono suddivisi in cinque sezioni in cui si evidenziano alcuni capolavori assoluti come Boule suspendue, Femme qui marche, La cage, Quatre femmes sur socle, Buste d’Annette o ancora la monumentale Grande femme IV. Ma è la focalizzazione sui ritratti famigliari che apre la visita e fa entrare nell’universo dell’artista, che diverrà celebre per le sue figure in cammino, le donne immote e silenziose come idoli del passato, nella ricerca di forme espressive ancestrali, capaci di rappresentare la moderna umanità in una visione eterna. Dopo l’intima visione dei ritratti gli anni di Parigi, dove l’artista si era trasferito su consiglio paterno dopo il 1922, mostrano opere «figlie» del clima artistico cubista, allora in voga. Ma già nel 1931 Giacometti aderisce al Surrealismo, movimento a cui era stato avvicinato da Cocteau, Masson e dai coniugi Noailles: la seconda sezione presenta i lavori nati da questa parentesi di breve durata (lascerà il movimento nel 1935), veri e propri capolavori quali Femme qui marche, concepita come manichino per l’Esposizione Surrealista del 1933, Le Couple, che ben mostra l’interesse per l’arte africana e, l’ ancor più celebre, Boule Supendue, definita da Dalì come il prototipo degli “oggetti a funzionamento simbolico”, punto saliente del pensiero surrealista. La terza sezione testimonia la nuova ricerca rivolta al «vero»: i ritratti si fanno a scala ridotta, misurando solo una decina di centimetri e la testa diventa presto il fulcro del «nuovo», preannunciando quelle realizzate in pittura e scultura negli anni ‘50 e ‘60. E’ con il rientro a Parigi nel 1945 alla fine della guerra, che l’artista dà forma e vita ai suoi celebri personaggi filiformi, figure ieratiche e immobili, distribuite rigidamente su alti piedistalli o all’interno di gabbie che ne determinano i limiti spaziali. Il percorso prosegue con la ricerca artistica sulla rappresentazione della testa, preannunciata dai ritratti di Rita e Diego, e ben visibile nei dipinti e nelle sculture della maturità. I modelli scelti sono quelli a lui più vicini come la moglie Annette (Buste d’Annette, 1962), il fratello Diego (Buste de Diego, 1964), il filosofo giapponese Yanaihara (Buste de Yanaihara, 1961), l’amante Caroline. Sia in pittura, che in scultura il lavoro è intenso al fine di raggiungere il principale obiettivo: la somiglianza. Il percorso si chiude con le opere monumentali della Grande tête (1960-1966) e della Grande femme IV (1960-61), le più grandi da lui mai realizzate, la cui superficie rugosa accresce l’aspetto drammatico. Queste sculture sono presentate in mostra accanto ai due ritratti seduti di uomo e donna, frontali e ieratiche e con le braccia posate sulle gambe alla maniera delle sculture antiche: elemento comune l’intensità dello sguardo, rivolto dritto davanti a sé e perso in una sorta di aldilà quasi profetico. Si completa, così, un «storia» affascinante e ricca di risvolti ideali oltre che di adesioni formali che mettendo in luce le diverse fasi della ricerca dell’artista. il risultato è la consapevolezza di una indipendenza creativa espressione di una forza ideale oltre che formale nell’ opera tutta dell’artista. Per Alberto Giacometti infatti la forma, quella sua forma unica ed irripetibile pur nella visioni di movimenti ed interpretazioni visive, si rivela pretesto per accedere all’anima ed i significati si condensano nel desiderio di giungere a scolpire, in un solo essere umano, tutta l’umanità. Un’aspirazione coltivata con paziente adesione all’uomo, al pensiero e alle sue espressioni, nella ricerca costante di un’unione possibile degli elementi esistenziali, di bisogni interiori ed intimi condivisi dagli essere umani. Non bisogna, in una lettura più complessa, dimenticare che Giacometti fu amico di Sarte e lo frequentò per venticinque anni. Comune era la necessità di dar voce a quell’angoscia del vivere che lo scultore cercava nella «forma», nelle sue fragili ed imponenti e solitarie figure, espressione di una umanità dolente, ieratiche ed assolute, come l’uomo e l’artista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

2commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

2commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

1commento

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti