10°

22°

Arte

Giacometti tutte le anime di uno scultore

La mostra che la Galleria d'Arte Moderna di Milano dedica a un protagonista del Novecento. Dalle donne filiformi alle teste dei familiari lo sguardo fisso e severo di un genio

Giacometti tutte le anime di uno scultore

Un'opera di Giacometti

Ricevi gratis le news
0

E' un universo intimo, carico di suggestioni, quello si apre agli occhi del visitatore nella mostra che la Galleria d’Arte Moderna di Milano dedica (fino al 1 febbraio 2015) ad Alberto Giacometti (1901-1966), grande protagonista della scultura del Novecento. Un universo destinato ad aprirsi su di una visione non solo formale ma anche interiore, di fronte ai ritratti del padre, della madre Annetta, del fratello Diego e della sorella Ottilia. Il lungo e completo percorso dell’esposizione milanese, promossa dal Comune di Milano|Cultura, organizzata e prodotta dalla GAM e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e curata da Catherine Grenier, direttore della Fondazione Alberto e Annette Giacometti di Parigi, racconta l’artista e la sua arte dagli esordi, nell’atelier del padre - Alberto Giacometti è nato a Borgonovo, piccolo villaggio della Svizzera italiana, primogenito del pittore impressionista svizzero Giovanni Giacometti- all’età matura, con opere dagli anni Venti agli anni Sessanta, che ne hanno segnato l’evoluzione. Scultura, dipinti, disegni sono suddivisi in cinque sezioni in cui si evidenziano alcuni capolavori assoluti come Boule suspendue, Femme qui marche, La cage, Quatre femmes sur socle, Buste d’Annette o ancora la monumentale Grande femme IV. Ma è la focalizzazione sui ritratti famigliari che apre la visita e fa entrare nell’universo dell’artista, che diverrà celebre per le sue figure in cammino, le donne immote e silenziose come idoli del passato, nella ricerca di forme espressive ancestrali, capaci di rappresentare la moderna umanità in una visione eterna. Dopo l’intima visione dei ritratti gli anni di Parigi, dove l’artista si era trasferito su consiglio paterno dopo il 1922, mostrano opere «figlie» del clima artistico cubista, allora in voga. Ma già nel 1931 Giacometti aderisce al Surrealismo, movimento a cui era stato avvicinato da Cocteau, Masson e dai coniugi Noailles: la seconda sezione presenta i lavori nati da questa parentesi di breve durata (lascerà il movimento nel 1935), veri e propri capolavori quali Femme qui marche, concepita come manichino per l’Esposizione Surrealista del 1933, Le Couple, che ben mostra l’interesse per l’arte africana e, l’ ancor più celebre, Boule Supendue, definita da Dalì come il prototipo degli “oggetti a funzionamento simbolico”, punto saliente del pensiero surrealista. La terza sezione testimonia la nuova ricerca rivolta al «vero»: i ritratti si fanno a scala ridotta, misurando solo una decina di centimetri e la testa diventa presto il fulcro del «nuovo», preannunciando quelle realizzate in pittura e scultura negli anni ‘50 e ‘60. E’ con il rientro a Parigi nel 1945 alla fine della guerra, che l’artista dà forma e vita ai suoi celebri personaggi filiformi, figure ieratiche e immobili, distribuite rigidamente su alti piedistalli o all’interno di gabbie che ne determinano i limiti spaziali. Il percorso prosegue con la ricerca artistica sulla rappresentazione della testa, preannunciata dai ritratti di Rita e Diego, e ben visibile nei dipinti e nelle sculture della maturità. I modelli scelti sono quelli a lui più vicini come la moglie Annette (Buste d’Annette, 1962), il fratello Diego (Buste de Diego, 1964), il filosofo giapponese Yanaihara (Buste de Yanaihara, 1961), l’amante Caroline. Sia in pittura, che in scultura il lavoro è intenso al fine di raggiungere il principale obiettivo: la somiglianza. Il percorso si chiude con le opere monumentali della Grande tête (1960-1966) e della Grande femme IV (1960-61), le più grandi da lui mai realizzate, la cui superficie rugosa accresce l’aspetto drammatico. Queste sculture sono presentate in mostra accanto ai due ritratti seduti di uomo e donna, frontali e ieratiche e con le braccia posate sulle gambe alla maniera delle sculture antiche: elemento comune l’intensità dello sguardo, rivolto dritto davanti a sé e perso in una sorta di aldilà quasi profetico. Si completa, così, un «storia» affascinante e ricca di risvolti ideali oltre che di adesioni formali che mettendo in luce le diverse fasi della ricerca dell’artista. il risultato è la consapevolezza di una indipendenza creativa espressione di una forza ideale oltre che formale nell’ opera tutta dell’artista. Per Alberto Giacometti infatti la forma, quella sua forma unica ed irripetibile pur nella visioni di movimenti ed interpretazioni visive, si rivela pretesto per accedere all’anima ed i significati si condensano nel desiderio di giungere a scolpire, in un solo essere umano, tutta l’umanità. Un’aspirazione coltivata con paziente adesione all’uomo, al pensiero e alle sue espressioni, nella ricerca costante di un’unione possibile degli elementi esistenziali, di bisogni interiori ed intimi condivisi dagli essere umani. Non bisogna, in una lettura più complessa, dimenticare che Giacometti fu amico di Sarte e lo frequentò per venticinque anni. Comune era la necessità di dar voce a quell’angoscia del vivere che lo scultore cercava nella «forma», nelle sue fragili ed imponenti e solitarie figure, espressione di una umanità dolente, ieratiche ed assolute, come l’uomo e l’artista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

5commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

novellara

Si fingeva "sexy girl" su Facebook per raggirare gli uomini: denunciato

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto