-2°

Arte

Giacometti tutte le anime di uno scultore

La mostra che la Galleria d'Arte Moderna di Milano dedica a un protagonista del Novecento. Dalle donne filiformi alle teste dei familiari lo sguardo fisso e severo di un genio

Giacometti tutte le anime di uno scultore

Un'opera di Giacometti

Ricevi gratis le news
0

E' un universo intimo, carico di suggestioni, quello si apre agli occhi del visitatore nella mostra che la Galleria d’Arte Moderna di Milano dedica (fino al 1 febbraio 2015) ad Alberto Giacometti (1901-1966), grande protagonista della scultura del Novecento. Un universo destinato ad aprirsi su di una visione non solo formale ma anche interiore, di fronte ai ritratti del padre, della madre Annetta, del fratello Diego e della sorella Ottilia. Il lungo e completo percorso dell’esposizione milanese, promossa dal Comune di Milano|Cultura, organizzata e prodotta dalla GAM e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e curata da Catherine Grenier, direttore della Fondazione Alberto e Annette Giacometti di Parigi, racconta l’artista e la sua arte dagli esordi, nell’atelier del padre - Alberto Giacometti è nato a Borgonovo, piccolo villaggio della Svizzera italiana, primogenito del pittore impressionista svizzero Giovanni Giacometti- all’età matura, con opere dagli anni Venti agli anni Sessanta, che ne hanno segnato l’evoluzione. Scultura, dipinti, disegni sono suddivisi in cinque sezioni in cui si evidenziano alcuni capolavori assoluti come Boule suspendue, Femme qui marche, La cage, Quatre femmes sur socle, Buste d’Annette o ancora la monumentale Grande femme IV. Ma è la focalizzazione sui ritratti famigliari che apre la visita e fa entrare nell’universo dell’artista, che diverrà celebre per le sue figure in cammino, le donne immote e silenziose come idoli del passato, nella ricerca di forme espressive ancestrali, capaci di rappresentare la moderna umanità in una visione eterna. Dopo l’intima visione dei ritratti gli anni di Parigi, dove l’artista si era trasferito su consiglio paterno dopo il 1922, mostrano opere «figlie» del clima artistico cubista, allora in voga. Ma già nel 1931 Giacometti aderisce al Surrealismo, movimento a cui era stato avvicinato da Cocteau, Masson e dai coniugi Noailles: la seconda sezione presenta i lavori nati da questa parentesi di breve durata (lascerà il movimento nel 1935), veri e propri capolavori quali Femme qui marche, concepita come manichino per l’Esposizione Surrealista del 1933, Le Couple, che ben mostra l’interesse per l’arte africana e, l’ ancor più celebre, Boule Supendue, definita da Dalì come il prototipo degli “oggetti a funzionamento simbolico”, punto saliente del pensiero surrealista. La terza sezione testimonia la nuova ricerca rivolta al «vero»: i ritratti si fanno a scala ridotta, misurando solo una decina di centimetri e la testa diventa presto il fulcro del «nuovo», preannunciando quelle realizzate in pittura e scultura negli anni ‘50 e ‘60. E’ con il rientro a Parigi nel 1945 alla fine della guerra, che l’artista dà forma e vita ai suoi celebri personaggi filiformi, figure ieratiche e immobili, distribuite rigidamente su alti piedistalli o all’interno di gabbie che ne determinano i limiti spaziali. Il percorso prosegue con la ricerca artistica sulla rappresentazione della testa, preannunciata dai ritratti di Rita e Diego, e ben visibile nei dipinti e nelle sculture della maturità. I modelli scelti sono quelli a lui più vicini come la moglie Annette (Buste d’Annette, 1962), il fratello Diego (Buste de Diego, 1964), il filosofo giapponese Yanaihara (Buste de Yanaihara, 1961), l’amante Caroline. Sia in pittura, che in scultura il lavoro è intenso al fine di raggiungere il principale obiettivo: la somiglianza. Il percorso si chiude con le opere monumentali della Grande tête (1960-1966) e della Grande femme IV (1960-61), le più grandi da lui mai realizzate, la cui superficie rugosa accresce l’aspetto drammatico. Queste sculture sono presentate in mostra accanto ai due ritratti seduti di uomo e donna, frontali e ieratiche e con le braccia posate sulle gambe alla maniera delle sculture antiche: elemento comune l’intensità dello sguardo, rivolto dritto davanti a sé e perso in una sorta di aldilà quasi profetico. Si completa, così, un «storia» affascinante e ricca di risvolti ideali oltre che di adesioni formali che mettendo in luce le diverse fasi della ricerca dell’artista. il risultato è la consapevolezza di una indipendenza creativa espressione di una forza ideale oltre che formale nell’ opera tutta dell’artista. Per Alberto Giacometti infatti la forma, quella sua forma unica ed irripetibile pur nella visioni di movimenti ed interpretazioni visive, si rivela pretesto per accedere all’anima ed i significati si condensano nel desiderio di giungere a scolpire, in un solo essere umano, tutta l’umanità. Un’aspirazione coltivata con paziente adesione all’uomo, al pensiero e alle sue espressioni, nella ricerca costante di un’unione possibile degli elementi esistenziali, di bisogni interiori ed intimi condivisi dagli essere umani. Non bisogna, in una lettura più complessa, dimenticare che Giacometti fu amico di Sarte e lo frequentò per venticinque anni. Comune era la necessità di dar voce a quell’angoscia del vivere che lo scultore cercava nella «forma», nelle sue fragili ed imponenti e solitarie figure, espressione di una umanità dolente, ieratiche ed assolute, come l’uomo e l’artista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Biotestamento

L'ESPERTO

Biotestamento: come si fa a depositare le disposizioni

di Arturo Dalla Tana, notaio

Lealtrenotizie

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

elezioni

Salvini a Parma: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

BASSA REGGIANA

Brescello: trovato un furgone rubato e "depredato"

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

1commento

TERREMOTO

Una struttura polivalente per Accumoli con l'aiuto di Cariparma 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

LIGURIA

Terremoto di magnitudo 2.2 a Genova: evacuate alcune scuole

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato