18°

Arte

Giacometti tutte le anime di uno scultore

La mostra che la Galleria d'Arte Moderna di Milano dedica a un protagonista del Novecento. Dalle donne filiformi alle teste dei familiari lo sguardo fisso e severo di un genio

Giacometti tutte le anime di uno scultore

Un'opera di Giacometti

0

E' un universo intimo, carico di suggestioni, quello si apre agli occhi del visitatore nella mostra che la Galleria d’Arte Moderna di Milano dedica (fino al 1 febbraio 2015) ad Alberto Giacometti (1901-1966), grande protagonista della scultura del Novecento. Un universo destinato ad aprirsi su di una visione non solo formale ma anche interiore, di fronte ai ritratti del padre, della madre Annetta, del fratello Diego e della sorella Ottilia. Il lungo e completo percorso dell’esposizione milanese, promossa dal Comune di Milano|Cultura, organizzata e prodotta dalla GAM e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e curata da Catherine Grenier, direttore della Fondazione Alberto e Annette Giacometti di Parigi, racconta l’artista e la sua arte dagli esordi, nell’atelier del padre - Alberto Giacometti è nato a Borgonovo, piccolo villaggio della Svizzera italiana, primogenito del pittore impressionista svizzero Giovanni Giacometti- all’età matura, con opere dagli anni Venti agli anni Sessanta, che ne hanno segnato l’evoluzione. Scultura, dipinti, disegni sono suddivisi in cinque sezioni in cui si evidenziano alcuni capolavori assoluti come Boule suspendue, Femme qui marche, La cage, Quatre femmes sur socle, Buste d’Annette o ancora la monumentale Grande femme IV. Ma è la focalizzazione sui ritratti famigliari che apre la visita e fa entrare nell’universo dell’artista, che diverrà celebre per le sue figure in cammino, le donne immote e silenziose come idoli del passato, nella ricerca di forme espressive ancestrali, capaci di rappresentare la moderna umanità in una visione eterna. Dopo l’intima visione dei ritratti gli anni di Parigi, dove l’artista si era trasferito su consiglio paterno dopo il 1922, mostrano opere «figlie» del clima artistico cubista, allora in voga. Ma già nel 1931 Giacometti aderisce al Surrealismo, movimento a cui era stato avvicinato da Cocteau, Masson e dai coniugi Noailles: la seconda sezione presenta i lavori nati da questa parentesi di breve durata (lascerà il movimento nel 1935), veri e propri capolavori quali Femme qui marche, concepita come manichino per l’Esposizione Surrealista del 1933, Le Couple, che ben mostra l’interesse per l’arte africana e, l’ ancor più celebre, Boule Supendue, definita da Dalì come il prototipo degli “oggetti a funzionamento simbolico”, punto saliente del pensiero surrealista. La terza sezione testimonia la nuova ricerca rivolta al «vero»: i ritratti si fanno a scala ridotta, misurando solo una decina di centimetri e la testa diventa presto il fulcro del «nuovo», preannunciando quelle realizzate in pittura e scultura negli anni ‘50 e ‘60. E’ con il rientro a Parigi nel 1945 alla fine della guerra, che l’artista dà forma e vita ai suoi celebri personaggi filiformi, figure ieratiche e immobili, distribuite rigidamente su alti piedistalli o all’interno di gabbie che ne determinano i limiti spaziali. Il percorso prosegue con la ricerca artistica sulla rappresentazione della testa, preannunciata dai ritratti di Rita e Diego, e ben visibile nei dipinti e nelle sculture della maturità. I modelli scelti sono quelli a lui più vicini come la moglie Annette (Buste d’Annette, 1962), il fratello Diego (Buste de Diego, 1964), il filosofo giapponese Yanaihara (Buste de Yanaihara, 1961), l’amante Caroline. Sia in pittura, che in scultura il lavoro è intenso al fine di raggiungere il principale obiettivo: la somiglianza. Il percorso si chiude con le opere monumentali della Grande tête (1960-1966) e della Grande femme IV (1960-61), le più grandi da lui mai realizzate, la cui superficie rugosa accresce l’aspetto drammatico. Queste sculture sono presentate in mostra accanto ai due ritratti seduti di uomo e donna, frontali e ieratiche e con le braccia posate sulle gambe alla maniera delle sculture antiche: elemento comune l’intensità dello sguardo, rivolto dritto davanti a sé e perso in una sorta di aldilà quasi profetico. Si completa, così, un «storia» affascinante e ricca di risvolti ideali oltre che di adesioni formali che mettendo in luce le diverse fasi della ricerca dell’artista. il risultato è la consapevolezza di una indipendenza creativa espressione di una forza ideale oltre che formale nell’ opera tutta dell’artista. Per Alberto Giacometti infatti la forma, quella sua forma unica ed irripetibile pur nella visioni di movimenti ed interpretazioni visive, si rivela pretesto per accedere all’anima ed i significati si condensano nel desiderio di giungere a scolpire, in un solo essere umano, tutta l’umanità. Un’aspirazione coltivata con paziente adesione all’uomo, al pensiero e alle sue espressioni, nella ricerca costante di un’unione possibile degli elementi esistenziali, di bisogni interiori ed intimi condivisi dagli essere umani. Non bisogna, in una lettura più complessa, dimenticare che Giacometti fu amico di Sarte e lo frequentò per venticinque anni. Comune era la necessità di dar voce a quell’angoscia del vivere che lo scultore cercava nella «forma», nelle sue fragili ed imponenti e solitarie figure, espressione di una umanità dolente, ieratiche ed assolute, come l’uomo e l’artista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Schianto contro un camion: gravissimo un motociclista

traversetolo

Pauroso schianto contro un camion: muore un motociclista

soragna

Paura a Diolo: incidente, auto nel fosso

soragna

Scompare un 50enne: la zona di Diolo setacciata da cinofili ed elicottero Foto

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

1commento

lavoro

Occupazione: Bolzano è regina (73%), Parma è quinta (68,7%)

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

raduno

500 Miles...un fiume di Harley Davidson a Parma Gallery

agenda

Street food, primavera in tavola e... tattoo: l'agenda del sabato

domenica

Primarie del Pd: istruzioni per poter votare

Dalle 8 alle 20

tg parma

Forza Italia e Fratelli d'Italia: Vaccaro e Bocchi capolista

Allarme

Un'altra truffa del gas, occhio ai falsi lettori di contatori

polizia

"C'è un'auto sospetta": era rubata e carica di arnesi da scasso

Noceto

Noceto senza tangenziale, Fecci alza il tiro

Trasporto pubblico

Addio Tep: i prossimi 9 anni saranno targati Busitalia

Tep ha 30 giorni per un eventuale ricorso al tribunale amministrativo

11commenti

Viabilità

Troppi camion in paese, allarme a Vicofertile

1commento

assemblea

Ordine commercialisti: approvato il bilancio (positivo)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

1commento

ITALIA/MONDO

egitto

Il portavoce di al-Sisi: "Col Papa non si è parlato di Regeni"

ambiente

Lupo ucciso e scuoiato: "taglia" per trovare i responsabili

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

I 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

formula uno

Gp di Russia: la prima fila è della Ferrari. Vettel in pole

TENNIS

La Sharapova continua a vincere

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento