10°

22°

Arte-Cultura

Quando la lingua si appiattisce

Quando la lingua si appiattisce
Ricevi gratis le news
0

Giovani, in molti casi,  maleducati,  precocemente in cerca di emozioni artificiali e  dalla crassa ignoranza: in storia per esempio (tempo fa i diciotto-ventenni intervistati da una rete televisiva non sapevano dire che cosa si festeggiasse il 25 Aprile), ma anche in  lingua italiana. Di quest’ultimo aspetto parlo con Vera Gheno, membro del Clieo, Centro di Linguistica Storica e Teorica dell’Università di Firenze e Accademia della Crusca.
Professoressa Gheno, l’italiano parlato dalla maggior parte dei giovani è caratterizzato da spaventosa povertà di termini - se dieci anni fa avevano un vocabolario di 800 parole, sembra che oggi ne usino meno di 400, sulle 150.000 della lingua italiana, - difficoltà a formulare ragionamenti coerenti e sintetici, continuo ricorso a frasi fatte e inutili intercalari. Da cosa dipende questo imbarbarimento?  
Prima causa della modesta conoscenza lessicale è la scarsità di letture: chi legge poco conosce poche parole. Purtroppo in questa condizione non si trovano solo le nuove generazioni, ma ampi strati della popolazione italiana. Statistiche del 2007-2008 indicavano che i giovani in Italia leggono qualcosa di più dei loro genitori, ma sempre pochissimo, nell’ordine di qualche libro all’anno. Una fruizione così bassa di cultura scritta non può che incidere sulla conoscenza linguistica. Indagini condotte tra gli studenti universitari hanno mostrato come una buona parte degli interpellati non conoscesse il significato delle parole ''cattività'', ricondotto a ''cattiveria'', e ''reazionario'', interpretato come sinonimo di ''rivoluzionario''.
I giovani fanno inoltre un massiccio impiego di parolacce e bestemmie. La colpa è anche di TV, musica, pubblicità? 
  Considerato che il primo canale di fruizione della lingua è per la schiacciante maggioranza di giovani italiani la televisione, è evidente che incide moltissimo il turpiloquio del piccolo schermo, che ormai sdogana anche termini fino a pochi anni fa impronunciabili.  
 Gli adolescenti parlano più lingue, ossia una fra di loro e un’altra con professori e genitori ?  
 Se riescono a comprendere che professori, genitori e coetanei richiedono tipi diversi di lingua, è già un notevole passo in avanti. Più spesso usano con tutti un’unica varietà indistinta. Scriveva il linguista Alberto Sobrero nel 2003: «Quando si fa notare a un ragazzo che ''menare le mani'' non è un’espressione adatta a un articolo di giornale o a un verbale di polizia, la sua reazione - se non è di compunzione servile - è di sincero stupore. Per lui - o lei - si dice e si scrive ''menare le mani'': sempre, dovunque e con chiunque». D’altro canto sbagliano i giovani a pensare che la scuola parli una lingua avulsa dalla realtà, senza cogliere la ricchezza che la lingua fruita sui banchi può, anche in maniera indiretta, portare alla vita di tutti i giorni. Quello che spesso manca ai giovani è la capacità di distinguere tra ambiti comunicativi differenti, per cui parlano e scrivono sempre alla stessa maniera, indipendentemente dall’interlocutore e dalla situazione. Anche questo va ricondotto alla carenza di preparazione, soprattutto alla povertà di letture. 
Cosa fa la scuola per arginare questa deriva ? E’ forse, la sua, una battaglia donchisciottesca?  
  Secondo quanto mi raccontano gli studenti universitari, i ragazzi vedono la scuola come un’istituzione lontana dalla loro vita quotidiana, che spesso parla una lingua altrettanto distante. Da una parte abbiamo Dante e Manzoni, dall’altra il mondo odierno, che si muove sempre più precipitosamente, anche da un punto di vista linguistico. Non credo che la scuola conduca una battaglia donchisciottesca, ma certo non è facile intervenire. La lingua madre non si insegna ma si assimila, e occorrerebbe intervenire nel processo di assimilazione insegnando ai giovani ad amarla in tutte le sue forme, a capire il valore, per esempio, della lettura per piacere, non solo ai fini dello studio. Un compito non da poco.  
 La lingua è lo specchio dello stato di salute di una società e del suo grado di cultura. A sentire l’italiano stereotipato di tanti giovani, e non più giovani, viene talora da pensare ad Orwell. Non c'è da essere preoccupati?  
Mentre insigni linguisti quali Francesco Sabatini o Tullio de Mauro rassicurano sullo stato di salute della lingua italiana, non nascondo un po' di preoccupazione per la via imboccata da questa società, non solo sotto il profilo linguistico ma anche per quel che riguarda i modelli di comportamento e i valori stessi. La povertà linguistica è spesso manifestazione, sottovalutata, di povertà interiore e  di ristrettezza di orizzonti culturali. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'Oltretorrente continua a scendere in strada: passeggiata e giochi con i gessetti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Spray al peperoncino a scuola. In cinque al pronto soccorso

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

1commento

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

Calcio

Parma, cambia il modulo?

Contro l'Entella il tecnico D'Aversa potrebbe apportare qualche modifica al disegno tattico dei crociati

Smog

Stop ai diesel euro 4 fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

24commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Bari

La Finanza ferma un gommone con 1,5 tonnellate di marijuana

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

SPORT

Moto

MotoGp, Marquez leader nelle libere 1 in Australia

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

SOCIETA'

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto