-2°

10°

Arte-Cultura

Ragione, fede e politica

Ragione, fede e politica
0

 di Francesco Mannoni

Questo libro «non è una professione di fede. E’ una riflessione sulla laicità non come polo oppositivo, che più d’uno vor
rebbe rimuovere, ma come componente essenziale del discorso pubblico in democrazia». E’ l'incipit del nuovo saggio di Stefano Rodotà, «Perché laico» (Laterza, pag. 190, euro 15,00), ampia e incisiva indagine sul ruolo assunto dalla Chiesa nelle tante discussioni alla base di certe scelte che sembrerebbe voler contestare. Incontriamo il professor Stefano Rodotà che con questo saggio è finalista alla 19ª edizione del Premio Pen Club. 
Professore, perché come lei dice la laicità in Italia è vista come eccezione negativa?
Credo che ci sia stata soprattutto negli ultimi tempi una riflessione che definirei impropria sulla laicità. Per una ragione politica soprattutto, ci troviamo ancora di fronte al problema rappresentato da una pressione molto forte proveniente dalle gerarchie vaticane e in parte accettata anche dal sistema politico, di tradurre una serie di legittime posizioni di fede in norme vincolanti per tutti. Questo ha determinato la continuazione di un conflitto tra laici e cattolici che non avrebbe ragion d’essere se la laicità fosse intesa come deve essere e come ha detto la Corte Costituzione, ovvero un principio supremo dell’ordinamento.
Che cosa vuol dire questo professore?
Che il criterio della tolleranza, del rispetto delle opinioni degli altri, del dialogo sono una caratteristica del nostro sistema democratico. Nessuno può ritenere il proprio punto di vista talmente forte da imporsi agli altri per il semplice fatto che lo dichiara non negoziabile. Qui si è creato un corto circuito. In democrazia, le uniche posizioni non negoziabili sono quelle dei principi costituzionali perché hanno avuto una legittimazione democratica che gli altri principi non hanno.
Cosa intende dire veramente professore con questa distinzione?
Intendo dire che i principi costituzionali sono il risultato del voto del 1946 che ha eletto un’assemblea costituente che ha lavorato per due anni e ha prodotto una Costituzione approvata poi quasi all’unanimità. Le altre posizioni, gli altri valori e principi che entrano nella discussione pubblica e a mio giudizio devono entrare perché l’arricchiscono e la rendono più articolata e plurale, non possono però pretendere di avere poi la stessa forza o addirittura una forza superiore a quella dei principi costituzionali fino a quando non avranno avuto la stessa legittimazione della Costituzione. 
A chi si riferisce precisamente quando parla di altre posizioni?
Quando si discute di materie cosiddette sensibili intorno alle quali il tema della laicità è diventato molto caldo, per via di posizioni dalle fondamenti forti, entrano in discussione anche le encicliche papali, che però non sono un documento che può avere una forza maggiore di un principio costituzionale. Perciò da una parte abbiamo un’idea di laicità che dobbiamo salvaguardare come una laicità costitutiva che ormai fa corpo con la Costituzione, e dall’altra un residuo di laicità oppositiva, quella che verifichiamo nei dibattiti. C'e continuamente, a mio giudizio, il tentativo, non solo da parte delle gerarchie ecclesiastiche di imporre diversi punti di vista tutti legittimi, ma che non possono essere superiori a quanto stabilito dalla Costituzione.
Ma perché fa paura la laicità?
La laicità fa paura perché il principio di gerarchia e del valore autoritario è messo in discussione, e perché ciascuno di noi teme che anche le opinioni altrui siano legittime ed eliminino quel tanto di rassicurazione che viene da un principio di fede. 
Il confronto è reso difficile perché è in atto un conflitto di poteri?
Qui c'è un problema. All’inizio del libro cito una frase del 1907 di Gaetano Salvemini: «La scuola laica non deve imporre agli alunni credenze religiose, filosofiche o politiche in nome di autorità sottratte al sindacato della ragione. Ma deve mettere gli alunni in condizione di potere con piena libertà e consapevolezza formarsi da sé le proprie convinzioni politiche, filosofiche, religiose»; ebbene, io trovo che questa frase assolutamente attuale sia un po' l’emblema della laicità perché smentisce il luogo comune secondo cui i laici non vorrebbero che la religione entri nella sfera pubblica: ci entri pure, ma non ci può entrare come una sorta di privilegio. Chi è portatore di un punto di vista religioso, ha socialmente e politicamente più forza e più legittimazione. E poi c'è il punto del potere.
Sarebbe?
Negli ultimi anni in particolare, finita la mediazione della Democrazia Cristiana, le gerarchie ecclesiastiche vaticane si sono costituite in un vero e proprio soggetto politico e sono intervenute come tali nella discussione pubblica. L’intervento è legittimo, però nel momento in cui le gerarchie vaticane, il presidente della Cei, lo stesso pontefice agiscono come soggetti politici debbono rassegnarsi a essere giudicati come qualsiasi altro soggetto politico. Il tentativo che io faccio in questo libro è di uscire dalla laicità oppositiva legata alla contingenza politica italiana e recuperare le possibilità di dialogo comune. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi

documentari

Oscar: il parmigiano Rosi agguanta la nomination con "Fuocoammare"

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sopralluogo a Cassio per dare le risposte che mancano

DELITTO DI NATALE

Sopralluogo a Cassio per dare le risposte che mancano

2commenti

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

3commenti

lirica

Festival Verdi '17, Meo: "Artisti e produzioni di alto livello" Video

Dedicato a Toscanini nel 150° anniversario dalla nascita. Per lo Stiffelio, al Teatro Farnese, pubblico in piedi

Poltica

Pizzarotti con il centrosinistra? Pd, scintille tra Parma e Bologna

Merola: "Lo coinvolgerei". Serpagli: "Nell'Ulivo il gioco è di squadra". Pizzarotti: "Parma ben amministrare, il Pd locale dovrebbe essere contento e non zittire"

big match

Venezia-Parma: sold-out (per i tifosi crociati)

Per chi resta a casa: diretta su Tv Parma (domenica 14.30)

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

SCUOLA

Notte dei licei: il Classico Maria Luigia Gallery

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

1commento

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

6commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

VELLUTO ROSSO

Una settimana a teatro: classico, contemporaneo e...

ITALIA/MONDO

incidente

Elicottero del 118 precipita nell'aquilano: tutti morti i sei a bordo

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di tre donne e quattro uomini: le vittime salgono a 16

SOCIETA'

salute

I pericoli delle patate «tossiche»

video

La videocandidatura del "Pizza" è social-ironica

1commento

SPORT

sci

Valanga rosa: Plan de Corones vince la Brignone, la Bassino 3/a

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto