10°

19°

Arte-Cultura

Ragione, fede e politica

Ragione, fede e politica
0

 di Francesco Mannoni

Questo libro «non è una professione di fede. E’ una riflessione sulla laicità non come polo oppositivo, che più d’uno vor
rebbe rimuovere, ma come componente essenziale del discorso pubblico in democrazia». E’ l'incipit del nuovo saggio di Stefano Rodotà, «Perché laico» (Laterza, pag. 190, euro 15,00), ampia e incisiva indagine sul ruolo assunto dalla Chiesa nelle tante discussioni alla base di certe scelte che sembrerebbe voler contestare. Incontriamo il professor Stefano Rodotà che con questo saggio è finalista alla 19ª edizione del Premio Pen Club. 
Professore, perché come lei dice la laicità in Italia è vista come eccezione negativa?
Credo che ci sia stata soprattutto negli ultimi tempi una riflessione che definirei impropria sulla laicità. Per una ragione politica soprattutto, ci troviamo ancora di fronte al problema rappresentato da una pressione molto forte proveniente dalle gerarchie vaticane e in parte accettata anche dal sistema politico, di tradurre una serie di legittime posizioni di fede in norme vincolanti per tutti. Questo ha determinato la continuazione di un conflitto tra laici e cattolici che non avrebbe ragion d’essere se la laicità fosse intesa come deve essere e come ha detto la Corte Costituzione, ovvero un principio supremo dell’ordinamento.
Che cosa vuol dire questo professore?
Che il criterio della tolleranza, del rispetto delle opinioni degli altri, del dialogo sono una caratteristica del nostro sistema democratico. Nessuno può ritenere il proprio punto di vista talmente forte da imporsi agli altri per il semplice fatto che lo dichiara non negoziabile. Qui si è creato un corto circuito. In democrazia, le uniche posizioni non negoziabili sono quelle dei principi costituzionali perché hanno avuto una legittimazione democratica che gli altri principi non hanno.
Cosa intende dire veramente professore con questa distinzione?
Intendo dire che i principi costituzionali sono il risultato del voto del 1946 che ha eletto un’assemblea costituente che ha lavorato per due anni e ha prodotto una Costituzione approvata poi quasi all’unanimità. Le altre posizioni, gli altri valori e principi che entrano nella discussione pubblica e a mio giudizio devono entrare perché l’arricchiscono e la rendono più articolata e plurale, non possono però pretendere di avere poi la stessa forza o addirittura una forza superiore a quella dei principi costituzionali fino a quando non avranno avuto la stessa legittimazione della Costituzione. 
A chi si riferisce precisamente quando parla di altre posizioni?
Quando si discute di materie cosiddette sensibili intorno alle quali il tema della laicità è diventato molto caldo, per via di posizioni dalle fondamenti forti, entrano in discussione anche le encicliche papali, che però non sono un documento che può avere una forza maggiore di un principio costituzionale. Perciò da una parte abbiamo un’idea di laicità che dobbiamo salvaguardare come una laicità costitutiva che ormai fa corpo con la Costituzione, e dall’altra un residuo di laicità oppositiva, quella che verifichiamo nei dibattiti. C'e continuamente, a mio giudizio, il tentativo, non solo da parte delle gerarchie ecclesiastiche di imporre diversi punti di vista tutti legittimi, ma che non possono essere superiori a quanto stabilito dalla Costituzione.
Ma perché fa paura la laicità?
La laicità fa paura perché il principio di gerarchia e del valore autoritario è messo in discussione, e perché ciascuno di noi teme che anche le opinioni altrui siano legittime ed eliminino quel tanto di rassicurazione che viene da un principio di fede. 
Il confronto è reso difficile perché è in atto un conflitto di poteri?
Qui c'è un problema. All’inizio del libro cito una frase del 1907 di Gaetano Salvemini: «La scuola laica non deve imporre agli alunni credenze religiose, filosofiche o politiche in nome di autorità sottratte al sindacato della ragione. Ma deve mettere gli alunni in condizione di potere con piena libertà e consapevolezza formarsi da sé le proprie convinzioni politiche, filosofiche, religiose»; ebbene, io trovo che questa frase assolutamente attuale sia un po' l’emblema della laicità perché smentisce il luogo comune secondo cui i laici non vorrebbero che la religione entri nella sfera pubblica: ci entri pure, ma non ci può entrare come una sorta di privilegio. Chi è portatore di un punto di vista religioso, ha socialmente e politicamente più forza e più legittimazione. E poi c'è il punto del potere.
Sarebbe?
Negli ultimi anni in particolare, finita la mediazione della Democrazia Cristiana, le gerarchie ecclesiastiche vaticane si sono costituite in un vero e proprio soggetto politico e sono intervenute come tali nella discussione pubblica. L’intervento è legittimo, però nel momento in cui le gerarchie vaticane, il presidente della Cei, lo stesso pontefice agiscono come soggetti politici debbono rassegnarsi a essere giudicati come qualsiasi altro soggetto politico. Il tentativo che io faccio in questo libro è di uscire dalla laicità oppositiva legata alla contingenza politica italiana e recuperare le possibilità di dialogo comune. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

anteprima gazzetta

L'emergenza droga ancora in primo piano. E i lettori ci ringraziano

Da San Leonardo alle scuole nuovi episodi. Intervista all'assessore Casa

3commenti

VIA VOLTURNO

Ospedale, rispunta un parcheggiatore abusivo. Fermato un nigeriano

Identificate e sanzionate altre sette persone

7commenti

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

3commenti

Tg Parma

Il drammatico bollettino degli incidenti: da San Secondo a Parma Video

Due giovani donne investite in via Emilia Ovest e in via Traversetolo. Illeso un anziano dopo un terribile botto a Fontanellato

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Droga

San Leonardo ostaggio dei pusher: ecco come funziona "il rito"

21commenti

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

3commenti

tg parma

Giornate del Fai: 3 tappe per celebrare la storia parmense Video

Fiere di Parma

MecSpe, il cuore del salone è l'Industria 4.0

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

4commenti

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

1commento

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

3commenti

Tg Parma

Distretto Sud-Est, parte il progetto Staff per assistenza agli anziani Video

I FUNERALI

L'addio a Fadda. «Giovanni adesso è insieme a Dio»

Carcere

Pagliari interroga il Governo: "Serve un direttore a tempo pieno"

Il senatore replica alle accuse del sindaco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

1commento

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

Medicina

La maggior parte dei tumori è dovuta al caso

Lutto

Addio a "monnezza": è morto il grande Tomas Milian Gallery Video

1commento

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

GAZZAREPORTER

Che bell'arcobaleno a Langhirano

SPORT

motogp

Qatar, prime libere: domina Vinales. Rossi solo nono

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery