Arte-Cultura

Dal patonén alla bombonén'na

0

di Giuseppe Mezzadri

Ho conosciuto Angiolino Melegari parecchi anni fa. Ci aveva presentati la maestra Pelagatti che insegnava all’Università degli anziani. Lo considerava un «allievo» notevole e apprezzava i suoi scritti del tipo «amarcord». Mi chiese di aiutarlo a correggere la grafia dei testi in dialetto. Attività che facevo volentieri perché mi piacevano i suoi lavori e lo stimavo come persona: intelligente, sensibile, modesto ma anche determinato. In seguito profuse queste sue doti nell’attività del circolo «Sandro Pertini» di cui fu anima e fondatore. L’attività del circolo, attualmente guidato da Ermes Ghirardi, è volta a promuovere la conoscenza e la difesa delle nostre tradizioni. Ricordo, ad esempio, un pomeriggio di vari anni fa in cui Angiolino aveva invitato il professor Ghirardini a parlare della storia di Parma e il sottoscritto a parlare di dialetto. Il circolo, che coltiva anche interessi culturali non soltanto locali, ha proposto di recente una serie di conferenze sui «Promessi sposi». Per ricordare l’amico Angiolino, che non  è più tra noi, mi piace utilizzare i testi che seguono, frutto della nostra vecchia collaborazione, sia perché li ritengo interessanti sia perché sono un esempio di prosa pensata e scritta in dialetto. Angiolino inizia questo racconto proponendo, con auto ironia, un impietoso confronto fra la sua situazione di anziano e quella di quando era un ragazzino.

 «L’é ‘na coza gnàn da creddor, a so’ in garag da almeno mez’ora sénsa savär coza son gnù a sercär. Al me garag al n’é miga al magazén äd Bormioli. A gh’é si un po’ ‘d roba butäda li basta ch’sia, mo j’ò scarughè e pasè in rivista tutt almeno déz volti sensa risultät. Sa péns a la pelicola ch’j ò vist jar sira ala televisión an m’arcord pù, né ‘l titol né ch’i j eron j artista o ‘l regista. Mo se invéci a péns a stant’ani fa quand era un remigén, cme ‘s diz ades’, a m’arcord äd tutt cme sa fuss adés!». 
LA SCUOLA
«Äd ca’ a stäva fóra ‘d porta. Era un pajzanétt timmid e scontróz. Era carsù, d’inveron, int la stala e, d’istè, in meza ai camp. A v’däva mäi nisón fóra di me’ e di zvinant. Con la scóla la me vitta l’era cambiäda da acsi a ‘csi. A v’dèva tanta génta par la sträda e, a scóla po’, quant ragas! E la méstra, la bidéla e ‘l diretór! Tutt i m’ fävon dil dmàndi; che fadiga a rispondor! A m’vedd ancorra davanti al portón col scosalén äd satén nigor e lustor, il scärpi nóvi äd vachetta comprädi aposta par la scóla (primma gh’äva il pantofli), i znoc’ un po’ ruzon sibén ch’i m’ drovison al savón e la zbruss’cia; che sudisjón». 
AL PATONÉN
«Mo coj ch’a m’incantäva j éron: al patonén, la bombonén’na e la castagnén’na; che personagg! Mi j’äva mäj visst primma d’alora. Al patonén, un toscanas suj quarant’an dala batuda pronta ch’a ‘l däva gratis «la giunta e la barzlèta», la «giunta» l’era ‘na ftén’na ‘d paton’na grosa poch äd pù che un francbòll, mo par coll ch’la costäva l’era sempor bendètta. Al patonén l’era sempor vestì äd fustagn con un scosalén ‘d péla grand miga pu äd ‘na spana e ‘l portäva in gir ‘na tèccia äd ram granda cme ‘na sojóla da bugäda con dentor ‘na paton’na ch’la paräva impastäda cól buter da tant l’andäva zò ala zvèlta, chil pochi volti ch’a s’ podäva comprärni un bconsén».  
LA BOMBONÉN’NA
«La bombonén’na l’era ‘na donlén’na vestida a l’antiga ch’la paräva ‘na bambola vécia. Con la bocca sempor soridenta la gh’äva un compliment par tutti. A s’sintivon un po’ tutti so ‘nvodén. La portäva in gir ‘na zgarbagna, ch’l’era ‘na césta spiana e bizlónga ch’la gh’äva un gran manogh a metè e che in campagna la s’ droväva a portär al pan al fóron. Quanti robi gh’era dentor! Ogni bén di Dio. Mi an n’äva mäi visst tanta grasja: castagni secchi, mintén, cicolatén, caraméli, confét, carughi e tanta rigolisia; in sproch, in stecchi, in tarnetti e scarafas. In ch’la zgarbagna lì mi ‘gh lasäva chi poch centén ch’a vdäva ‘na quälca volta int l’an. Tutt i dì, invéci, agh lasäva la vista».
LA CASTAGNÉN’NA
«La castagnén’na, invéci, l’era vestida äd nigor a cominciär dal fasolett d’incò finn’a aj supè. D’ogni tant l’infilsäva ‘na man sotta al scjal, la scarugäva un po’ e la tiräva fóra ‘na tabachéra lusstra cme chisà a fòrsi äd dróvärla. La l’arviva, la n’in ciapäva su un psigotén con du did e po’, cól did gros, la s’al carcäva su pr’i buz dal näz. D’ogni tant, cól fasolètt la s’ sugäva ‘la gossa e po’, par tutt al témp, la seguitäva a fär vént cól scarmaj. La gh’äva sémpor la grénta. L’an soridäva gnan’ s’la vinsäva al lot, mo dal so’ fogón, nigor cme le, gnäva fóra un profumm ch’al limpiva tutt al borogh e ‘l riväva fin’na in cél. Sa stricch j’oc; al patonén, la bombonén’na e la castagnén’na a j’a vedd ancorra li davanti al porton äd la scóla cme si fuss’n ancorra lì».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

incidente

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

3commenti

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)