-5°

Arte-Cultura

Dal patonén alla bombonén'na

0

di Giuseppe Mezzadri

Ho conosciuto Angiolino Melegari parecchi anni fa. Ci aveva presentati la maestra Pelagatti che insegnava all’Università degli anziani. Lo considerava un «allievo» notevole e apprezzava i suoi scritti del tipo «amarcord». Mi chiese di aiutarlo a correggere la grafia dei testi in dialetto. Attività che facevo volentieri perché mi piacevano i suoi lavori e lo stimavo come persona: intelligente, sensibile, modesto ma anche determinato. In seguito profuse queste sue doti nell’attività del circolo «Sandro Pertini» di cui fu anima e fondatore. L’attività del circolo, attualmente guidato da Ermes Ghirardi, è volta a promuovere la conoscenza e la difesa delle nostre tradizioni. Ricordo, ad esempio, un pomeriggio di vari anni fa in cui Angiolino aveva invitato il professor Ghirardini a parlare della storia di Parma e il sottoscritto a parlare di dialetto. Il circolo, che coltiva anche interessi culturali non soltanto locali, ha proposto di recente una serie di conferenze sui «Promessi sposi». Per ricordare l’amico Angiolino, che non  è più tra noi, mi piace utilizzare i testi che seguono, frutto della nostra vecchia collaborazione, sia perché li ritengo interessanti sia perché sono un esempio di prosa pensata e scritta in dialetto. Angiolino inizia questo racconto proponendo, con auto ironia, un impietoso confronto fra la sua situazione di anziano e quella di quando era un ragazzino.

 «L’é ‘na coza gnàn da creddor, a so’ in garag da almeno mez’ora sénsa savär coza son gnù a sercär. Al me garag al n’é miga al magazén äd Bormioli. A gh’é si un po’ ‘d roba butäda li basta ch’sia, mo j’ò scarughè e pasè in rivista tutt almeno déz volti sensa risultät. Sa péns a la pelicola ch’j ò vist jar sira ala televisión an m’arcord pù, né ‘l titol né ch’i j eron j artista o ‘l regista. Mo se invéci a péns a stant’ani fa quand era un remigén, cme ‘s diz ades’, a m’arcord äd tutt cme sa fuss adés!». 
LA SCUOLA
«Äd ca’ a stäva fóra ‘d porta. Era un pajzanétt timmid e scontróz. Era carsù, d’inveron, int la stala e, d’istè, in meza ai camp. A v’däva mäi nisón fóra di me’ e di zvinant. Con la scóla la me vitta l’era cambiäda da acsi a ‘csi. A v’dèva tanta génta par la sträda e, a scóla po’, quant ragas! E la méstra, la bidéla e ‘l diretór! Tutt i m’ fävon dil dmàndi; che fadiga a rispondor! A m’vedd ancorra davanti al portón col scosalén äd satén nigor e lustor, il scärpi nóvi äd vachetta comprädi aposta par la scóla (primma gh’äva il pantofli), i znoc’ un po’ ruzon sibén ch’i m’ drovison al savón e la zbruss’cia; che sudisjón». 
AL PATONÉN
«Mo coj ch’a m’incantäva j éron: al patonén, la bombonén’na e la castagnén’na; che personagg! Mi j’äva mäj visst primma d’alora. Al patonén, un toscanas suj quarant’an dala batuda pronta ch’a ‘l däva gratis «la giunta e la barzlèta», la «giunta» l’era ‘na ftén’na ‘d paton’na grosa poch äd pù che un francbòll, mo par coll ch’la costäva l’era sempor bendètta. Al patonén l’era sempor vestì äd fustagn con un scosalén ‘d péla grand miga pu äd ‘na spana e ‘l portäva in gir ‘na tèccia äd ram granda cme ‘na sojóla da bugäda con dentor ‘na paton’na ch’la paräva impastäda cól buter da tant l’andäva zò ala zvèlta, chil pochi volti ch’a s’ podäva comprärni un bconsén».  
LA BOMBONÉN’NA
«La bombonén’na l’era ‘na donlén’na vestida a l’antiga ch’la paräva ‘na bambola vécia. Con la bocca sempor soridenta la gh’äva un compliment par tutti. A s’sintivon un po’ tutti so ‘nvodén. La portäva in gir ‘na zgarbagna, ch’l’era ‘na césta spiana e bizlónga ch’la gh’äva un gran manogh a metè e che in campagna la s’ droväva a portär al pan al fóron. Quanti robi gh’era dentor! Ogni bén di Dio. Mi an n’äva mäi visst tanta grasja: castagni secchi, mintén, cicolatén, caraméli, confét, carughi e tanta rigolisia; in sproch, in stecchi, in tarnetti e scarafas. In ch’la zgarbagna lì mi ‘gh lasäva chi poch centén ch’a vdäva ‘na quälca volta int l’an. Tutt i dì, invéci, agh lasäva la vista».
LA CASTAGNÉN’NA
«La castagnén’na, invéci, l’era vestida äd nigor a cominciär dal fasolett d’incò finn’a aj supè. D’ogni tant l’infilsäva ‘na man sotta al scjal, la scarugäva un po’ e la tiräva fóra ‘na tabachéra lusstra cme chisà a fòrsi äd dróvärla. La l’arviva, la n’in ciapäva su un psigotén con du did e po’, cól did gros, la s’al carcäva su pr’i buz dal näz. D’ogni tant, cól fasolètt la s’ sugäva ‘la gossa e po’, par tutt al témp, la seguitäva a fär vént cól scarmaj. La gh’äva sémpor la grénta. L’an soridäva gnan’ s’la vinsäva al lot, mo dal so’ fogón, nigor cme le, gnäva fóra un profumm ch’al limpiva tutt al borogh e ‘l riväva fin’na in cél. Sa stricch j’oc; al patonén, la bombonén’na e la castagnén’na a j’a vedd ancorra li davanti al porton äd la scóla cme si fuss’n ancorra lì».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

3commenti

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

1commento

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

primarie pd

Dall'Olio-Scarpa: c'è l'accordo

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

1commento

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Tg Parma

Alfieri: "Parma deve tornare ad essere la nostra casa"

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

Parma Calcio

Coric, risoluzione consensuale del contratto

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto