17°

32°

Arte-Cultura

Maigret, icona immortale

Maigret, icona immortale
0

La mattina del 4 settembre 1989, a Losanna dove dimorava dal 1957 in una villa piena di strani oggetti, Georges Simenon moriva assistito dalla fedele cameriera Teresa Sburelin una donna friulana che il suo editore Arnoldo Mondadori gli aveva suggerito di assumere.  Teresa per trent'anni fu, per Simenon, madre, moglie, infermiera e amante: una presenza importantissima e rara nella vita dello scrittore. Che era nato a Liegi nel febbraio del 1903 in una modesta famiglia borghese, di piccoli commercianti, il nonno aveva una bottega di cappellaio, il padre era contabile in una compagnia di assicurazione la madre, Henriette Brüll era dominata da crisi isteriche e attaccata ai due figli, specialmente a Christian, più giovane di Georges, che morirà appena quarantenne in Indocina nella Legione straniera. Georges è un giovane riservato, persino chiuso, legge moltissimo, da solo cerca i propri autori Gogol e Cechov, Flaubert e Maupassant. A sedici anni entra come cronista di «nera» alla «Gazette de Liège» e tre anni dopo pubblica il suo primo romanzo «Au port des Arches» che non riceve nessuna attenzione.  Allora, si trasferisce a Parigi e si sposa con Régine Renchon detta Tigy, una pittrice più vecchia di lui. È il tempo delle più importanti rivelazioni letterarie: dal '23 al '31 lavora senza sosta, scrive 181 romanzi e più di 1500 racconti sotto i più disparati pseudonimi.
Conosce Joséphine Baker e se ne innamora, lei lo vuole sposare ma Simenon rifiuta perché sicuro che avrebbe oscurato la propria popolarità. Negli Anni Trenta si verifica anche quell'interna divisione della creatività simenoniana che caratterizzerà poi tutta la sua opera: da una parte, il commissario Maigret; dall'altra, oltre quaranta romanzi «senza Maigret» che diventeranno settanta nel decennio successivo e ancora tanti di più negli anni seguenti. Simenon diventa allora il maggior scrittore popolare del novecento europeo e da lì nascono la sua gloria e la sua condanna: la gloria del successo, e la condanna a un ruolo minore letterariamente parlando che gli impedirà anche di essere ammesso - almeno ammesso - tra gli scrittori in predicato per il Nobel. L'uomo Simenon è pieno di ombre, tanto che un suo biografo, Patrick Marnham, arriverà a scrivere che egli è «tutti i personaggi e nessuno», e la vita gli dona moltissime soddisfazioni, fiero della propria virilità possiede tutte le donne di cui s'incapriccia, apparentemente esibisce modestia ma intimamente ama il lusso, compera case trentatré volte, le rivende, acquista castelli, yacht, vestiti costosi e ha un tavolo riservato da Maxim's a tutte le ore.
E lo scrittore? Lo scrittore è un mago, tutto quello che racconta diventa vero, che è la virtù dei grandi narratori, e se Maigret e le sue indagini riempiono il mondo di milioni di copie, il vero Simenon resta quello «senza Maigret» con i suoi «romans durs» come lui li definiva, i romanzi d'ambiente nei quali s'insinua il mondo di una infinita e tragica malinconia. Squallide pensioni, alberghi  malfamati, stazioni, lungosenna nebbiosi, angiporti, banchine e viali, luoghi sordidi e nascosti alla luce del sole sono gli ambienti e le atmosfere tra i quali s'addentra il suo potere di indagatore inesorabilmente preciso.
Ebrei, neri, polacchi, zingari, italiani, greci e poveri d'ogni specie popolano queste storie di solitudine, di personaggi sgangherati che conducono vite da topo, rifiuti umani che non provocano nessuna pietà. E i film di Carnè e di Cluzot chiariranno bene le intenzioni dello scrittore. Dopo il 1972, e dopo la morte della madre novantenne che Georges assiste  dedicandole due anni dopo il bellissimo «Lettera a mia madre», non compone più romanzi ma si dedica invece  a dettare i propri ricordi che confluiranno nel mastodontico volume delle «Memorie intime» pubblicato da Adelphi, come tutte le altre opere dello scrittore, nel 2003, assieme al «Libro di Marie-Jo», la figlia che si era suicidata nel '78 a Parigi.
Giunto a settantasette anni, dunque, il grande dispensatore di storie e di trame si rifugia in se stesso e compone la propria «cognizione del dolore», il testamento-documento di una vita interamente, convintamente e ossessivamente dedicata alla letteratura  con gli indimenticabili punti fissi de «Le finestre di fronte» ('33), «I Pitard» ('35), «Il testamento Donadieu» ('37), «Il borgomastro di Furnes» ('39), «La neve sporca» ('48), «Il gatto» ('67), «Il ricco» ('70) tanto per ricordare solo una minima parte di un'opera così vasta e disseminata lungo un considerevole spazio di anni.
Opera che a vent'anni dalla scomparsa dell'autore  resta ancora tra le più cercate e amate dai lettori di ogni parte del mondo affascinati dal ritmo, dalla leggerezza, dalla pensosa armonia descrittiva dei luoghi, dalle emozioni e dei sentimenti «di una bellezza quasi intollerabile», aveva detto François Mauriac.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks

Cannes

Glamour e sensualità per il red carpet di Twin Peaks - Gallery

La domenica pomeriggio al Colle San Giuseppe

FESTE

Un pomeriggio al Colle... foto

Il pallone di Totti ce l'ha Thomas: "Non lo vendo, è sacro"

la storia

Il pallone di Totti ce l'ha Thomas: "Non lo vendo, è sacro" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo - Laura Chimenti

L'INDISCRETO

Nove telegiornaliste che bucano il piccolo schermo

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Magik, furto in palestra: rubato un impianto stereo

DOPO IL PALACITI

Magik, furto in palestra: rubato un impianto stereo

SORBOLO

Scoperti i ragazzi che «giocano» a buttarsi

BASEBALL

Davide, il fuoriclasse che non dimenticheremo mai

RUGBY

Gavazzi, «ultimatum» alle Zebre

MUSICA

Il dj Luca Giudici: «Sarò al fianco di Clementino»

VIA ALEOTTI

69enne travolto da un pirata

SALA BAGANZA

Investito sulle strisce: gravissimo

VIA TOSCANA

Bertolucci, rubata una bici al giorno. E le telecamere?

VIA BUDELLUNGO

Prima l'incidente, poi la lite e la "fuga" con il trattore: condannato agricoltore

play-off

Lucchese (mercoledì): oltre 6mila biglietti venduti

Problemi on line, Majo: "Fisiologico quando c'è richiesta". Per il ritorno a Lucca: prevendita nella sede del Centro di Coordinamento

1commento

PARMA

Ruba una borsetta nella chiesa dell'Annunziata: inseguita e bloccata 56enne parmigiana Video

1commento

ANTEPRIMA GAZZETTA

Ancora furti. Stavolta nella palestra della Magik

Bertolucci, telecamere spente. E sparisce una bici al giorno

1commento

baseball in lutto

Lo sport di Parma piange Davide Bassi

Parma

Una lettrice: "Stazione, un uomo nudo nel piazzale ma nessuno interviene"

32commenti

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

Via Amendola: i pusher si allontanano, gli invitati restano. E si arrabbiano

15commenti

PARMA

Trasporto pubblico: Tep fa ricorso contro BusItalia Video

Sollevate contestazioni sul piano formale e sulla sostenibilità del piano economico-finanziario

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

La nostra vita blindata nell'epoca della paura

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

GRAN BRETAGNA

Custode dello zoo sbranata da una tigre

l'allarme

Troppo facile comprare armi su internet Video

SOCIETA'

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

MEDIO ORIENTE

"Bombardiamo l'odio con l'amore": spopola il video del Kuwait contro i kamikaze

SPORT

calciomercato

Voci dalla Liguria: "Faggiano in pole per il dg dello Spezia"

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

MOTORI

Volkswagen

Golf, è l'ora della variante a metano

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione