-2°

Arte-Cultura

Guido Carmignani dimenticato

Guido Carmignani dimenticato
Ricevi gratis le news
0

Pier Paolo Mendogni

Parma sembra piuttosto distratta sulle ricorrenze storiche riguardanti i suoi artisti più noti, ad eccezione di Correggio e Parmigianino. Quest’anno sta passando sotto silenzio il bicentenario della morte di Gaetano Callani - artista che ebbe prestigiosi riconoscimenti anche all’estero e le cui splendide statue giacciono ignorate nella chiesa di Sant'Antonio Abate - e lo stesso avviene per il centenario della scomparsa di Guido Carmignani, uno dei più sensibili interpreti della Parma ottocentesca.
Nato il 23 gennaio 1838 da Giulio, pittore di notevoli qualità, e da Virginia Guidorossi, fin da ragazzo ha mostrato uno spiccato talento artistico, tanto da essere già definito a 13 anni «pittore paesista» e come dimostra la «Veduta del torrente Parma presa dal torrente» del 1853, unica opera da lui firmata col nome Guido per esteso.
Nel 1854, sedicenne, partecipava alla mostra della Società di Incoraggiamento con quel «Torrente Parma presso il Ponte Dattaro» (oggi nella Galleria Nazionale di Parma) in cui la visione si dilata su un ampio orizzonte in una tenue luminosità scandita dai riflessi verdi e rosa degli alberi e delle case nelle acque immote del torrente mentre all’orizzonte i monti trascolorano nella luce della sera.
Un altro esempio della sua sensibilità nel cogliere la poesia della natura nei suoi mutamenti di luce e di atmosfera l’abbiamo nel «Mulino sul Po, tramonto», conservato nel Museo Glauco Lombardi, dipinto nel 1856, anno in cui inviava ben 16 opere alla Mostra di Incoraggiamento: in questo dipinto emerge pure la sua attenzione alla concretezza materica, che lo caratterizzerà in tanti suoi lavori.
Del tutto diversa, rispetto alle opere precedenti, la splendida «Reale Aranciera colla esposizione floreale» realizzata a 19 anni, che si può ammirare nella Galleria Nazionale: «un piccolo capolavoro giovanile» - l’ha definita Roberto Tassi nella sua fondamentale monografia su «Carmignani padre e figlio» - in cui Guido «si mostra già un pittore della vita moderna, che riproduce dal vero con freschezza di impressione, con linguaggio immediato».
Il 13 settembre dello steso anno (1857) il giovane, su consiglio del padre Giulio, partiva per Parigi, dove si tratteneva fino a metà del luglio del '58 frequentando i musei ma interessandosi soprattutto della pittura contemporanea, che in quel momento era ferma al naturalismo e al realismo della Scuola di Barbizon, anche se non mancavano le suggestioni esotiche degli orientalisti, che lo porteranno a riprendere alcuni soggetti, quali gli «Arabi nel deserto» e i gruppi di beduini.
Ma il suo principale interesse era il paesaggio in cui poteva esprimere il suo amore per la natura, riproducendola con realistica concretezza in modo antiaccademico. Si accostava pure alla litografia e alla nascente fotografia, che già alcuni artisti parigini utilizzavano per ritrarre quei soggetti che avrebbero poi sviluppato pittoricamente; un sistema che userà più tardi anche lui a Parma.
Al suo ritorno la duchessa Luisa Maria l’incaricava di eseguire sei figurini per maschere e alcune caricature per il carnevale del 1859. Nel 1862 veniva nominato professore di Paesaggio all’Accademia di Belle Arti di Parma, incarico che conserverà fino al 1877 quando verrà abolita la cattedra di quella materia.
Sempre nel '62 vinceva la medaglia d’oro alla Mostra di Bologna con una «Veduta di Cuneo». L’esperienza parigina gli era servita per addolcire il segno, per usarlo con maggiore scioltezza e per accentuare la luminosità cromatica del chiaro-scuro. E i risultati si vedono nei paesaggi appenninici ma anche in quegli angoli di una Parma ormai scomparsa e che Guido ha dipinto con un amore che ha saputo trasformare la povertà in poesia, i muri corrosi in affascinanti brani pittorici.
 Numerosi erano i riconoscimenti che gli provenivano non solo dal mercato ma anche dalle istituzioni. La disastrosa inondazione dell’Oltretorrente del 24 settembre 1868 veniva fotografata da Guido e queste tragiche immagini verranno riportate sulla tela cinque anni più tardi con una qualità pittorica tale da trasportare la realtà contingente su un piano di dramma assoluto.
Nel 1878 veniva incaricato per un biennio di insegnare Pittura di Paese a Brera e fra i suoi allievi vi era Giovanni Segantini. Poco dopo partecipava con due opere alla Esposizione di Belle Arti a Roma. Quello che era stato un giovane artista estroso, curioso delle novità emergenti, con gli anni tendeva a limitare i suoi interessi, restringendoli su Parma e il territorio circostante.
Si muoveva a fatica dall’abitazione di Borgo Felino - di cui conosciamo la cucina descritta con affettuosa, tenerissima sensibilità pittorica e luministica - e si dilettava a scrivere poesie in dialetto parmigiano. Nelle sue ultime tele compare una Parma velata di tristezza, seppur connotata di poesia. Si spegneva l’8 marzo del 1909, a 71 anni.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Oggi speciale su cani, gatti & Co. con la Gazzetta di Parma

Lealtrenotizie

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

elezioni

Salvini a Parma: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

Viabilità

Colorno, verifiche ai ponti dopo la piena

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

modena

Colpì una 15enne col manganello, chiesto processo per poliziotto

2commenti

SPORT

SPORT

Il ritorno del "Biscione" in Formula Uno: ecco l'Alfa Romeo C37 Foto

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

MOTORI

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto