-2°

Arte-Cultura

Ronis, un secolo e centomila scatti di poesia quotidiana

Ronis, un secolo e centomila scatti di poesia quotidiana
0

 Scattava fotografie «come cantano  gli uccelli», alla maniera di un fotografo umanista, «senza  porsi domande», aveva spiegato in un’intervista a luglio. Willy  Ronis, leggenda della Parigi in bianco e nero con Robert  Doisneau e Henri Cartier-Bresson, è morto  a 99 anni, concludendo una carriera di 100.000 fotografie. Aveva perso sua moglie, ritratta mentre si lava nella celebre  «Nudo provenzale», e anche suo figlio, precipitato con un  deltaplano, ma non l’entusiasmo per le cose semplici e le scene  di tutti i giorni, di cui andava a caccia nella capitale  francese armato di obiettivo e cavalletto. 
Fino alla fine dei  suoi giorni è rimasto fedele alla storica agenzia Rapho, di cui  faceva parte anche Robert Doisneau.  «Ha immortalato per noi e per le prossime generazioni una  Francia popolare e poetica», gli ha reso omaggio il presidente  della Repubblica Nicolas Sarkozy. «Ha offerto alle nostre vite  uno specchio luminoso, ha salvato dal tempo perduto la poesia  del quotidiano», ha commentato il ministro della Cultura  Frederic Mitterrand. Ronis ha vissuto grazie ai reportage  fotografici in bianco e nero pubblicati in giornali e periodici,  in particolare nella rivista «Regards». Fa parte di quella  scuola di fotografi francesi che nel dopoguerra hanno dato  un’immagine sorridente al paese transalpino, fatta di bambini  monelli, baci tra innamorati, mestieri semplici e scene  quotidiane.

Amante dei quartieri parigini di Belleville e Menilmontant, aveva una particolare predilezione per le viste dall’alto, che  lasciano lo spazio a Notre Dame e alla Tour Eiffel. Quando salì  sulla Torre di Luglio, in Piazza della Bastille, scattò quel  bacio alla tempia tra i due innamorati senza che loro se ne  accorgessero. Avrebbe incontrato «Riton» e Marinette, «Les  amoureux de la Bastille», solo trent'anni dopo. Il suo successo conobbe l’apice negli anni '70. Ebreo, si  rifugiò nel sud della Francia durante la Seconda Guerra  Mondiale. La sua sensibilità per i temi sociali ne fece il  fotografo simbolo degli anni del Fronte Popolare. Sono sue le  immagini dei grandi scioperi della Citroen nel 1938. La sua ultima apparizione in pubblico fu a luglio scorso al  festival internazionale 'Incontri fotograficì di Arles, in cui  era l’invitato d’onore. Figlio di un fotografo di quartiere  ucraino e di una professoressa di piano lituana, ha donato tutta  la sua opera allo stato francese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

3commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

6commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

Parma

Incendio di canna fumaria a Porporano

Sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

13commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

10commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017