23°

Arte-Cultura

Vite amate, vite naufragate

Vite amate, vite naufragate
0

di Stefano Lecchini

Dietro un’amabile, cattivante   apparenza, «Indignazione» (Einaudi), nuovo romanzo di Philip Roth, ci si offre nei modi di un rapido apologo di carta vetrata. Che consente - ma si dica pure: sollecita; e lo vedremo in seguito: diabolicamente sollecita - un duplice approccio di lettura. Il primo è un approccio ingenuo, diligentemente letterale, scolastico, ligio a ciò che sembra esser stato messo nero su bianco dalla stessa «auctoritas» dell’autore. Questa lettura tiene, e non può non tenere, in gran conto la «nota storica» posta in chiusura: la quale nota, quanto a caratteri tipografici, non si distingue dal resto del libro (non è una precisazione en passant...), e sembra pertanto orientarne drasticamente l’interpretazione. Così dovremmo rassegnarci a pensare che la storia che abbiamo seguito per 130 pagine - la storia del bravo ragazzo di Newark Marcus Messner, che a diciannove anni, nel 1951, per sfuggire alle spire di un padre soffocante (e dell’arruolamento per la Corea), se ne va al Winesburg College, Ohio, viene iniziato al sesso da una compagna di corso, non lega o lega quando non dovrebbe con i compagni di stanza, polemicamente confligge con i docenti (tutti rei, ai suoi occhi, di voler limitare la sua laica, atea, bertrandrusselliana libertà di pensiero e di azione) ma, per una serie di imprevedibili conseguenze, finisce per morire proprio in Corea -, ecco: dovremmo rassegnarci a pensare che questa storia sia la polpa «drammatica» di un «indignato» pamphlet contro quella repressione da cui, lungo il decennio del maccartismo e fino all’epoca della rivoluzione sessuale, veniva stroncato, nella caligine del perbenismo più bieco, ogni tentativo di volo - fino al disastro della follia e della morte. Tanto ci autorizza a pensare la «nota». Letto così, «Indignazione» sarebbe in fondo poca cosa (niente a che vedere, per dire, con la fiammeggiante «indignatio» che, da Giovenale a Pasolini ai Clash alla splendida Antonio Benassi Band di «Parma parallela», «fa», ossia produce versi). Un’operina minore, buttata giù con la consueta, trascinante abilità affabulatoria tutta azione e ruminazione, capacità di sfondo e crudeltà di dettaglio (ma il sospetto del «mestiere» non comincerà ad affacciarsi?) da un Roth atrabiliare che, senza dismettere i panni del «professore di desiderio», si guarda bene anche dal deporre i vessilli della «sexual liberation»; e questo in un’epoca in cui ci sarebbe semmai bisogno di una paradossale controrivoluzione puritana: rischiando ormai il sesso mercificato e normalizzato via Internet di perdere completamente la propria carica di torbida, losca, trasgressiva, eversiva fascinazione. Chi ama il grande narratore di «Lamento di Portnoy» e de «Il teatro di Sabbath» non potrà limitarsi a una lettura così semplicistica. Roth, con quella «nota», ci depista. Pare ci inviti beffardamente ad accontentarci di un temino ben svolto - ma noi, suoi devoti, siamo esigenti. Ci infischiamo del fatto che quella «nota» sia posta a suggello del testo e sembri orientarlo. Le voltiamo le spalle; e, prestando ascolto alle sue risonanze più intime, torniamo a calarci nel libro. Dal quale i quattro protagonisti - Marcus, suo padre, sua madre, e Olivia, la ragazza del college - sono sbalzati in una sorta di line-up non priva di conseguenze. Agli estremi, la madre e la ragazza: che incarnano due modelli antitetici di affrontare la vita; alla saggezza naturale della madre, capace di mandare avanti quasi da sola la macelleria kosher di famiglia e di pattinare con estrema disinvoltura sui grovigli («gliuommeri», avrebbe detto Gadda) di cui è ingrommata la vita, si contrappone il pathos tragico, e neanche tanto larvatamente suicida, della ragazza: spirito (oltre che carne) assetato di assoluto ma destinato a infrangere ogni anelito contro gli scogli della realtà più meschina; al centro, a fronteggiarsi, benché a distanza, in un corpo a corpo radicale e ultimativo, Marcus e suo padre: entrambi sfidati e sfregiati, ciascuno a suo modo, da quel gioco di cause ed effetti che è poi il gioco del mondo. Se il padre rischia di precipitare in una sindrome paranoica che lo porta a estendere il proprio controllo ossessivo su tutto quanto gli è caro (sindrome della quale le asfissianti attenzioni per la «salute» di Marcus sono solo la prima avvisaglia), il figlio vive nell’illusione di poter ignorare, schivare o addirittura abolire la trama di costrizioni che ci governa. Va, lo si è detto, al college per sfuggire al padre, studiare con profitto ed evitare la partenza per la Corea. Il lettore, giunto circa a un terzo di «Indignazione», apprende che Marcus in Corea morirà. Perché, «in un terribile, incomprensibile modo», «le scelte più accidentali, più banali, addirittura più comiche, producono gli effetti più sproporzionati».
E' a questa luce che il romanzo - scritto da un limbo ultratemporale in cui la vita non si è ancora spenta ma tale che chi vi si trova non può fare a meno di ripercorrerla incessantemente nei suoi dettagli (avrà a che vedere questo limbo con l’essenza stessa della Letteratura?) - non si discosta dall’umore teterrimo dell’ultimo Roth, quello che da «Patrimonio» scende a «Il fantasma esce di scena» passando per «Il teatro di Sabbath» e «L'animale morente»: quale che sia il nostro atteggiamento nei suoi confronti, l’esistenza ci sgomina. Così, se si accetta che la «nota storica» sia solo un acre sberleffo messo lì a bella posta per depistarci, Roth ci rivela la sua vera indignazione - una non tacitabile indignazione ontologica. Di caso in caso, potrà anche cambiare il grado di felicità o di infelicità del percorso; ma cosa conta? L’esito - l’exitus - resta per tutti obbligato.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Samsumg volta pagina, affida il rilancio al Galaxy S8

hi-tech

Samsung, esce il Galaxy S8: lo smartphone del rilancio

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

CANNES

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Felegara, con un coltello uccide la moglie malata e si suicida Foto Video

I corpi di Wilma Paletti e Gianfranco Carpana ritrovati dai figli

Molinetto

Supermercato: mette in vendita salumi inserendo nel prezzo la tara. Denunciato

3commenti

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

4commenti

lutto

E' morta Alice Borbone-Parma, la nipote dell'ultimo duca di Parma Foto

1commento

anteprima gazzetta

Omicidio-suicidio: Felegara sotto choc

intervento

Pellacini: "Comune e Provincia svendono quote delle Fiere di Parma"

convegno

Barilla, Chiesi e Dallara: la lezione in Università di tre "big"

"Quarta Categoria"

Oggi un derby "Special": Reggiana-Parma

politica

Elezioni amministrative, si vota l'11 giugno. Ballottaggi il 25

5commenti

tragedia

39enne muore in moto a Pescara, un rene "donato" a Parma

giovedi'

«Parma 360»: uno speciale sul festival

carcere

La denuncia di Antigone: "A Parma 603 detenuti per 350 posti"

omicidio

Delitto Habassi, chiuse le indagini: "C'è stata premeditazione"

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

3commenti

elezioni 2017

Salvini giovedì 30 a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

2commenti

tribunale

Zebre Rugby, concordato in bianco: scongiurato il fallimento

Cambio alla presidenza, nominata la Falavigna, Pagliarini resta socio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Trump assume la figlia come dipendente federale

La testimonianza

Carminati: "Sono un fascista degli anni '70"

SOCIETA'

Chat

Dal velo islamico allo yoga: arrivano 69 nuove emoji

Musica

Stoccolma: finalmente Dylan ritirerà il Nobel

SPORT

Sport

Tuffi: Tania Cagnotto verso l'addio

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon