18°

33°

arte e musica

Burri in salsa wagneriana

L'artista realizzò la «nave», in plastica trasparente e il «castello» in cellotex

Burri in salsa wagneriana

«Tristano e Isotta» di Richard Wagner: bozzetto, Fondazione Burri, 1975

Ricevi gratis le news
0

Fuoco nero», la mostra promossa dallo CSAC, allestita nel Salone delle Scuderie della Pilotta, - primo tributo alle celebrazioni del centenario della nascita del grande artista - quale originale riflessione sul grande «Cellotex» nero che Burri ha donato nel 1975 alla nostra fondazione, ha sollecitato la mia memoria rievocando come un anno dopo Burri avesse intrapreso la sua unica avventura verso il teatro d’opera, realizzando scene e costumi per «Tristano e Isotta» al Regio di Torino, allestimento poi ripreso nel 1981 dalla Fenice di Venezia e dal Teatro dell’Opera di Roma. Non era il primo confronto con il palcoscenico, avendo collaborato nel 1963 alla Scala alla realizzazione del balletto «Spirituals» su musiche di Morton Gould, nel 1969 alla messa in scena a San Miniato di «L’avventura di un povero cristiano» di Ignazio Silone e ancora nel 1972, all’Opera di Roma, a quella di «November steps» su musiche di Toru Takemitsu, coreografia di Minsa Craig, moglie di Burri. Ultimo approdo, dunque, quello con «Tristano», la sola opera, diceva, che lo aveva stimolato, nel modo più diretto, lui che con la consueta asciuttezza confessava «il teatro mi piace poco. Il teatro moderno, poi, non mi piace affatto: è tutto una forzatura, sfiora il ridicolo»; riguardo a quello d’opera precisava «mi piace più la musica che l’opera in sé, la recitazione», dichiarazione che lascia capire le ragioni per cui era stato conquistato da «Tristano», dove la musica «occupa fino all’orlo l’azione e lo spazio teatrale» (Brandi). Viene da pensare a come Wagner avesse definito la messa in scena, «visibile controfigura della musica», caricando la nozione di visibilità di sensi ben più complessi e forse contraddittori rispetto a quanto lo stesso compositore aveva fissato con scrupoloso dettaglio nelle didascalie relative alla rappresentazione delle sue opere. Inevitabile la curiosità quando si seppe di questo coinvolgimenti di Burri. Massimo Mila si chiedeva se «il famoso pittore dei sacchi e delle materie plastiche sarebbe venuto a patti con le necessità narrative dell’opera lirica, oppure sarebbe rimasto fedele al suo stile». Interrogativo risolto dal critico, in sede di recensione, in maniera netta: «Non ha rinnegato niente». Infatti l’unicità di quella realizzazione risultò dal modo con cui Burri si immedesimò nella rappresentazione, senza minimamente scostarsi dalla perentorietà del proprio linguaggio, proponendo per i tre atti tre atteggiamenti esemplari del suo percorso tecnico-stilistico. In una delle rare interviste Burri ha rievocato quella operazione con quel senso pragmatico che gli era proprio, un pittore Burri che non faceva «filosofia» ma parlava essenzialmente di lavoro, con un pragmatismo che poteva risultare persin sconcertante a ridosso della più fantasiosa fioritura critica che l’intervistatore riproponeva all’artista, a cercarne una convalida, quasi sempre crudamente smentita: «Robe da matti…non c’entra niente» oppure «Questa è una grossolana stupidaggine», commenti di questo tono anche di fronte a testimonianze di critici come Brandi che a Burri hanno dedicato un impegno intensissimo: «Ahi, Ahi, Brandi. Poverino anche lui. Non c’è niente da fare, questa è la dimostrazione che non capivano la realtà delle cose, che parlavano ancora per simboli». E su questo piano si muove il ricordo del «Tristano» torinese, partendo dall’osservazione più pratica: «Ricordo che per i tre atti la spesa di realizzazione complessiva non superò i dieci milioni. Una scena era ‘La nave’, in plastica trasparente; l’altra ‘La vaporesca’, in plastica nera e infine, l’ultima era ‘Il castello’ in cellotex». Scelte coerenti con le linee tracciate da Burri lungo un percorso creativo in cui si sono succeduti i vari materiali, dai catrami ai sacchi, dai ferri ai cretti, alle plastiche fino ai cellotex, passaggi che non hanno segnato fratture all’unità di visione perseguita dal pittore, con quella sicurezza che lo portava ad affermare: «Io vedo la bellezza e basta». Il mistero Burri sta proprio nel modo con cui la sua materia trova una reincarnazione nello straordinario equilibrio formale che regola l’impaginazione di ogni sua creazione e proprio da tale dialettica tra ordine e disordine - «occorre organizzare il delirio» ( Boulez) – esce quell’inconfondibile magia che si è rinnovata anche con la messa in scena di «Tristano». Quel sipario in plastica nera, intercalato poi tra ogni scena, che nella mobilità dei riflessi e nel travaglio delle lacerazioni sembrava evocare il motivo dominante, quello della notte che avvolge i due amanti da essi invocata come sublimazione dell’amore, di quell’amore fatalmente correlato alla morte. E’ sempre la plastica nera, coi suoi sinistri lucori, i crateri devastanti che faceva da sfondo al grande, infinito duetto del secondo atto, impressionante «controfigura della musica». Per i due atti estremi , più narrativi, Burri aveva trovato una soluzione altrettanto stringente: nel primo le allusioni alla tolda della nave come a quelle della vela apparivano come riassorbite entro il rigore compositivo dei «legni» e la suggestione luministica della plastica bianca. Il terzo atto, dopo l’incombenza della notte, pareva ritrovare la luce, fatalisticamente desolata come epilogo di amore e morte, la luce temperata di un grande cellotex , superficie ocracea attraversata da due scalfitture, traccia del dramma e forse, suggeriva Mila, del senso di cadente devastazione del vecchio castello di Kareol.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Ladri ancora in azione all'ospedale

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

7commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

14commenti

Anteprima Gazzetta

Emergenza terrorismo a Parma: il punto con l'assessore Casa

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Governo

Politiche sull’acqua: Berselli nominato alla guida del nuovo distretto padano

Accorpate le vecchie autorità di bacino, la sede del nuovo distretto resterà a Parma

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

1commento

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

4commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

11commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

SVIZZERA

Maxi frana al confine con Valchiavenna, 100 evacuati

TRAGEDIA

Avvistati tre alpinisti morti sul Monte Bianco

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente