10°

19°

MOSTRA

«Da Kirchner a Nolde»: la lunga storia dell'Espressionismo tedesco

«Da Kirchner a Nolde»: la lunga storia dell'Espressionismo tedesco
0

Al Palazzo Ducale di Genova dal 5 marzo al 12 luglio 2015

Circa 150 opere raccontano la nascita dell’Espressionismo tedesco in una grande mostra allestita dal 5 marzo al 12 luglio a Genova, negli spazi di Palazzo Ducale. Esposti dipinti, stampe e disegni dei fondatori del movimento, provenienti dal Brucke Museum di Berlino per documentare la rivoluzione artistica e il fermento che porterà l’Europa alla Grande Guerra del 15-18 (di cui quest’anno si ricordano i cento anni).

L’importante esposizione, che si intitola «Da Kirchner a Nolde. Espressionismo tedesco 1905-1913», è stata curata da Magdalena Moeller, direttrice del museo berlinese con cui Palazzo Ducale ha strettamente collaborato per mettere a punto la rassegna. Scopo della selezione dei capolavori tedeschi è dunque quello di illustrare la visione di radicale rinnovamento di un gruppo di artisti, determinati a gettare un ponte tra la pittura classica neoromantica e uno stile mai visto prima. Non a caso, il termine Espressionismo Tedesco deve la sua origine principalmente alla fondazione del movimento «Die Brucke» (che appunto significa «Il Ponte») da parte di Fritz Bleyl, Erich Heckel, Ernst Ludwig Kirchner, Karl Schmidt-Rottluff a Dresda il 7 giugno 1905. Si tratta fin da subito di un movimento che scaturisce dal vissuto degli artisti, impegnati a estrapolare l'elemento soggettivo dalla realtà che li circonda. Le metropoli, la vita di strada, il circo, stimolano riflessioni sulla solitudine dell’uomo, sull'alienazione dell’individuo, sull'immoralità. Il segno incisivo e la gamma cromatica acida e accentuata ne divengono presto i tratti distintivi. Se gli impressionisti cercavano di fissare un’impressione sulle loro tele, dedicandosi alla realtà esteriore, l’espressionismo rivela l'emozione, la sensualità, ricercando il raggiungimento di un’espressione efficace, capace di stimolare, impressionare, coinvolgere.

Contemporaneo ai Fauve francesi, il movimento esprime dunque temi come il disagio esistenziale, l’angoscia, la critica all’ipocrisia della società borghese. Che si traducono in opere d’arte grazie a una forma grafica essenziale e semplificata (tra i modelli Van Gogh, Gauguin, Munch, Matisse) e la tendenza ad alterare spazio e prospettiva, definendo contorni netti e taglienti, spesso evidenziati da tratti di nero e l’impiego di tinte forti e contrastanti. Nelle composizioni domina spesso la figura umana, sotto forma di nudo, ma non mancano paesaggi, scene cittadine, interni.

La mostra genovese rende conto delle molte anime e produzioni (non ultima quella grafica) attraverso un’attenta selezione di opere, fra cui olii su tela e su cartone a tempere, incisioni su legno, carboncini, pastelli e acquerelli su carta, litografie e acqueforti. Si parte da Kirchner, pittore di punta del movimento, del quale sono esposti numerosi dipinti, come «Artista-Marcella» (1910), «Nudo che si pettina» (1913), «Autoritratto» (1914), e acquarelli, pastelli, disegni raffiguranti contesti urbani. Ecco quindi «Scene di Strada», «All’angolo di Uhlandstrasse di Berlino» e «Wittenbergplatz Berlino», entrambe del 1915, dove vengono immortalate strade o piazze, però sempre filtrate dalla lente deformante della polemica sociale.

La pittura di Erich Heckel è invece presente con opere quali «Ragazza che suona il liuto», «Cisterna a forma di torre» e nel più lirico «Giovane uomo e ragazza» del 1909. I quadri dal colore ricco e modulato di Max Pechstein, come «La maglia gialla e nera», «Bosco nei pressi di Moritzburg», «Coppia distesa» o «La danza», rivelano un’interpretazione meno accesa e violenta rispetto alla poetica espressionista. Di Karl Schmidt-Rottluff si possono invece ammirare gli straordinari ritratti «Ragazza intenta nella toilette» e «Donna pensierosa» (1912), nonché paesaggi dalle eco impressioniste («Frontone rosso») e le bellissime incisioni «Marito e moglie» o «Cortigiane dopo il bagno».

Di Emil Nolde, con Kirchner fondatore del movimento e forse il più coerente alla poetica espressionista, si possono infine ammirare capolavori come le «Villeggianti» (1911) dallo sguardo fortemente caricaturale e «Due figure esotiche», in cui sono evidenti le suggestioni della scultura primitiva africana, «Tronchi bianchi» e «La casa della famiglia Jager ad Alsen», nei quali la tempesta di colori non nasconde la grande raffinatezza della scena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

anteprima gazzetta

L'emergenza droga ancora in primo piano. E i lettori ci ringraziano

Da San Leonardo alle scuole nuovi episodi. Intervista all'assessore Casa

3commenti

VIA VOLTURNO

Ospedale, rispunta un parcheggiatore abusivo. Fermato un nigeriano

Identificate e sanzionate altre sette persone

7commenti

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

3commenti

Tg Parma

Il drammatico bollettino degli incidenti: da San Secondo a Parma Video

Due giovani donne investite in via Emilia Ovest e in via Traversetolo. Illeso un anziano dopo un terribile botto a Fontanellato

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Droga

San Leonardo ostaggio dei pusher: ecco come funziona "il rito"

21commenti

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

3commenti

tg parma

Giornate del Fai: 3 tappe per celebrare la storia parmense Video

Fiere di Parma

MecSpe, il cuore del salone è l'Industria 4.0

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

4commenti

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

1commento

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

3commenti

Tg Parma

Distretto Sud-Est, parte il progetto Staff per assistenza agli anziani Video

I FUNERALI

L'addio a Fadda. «Giovanni adesso è insieme a Dio»

Carcere

Pagliari interroga il Governo: "Serve un direttore a tempo pieno"

Il senatore replica alle accuse del sindaco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

1commento

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

Medicina

La maggior parte dei tumori è dovuta al caso

Lutto

Addio a "monnezza": è morto il grande Tomas Milian Gallery Video

1commento

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

GAZZAREPORTER

Che bell'arcobaleno a Langhirano

SPORT

motogp

Qatar, prime libere: domina Vinales. Rossi solo nono

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery