MOSTRA

«Da Kirchner a Nolde»: la lunga storia dell'Espressionismo tedesco

«Da Kirchner a Nolde»: la lunga storia dell'Espressionismo tedesco
0

Al Palazzo Ducale di Genova dal 5 marzo al 12 luglio 2015

Circa 150 opere raccontano la nascita dell’Espressionismo tedesco in una grande mostra allestita dal 5 marzo al 12 luglio a Genova, negli spazi di Palazzo Ducale. Esposti dipinti, stampe e disegni dei fondatori del movimento, provenienti dal Brucke Museum di Berlino per documentare la rivoluzione artistica e il fermento che porterà l’Europa alla Grande Guerra del 15-18 (di cui quest’anno si ricordano i cento anni).

L’importante esposizione, che si intitola «Da Kirchner a Nolde. Espressionismo tedesco 1905-1913», è stata curata da Magdalena Moeller, direttrice del museo berlinese con cui Palazzo Ducale ha strettamente collaborato per mettere a punto la rassegna. Scopo della selezione dei capolavori tedeschi è dunque quello di illustrare la visione di radicale rinnovamento di un gruppo di artisti, determinati a gettare un ponte tra la pittura classica neoromantica e uno stile mai visto prima. Non a caso, il termine Espressionismo Tedesco deve la sua origine principalmente alla fondazione del movimento «Die Brucke» (che appunto significa «Il Ponte») da parte di Fritz Bleyl, Erich Heckel, Ernst Ludwig Kirchner, Karl Schmidt-Rottluff a Dresda il 7 giugno 1905. Si tratta fin da subito di un movimento che scaturisce dal vissuto degli artisti, impegnati a estrapolare l'elemento soggettivo dalla realtà che li circonda. Le metropoli, la vita di strada, il circo, stimolano riflessioni sulla solitudine dell’uomo, sull'alienazione dell’individuo, sull'immoralità. Il segno incisivo e la gamma cromatica acida e accentuata ne divengono presto i tratti distintivi. Se gli impressionisti cercavano di fissare un’impressione sulle loro tele, dedicandosi alla realtà esteriore, l’espressionismo rivela l'emozione, la sensualità, ricercando il raggiungimento di un’espressione efficace, capace di stimolare, impressionare, coinvolgere.

Contemporaneo ai Fauve francesi, il movimento esprime dunque temi come il disagio esistenziale, l’angoscia, la critica all’ipocrisia della società borghese. Che si traducono in opere d’arte grazie a una forma grafica essenziale e semplificata (tra i modelli Van Gogh, Gauguin, Munch, Matisse) e la tendenza ad alterare spazio e prospettiva, definendo contorni netti e taglienti, spesso evidenziati da tratti di nero e l’impiego di tinte forti e contrastanti. Nelle composizioni domina spesso la figura umana, sotto forma di nudo, ma non mancano paesaggi, scene cittadine, interni.

La mostra genovese rende conto delle molte anime e produzioni (non ultima quella grafica) attraverso un’attenta selezione di opere, fra cui olii su tela e su cartone a tempere, incisioni su legno, carboncini, pastelli e acquerelli su carta, litografie e acqueforti. Si parte da Kirchner, pittore di punta del movimento, del quale sono esposti numerosi dipinti, come «Artista-Marcella» (1910), «Nudo che si pettina» (1913), «Autoritratto» (1914), e acquarelli, pastelli, disegni raffiguranti contesti urbani. Ecco quindi «Scene di Strada», «All’angolo di Uhlandstrasse di Berlino» e «Wittenbergplatz Berlino», entrambe del 1915, dove vengono immortalate strade o piazze, però sempre filtrate dalla lente deformante della polemica sociale.

La pittura di Erich Heckel è invece presente con opere quali «Ragazza che suona il liuto», «Cisterna a forma di torre» e nel più lirico «Giovane uomo e ragazza» del 1909. I quadri dal colore ricco e modulato di Max Pechstein, come «La maglia gialla e nera», «Bosco nei pressi di Moritzburg», «Coppia distesa» o «La danza», rivelano un’interpretazione meno accesa e violenta rispetto alla poetica espressionista. Di Karl Schmidt-Rottluff si possono invece ammirare gli straordinari ritratti «Ragazza intenta nella toilette» e «Donna pensierosa» (1912), nonché paesaggi dalle eco impressioniste («Frontone rosso») e le bellissime incisioni «Marito e moglie» o «Cortigiane dopo il bagno».

Di Emil Nolde, con Kirchner fondatore del movimento e forse il più coerente alla poetica espressionista, si possono infine ammirare capolavori come le «Villeggianti» (1911) dallo sguardo fortemente caricaturale e «Due figure esotiche», in cui sono evidenti le suggestioni della scultura primitiva africana, «Tronchi bianchi» e «La casa della famiglia Jager ad Alsen», nei quali la tempesta di colori non nasconde la grande raffinatezza della scena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Palazzo Chigi: Renzi parlerà a mezzanotte

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

polfer

Nel reggiseno 17 dosi di cocaina: arrestata

7commenti

Amatori Rugby Parma

Beppe Carra: "Non ci basta: vogliamo altre vittorie" Intervista

II capitano commenta l'importante successo, il primo casalingo, contro Livorno - Esplode la festa in campo e negli spogliatoi (guarda le foto)

Carabinieri

Quando la vendita dell'iPhone è una truffa

3commenti

Salsomaggiore

"Lorenzo, un ragazzo speciale"

Domani alle 15 il funerale

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

13commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)