16°

Arte-Cultura

Malerba, lezione inesauribile

Malerba, lezione inesauribile
0

di Giuseppe Marchetti

Domani e venerdì Parma ospiterà un importante convegno di studi sulla figura e le opere di Luigi Malerba a un anno dalla scomparsa. Il Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo e il Dipartimento di Italianistica dell'Università di Parma unitamente all'assessorato alla Cultura del Comune hanno in tal modo inteso ricordare l'intellettuale parmense, nato a Berceto nel '27 e morto a Roma. Al convegno di studi si aggiunge la pubblicazione in forma antologica della rivista di critica cinematografica «Sequenze», fondata e diretta da Malerba a Parma tra il 1949 e il '51. Il Comitato scientifico che ha preparato gli incontri, che si terranno alla Casa della Musica dalle  9 in poi nelle due giornate tranne una sessione straordinaria ospitata nella Biblioteca Palatina dove si svolgerà una Tavola rotonda per presentare l'antologia di «Sequenze» curata di Michele Guerra e Giampaolo Parmigiani, è formato da Paolo Briganti, Roberto Campari, Nicola Catelli, Michele Guerra, Anna Malerba, Rinaldo Rinaldi, Gabriella Ronchi e Giovanni Ronchini. Un'ampia varietà d'interventi caratterizzerà il convegno al quale parteciperanno, oltre i rappresentanti cittadini dei ruoli istituzionali, molti studiosi: Romano Luperini, Walter Pedullà, Rinaldo Rinaldi, Gian Piero Brunetta, Roberto Campari,  Pierpaolo De Sanctis, Michele Guerra, Fabio Carpi, Francesco Muzzoli, Dominique Budor, Paolo Mauri, Giovanni Ronchini, Renato Barilli, Enzo Golino, Paolo Briganti, Paola Cosentino, Ambra Meda, Giovanna Bonardi figlia dello scrittore e Anna Malerba che rivolgerà un saluto ai presenti. La tavola rotonda di domani alle 18 in Palatina vedrà la partecipazione di Eusebio Ciccotti, dei curatori dell'antologia e di chi stende queste note. Ci sembra quasi superfluo segnalare l'importanza e l'opportunità di questi due giorni di lavori. Ma tuttavia non sarà fuori luogo ripensare alla vita e all'attività di Luigi Malerba (Bonardi per l'anagrafe) che è, tra gli scrittori nostri del Novecento, quello che con maggiore insistenza e capacità di provocazione ha cercato d'afferrare il concetto espresso dal protagonista del «Serpente» ('66): «Attenzione, mi dicevo, le parole servono sempre  a nascondere qualcosa». Ecco: il qualcosa che chiamiamo realtà e sogno, immaginazione e concretezza, con la medesima intenzione espressiva, dove «c'è la scoperta dell'irriducibilità della realtà alla parola», scriveva Luperini nel suo «Novecento», precisando che ad esempio ne «Il salto mortale» lo schema del racconto «ricalca il romanzo giallo o poliziesco». Del resto, Malerba non si è mai ripetuto: dentro i suoi libri stanno tutte le probabili e possibili deviazioni future, un censimento delle intenzioni che curò per tutta la vita sotto la scorta del suo ironico Voltaire e del più cupo e impietoso Dostoevskj che amava e leggeva di continuo. Si pensi a questi due grandi suggeritori e si pensi all'atroce osservazione di Malerba nel «Serpente» dove un personaggio mormora: «Si commettono delitti molto futili e nessuno ci fa caso». In realtà, l'occhio dello scrittore è assai più smagato di quanto egli stesso intenda farci credere. Così, si scopre tutto un settore della sua scrittura dedicato alle «storielle», come lui le definiva, desunte dai sogni e dai pensieri più vaghi e vaganti, tra «Millemosche» e «Le parole abbandonate», tra «Storielle tascabili» e «Che vergogna scrivere», o, aggiungiamo noi, essere scritti, cioè commentare i libri altrui, operazione da cui Malerba rifuggiva severamente.  Era, questa, la sua perfetta avanguardia: non solo una concezione letteraria, ma più che altro una morale dello scrivere, che diventa romanzo, ironia, sarcasmo, visione laica dei fatti e dell'ipocrisia moderna. Non è un caso che Pedullà scrivendo del «Serpente»  faccia riferimento a Buster Keaton e a Flaubert: «Forse il primo maestro di Malerba è Flaubert: più che l'autore dello “Sciocchezzaio”, quello di “Bouvard e Pecuchet” i due impiegati che leggono e studiano tutto pur di non imparare niente». Ma è giocoforza imparare e allora il serpente si mangia sempre la coda, il salto mortale fa sempre male, il pataffio è atrocemente buffo e la scoperta dell'alfabeto porta sempre all'afasia, mentre dopo il pescecane arrivano i più micidiali piccoli pescecani che bloccano ogni ritorno alla poesia così amata e celebrata per far piacere alla tradizione. Davvero le rose imperiali dell'imperatore cinese sono fecondate e cresciute col sangue dei sudditi decapitati. Chi vuole intendere, intenda!
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

Bullismo

«Non voglio più andare a scuola»

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Parma, pronto a cambiare

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling