20°

34°

Arte-Cultura

Malerba, lezione inesauribile

Malerba, lezione inesauribile
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti

Domani e venerdì Parma ospiterà un importante convegno di studi sulla figura e le opere di Luigi Malerba a un anno dalla scomparsa. Il Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo e il Dipartimento di Italianistica dell'Università di Parma unitamente all'assessorato alla Cultura del Comune hanno in tal modo inteso ricordare l'intellettuale parmense, nato a Berceto nel '27 e morto a Roma. Al convegno di studi si aggiunge la pubblicazione in forma antologica della rivista di critica cinematografica «Sequenze», fondata e diretta da Malerba a Parma tra il 1949 e il '51. Il Comitato scientifico che ha preparato gli incontri, che si terranno alla Casa della Musica dalle  9 in poi nelle due giornate tranne una sessione straordinaria ospitata nella Biblioteca Palatina dove si svolgerà una Tavola rotonda per presentare l'antologia di «Sequenze» curata di Michele Guerra e Giampaolo Parmigiani, è formato da Paolo Briganti, Roberto Campari, Nicola Catelli, Michele Guerra, Anna Malerba, Rinaldo Rinaldi, Gabriella Ronchi e Giovanni Ronchini. Un'ampia varietà d'interventi caratterizzerà il convegno al quale parteciperanno, oltre i rappresentanti cittadini dei ruoli istituzionali, molti studiosi: Romano Luperini, Walter Pedullà, Rinaldo Rinaldi, Gian Piero Brunetta, Roberto Campari,  Pierpaolo De Sanctis, Michele Guerra, Fabio Carpi, Francesco Muzzoli, Dominique Budor, Paolo Mauri, Giovanni Ronchini, Renato Barilli, Enzo Golino, Paolo Briganti, Paola Cosentino, Ambra Meda, Giovanna Bonardi figlia dello scrittore e Anna Malerba che rivolgerà un saluto ai presenti. La tavola rotonda di domani alle 18 in Palatina vedrà la partecipazione di Eusebio Ciccotti, dei curatori dell'antologia e di chi stende queste note. Ci sembra quasi superfluo segnalare l'importanza e l'opportunità di questi due giorni di lavori. Ma tuttavia non sarà fuori luogo ripensare alla vita e all'attività di Luigi Malerba (Bonardi per l'anagrafe) che è, tra gli scrittori nostri del Novecento, quello che con maggiore insistenza e capacità di provocazione ha cercato d'afferrare il concetto espresso dal protagonista del «Serpente» ('66): «Attenzione, mi dicevo, le parole servono sempre  a nascondere qualcosa». Ecco: il qualcosa che chiamiamo realtà e sogno, immaginazione e concretezza, con la medesima intenzione espressiva, dove «c'è la scoperta dell'irriducibilità della realtà alla parola», scriveva Luperini nel suo «Novecento», precisando che ad esempio ne «Il salto mortale» lo schema del racconto «ricalca il romanzo giallo o poliziesco». Del resto, Malerba non si è mai ripetuto: dentro i suoi libri stanno tutte le probabili e possibili deviazioni future, un censimento delle intenzioni che curò per tutta la vita sotto la scorta del suo ironico Voltaire e del più cupo e impietoso Dostoevskj che amava e leggeva di continuo. Si pensi a questi due grandi suggeritori e si pensi all'atroce osservazione di Malerba nel «Serpente» dove un personaggio mormora: «Si commettono delitti molto futili e nessuno ci fa caso». In realtà, l'occhio dello scrittore è assai più smagato di quanto egli stesso intenda farci credere. Così, si scopre tutto un settore della sua scrittura dedicato alle «storielle», come lui le definiva, desunte dai sogni e dai pensieri più vaghi e vaganti, tra «Millemosche» e «Le parole abbandonate», tra «Storielle tascabili» e «Che vergogna scrivere», o, aggiungiamo noi, essere scritti, cioè commentare i libri altrui, operazione da cui Malerba rifuggiva severamente.  Era, questa, la sua perfetta avanguardia: non solo una concezione letteraria, ma più che altro una morale dello scrivere, che diventa romanzo, ironia, sarcasmo, visione laica dei fatti e dell'ipocrisia moderna. Non è un caso che Pedullà scrivendo del «Serpente»  faccia riferimento a Buster Keaton e a Flaubert: «Forse il primo maestro di Malerba è Flaubert: più che l'autore dello “Sciocchezzaio”, quello di “Bouvard e Pecuchet” i due impiegati che leggono e studiano tutto pur di non imparare niente». Ma è giocoforza imparare e allora il serpente si mangia sempre la coda, il salto mortale fa sempre male, il pataffio è atrocemente buffo e la scoperta dell'alfabeto porta sempre all'afasia, mentre dopo il pescecane arrivano i più micidiali piccoli pescecani che bloccano ogni ritorno alla poesia così amata e celebrata per far piacere alla tradizione. Davvero le rose imperiali dell'imperatore cinese sono fecondate e cresciute col sangue dei sudditi decapitati. Chi vuole intendere, intenda!
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

calestano

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

Madonna festeggia il suo compleanno ballando la pizzica in Puglia

social network

Madonna balla la pizzica alla sua festa di compleanno in Puglia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

Amici e centro d'accoglienza di Cianica sotto shock per la morte di Diawara

BORGOTARO

Annegato dopo un tuffo: amici e operatori sotto shock per Diawara Video

Si cerca di contattare i parenti in Costa D'Avorio

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

ANTEPRIMA GAZZETTA

Il suicidio di Samuele Turco: aperto un fascicolo per omicidio colposo Video

La Gazzetta di Parma di domani: le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Lutto

Addio al medico Giovanni Mori

PARMENSE

Incendio vicino ai binari: disagi sulla ferrovia tra Parma e Fornovo Foto

Le foto dei nostri lettori

temperature

Torna l'allerta caldo: verso un giovedì e un venerdì a oltre 35°

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

1commento

Tg Parma

Ferragosto a Parma, qualche turista e città chiusa per ferie. San Paolo compreso Video

1commento

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

2commenti

acqua

Guasti alle tubature: Fontevivo e Berceto senz'acqua

Lucchi: "Chi innaffia è un criminale. Farò piombare i contatori ai trasgressori"

2commenti

gazzareporter

Ferragosto: "picco" di materassi abbandonati vicino ai cassonetti Foto

Segnalazioni e foto su via Nello Brambilla (zona Montebello) ma anche viale Duca Alessandro e strada Sant'Eurosia

Carabinieri

Parma malata di sballo, parla chi lotta contro la droga

6commenti

Parlamento

OpenPolis, Pagliari guida la top ten della produttività

Il senatore il più presente, al voto il 97,41% delle volte

incidente

Caduta in moto: paura per marito e moglie a Viazzano

2commenti

storia

Quei benzinai di una volta... Foto

incendio

Sterpaglie a fuoco a Noceto vicino alle case

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

roma

Donna fatta a pezzi: trovati busto e testa in cassonetto. Il fratello confessa

giallo

Modella rapita e messa all'asta: un arresto in Gran Bretagna

SPORT

Tg Parma

Parma, Caputo vuole un club ambizioso. Evacuo e Giorgino ai saluti Video

Gossip Sportivo

Diletta Leotta, anche il compleanno è social

SOCIETA'

ZURIGO

"Ebrei fatevi la doccia": proteste per l'avviso in una piscina svizzera

montanara

«D(io)», la web series dell'ottimismo: un inno alla passione

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti