20°

34°

Arte-Cultura

Una donna di potere del '500

Una donna di potere del '500
0

 Che donna straordinaria Laura Pallavicini Sanvitale: rimasta vedova a 28 anni ha saputo gestire per quasi tre decenni con autorevole spregiudicatezza il potere derivatole dai suoi beni dotali e dalla gestione dell’eredità del marito, dimostrando una disinvolta abilità negli affari e una vivace intelligenza politica, tanto da farle ipotizzare la creazione di una lega femminile di potere in considerazione «del crescente rilievo che le donne dell’aristocrazia territoriale padana avevano assunto nella sfera pubblica nella prima metà del Cinquecento». 

E’ questo il ritratto di Laura che esce nell’approfondito e illuminante saggio dedicatole da Letizia Arcangeli - «Un’aristocrazia territoriale al femminile. Due o tre cose su Laura Pallavicini Sanvitale e le contesse vedove del parmense» - nel volume «Donne di potere nel Rinascimento» (edizione Viella) a cura della stessa studiosa e di Susanna Peyronel. 
Dagli scritti emerge come nel Rinascimento numerose donne si siano mostrate molto attive nella società politica: dalle principesse consorti alle signore di piccoli stati autonomi, a feudatarie reggenti mentre il marito era in guerra. Jacoba Laura Pallavicini era nata a Zibello nel 1491 da Federico e Clarice Malaspina e aveva sposato nel 1510 il conte Giovanni Francesco Sanvitale di Fontanellato, primogenito di Jacopo Antonio e fratello di Galeazzo, marito di Paola Gonzaga. 
A 28 anni era rimasta vedova con tre figli (Ercole, Alfonso e Veronica) e una in arrivo (Silvia): i due figli maschi venivano nominati eredi universali ma era lei, da sola, a gestire il patrimonio. «I risultati della sua gestione - sottolinea l’Arcangeli - furono tutt'altro che di mera conservazione, anche se l’incremento non andò a favore del patrimonio dei figli ma del suo personale». Aveva acquistato terre a Fontanellato, case a Modena e commerciava grosse partite di grani. 
Nei primi anni di vedovanza la coesistenza coi cognati nella stessa rocca, divisa a metà consensualmente e senza barriere, era stata amichevole anche se lo stile delle due famiglie era diverso; Galeazzo e Paola amavano il lusso e la cultura (saranno committenti del Parmigianino) mentre Laura badava agli affari, anche se la recente identificazione, da parte di Mariangela Giusto, della sua immagine in un ritratto del Correggio potrebbe rendere più articolato il giudizio su di lei e sul suo rapporto con la cultura. 
Nel 1527 con la morte del protonotario apostolico Gian Ludovico Sanvitale, che aveva escluso dall’eredità i figli di Laura, i rapporti con Galeazzo si incrinavano a tal punto da farlo sospettare di veneficio per la morte di Ercole (1530), primogenito del defunto Giovan Francesco e di Laura, la quale lasciava Fontanellato e si trasferiva a Parma, pur continuando a reggere il feudo. Prendeva dimora nella vicinia di San Giovanni Evangelista in «burgo de medio» (via Cairoli) in un antico palazzo dei Cornazzano - come informa Alessandra Talignani - insieme al fedele notaio Giandomenico Criminali e a uno staff di 18 servitori.
A Parma Laura si mostrava lungimirante adottando una strategia che la portava a guardare più all’economia che alla politica, ad astenersi nella battaglia condotta dai nobili contro la città, a privilegiare il rapporto diretto con chi governava anziché con le fazioni, anche se l'ostilità verso i Rossi era continua. Nel contempo (1535) concludeva il matrimonio della figlia Silvia, che portava una dota «spropositata», col conte Giulio Baiardi erede del feudo di Scandiano e sponsor di Nicolò dell’Abate. 
L’altra figlia Veronica entrava, invece, nel monastero delle benedettine di San Quintino, dove si alternavano badesse di casa Sanvitale. La grande occasione la coglieva nel 1537 quando Paolo III Farnese, che lei aveva conosciuto nel 1519, mandava a Parma l’esercito pontificio con una piccola corte guidata dal figlio Pier Luigi. 
Laura, esperta «nelle sottigliezze delle corti», diventava la referente dei Farnese nel Parmense e ciò le procurava molti privilegi rispetto agli avversari politici e le consentiva di riuscire a far sposare (1539) il figlio Alfonso con Gerolama Farnese (1525 - 1586), figlia di Galeazzo di Latera e di Ersilia Colonna e parente del Papa. 
Un grande colpo che però poco dopo le costava caro. Infatti il figlio Alfonso - che dal matrimonio avrà ben tre figli e sette figlie a nessuna delle quali metterà il nome della madre - le intentava causa per toglierle l’usufrutto dei beni e solo la prigione la faceva cedere. Tornata in libertà nel 1550, la contessa lasciava Parma e si trasferiva per un po' a Scandiano nel feudo della figlia, che restava vedova nel 1553, finanziando la decorazione della rocca; poi nel '55 andava a risiedere a Reggio Emilia, dove moriva nel 1575, a 84 anni. 
Nel testamento redatto due anni prima lasciava l’ingente capitale di ben 300mila lire ai tre nipoti maschi sopravissuti ad Alfonso (morto nel 1560), mentre alla figlia sposata e alle nipoti femmine andavano legati modestissimi, come alla figlia monaca e ad alcune istituzioni ecclesiastiche reggiane. 
La sua immagine, affievolitasi nel corso dei secoli, torna ora alla ribalta con questo brillante studio dell’Arcangeli che la delinea come donna «moderna» dalla spiccata personalità, capace di agire e dialogare alla pari con gli uomini.
Pier Paolo Mendogni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Daniel Day-Lewis (60 anni): "Basta film vado in pensione"

Hollywood

Daniel Day-Lewis (60 anni): "Basta film vado in pensione" Foto

Maxi murale a Rio de Janeiro: è pronto per il Guinness

record

Maxi murale a Rio de Janeiro: è pronto per il Guinness Video

Figlio di Madonna preso dal Benfica

calcio

Il figlio di Madonna preso dal Benfica

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Si fa presto a dire Lambrusco

"ROSSO FRIZZANTE"

Si fa presto a dire Lambrusco. Lo speciale

di Chichibio

Lealtrenotizie

Le fiamme divorano il deposito di una disossatura: due vigili del fuoco feriti

SALA BAGANZA

Le fiamme divorano il deposito di una disossatura: due vigili del fuoco feriti Video

Salvata la fabbrica vicina. Dipendenti al lavoro nello stabilimento produttivo 

Gaione

Ladri in camera da letto, anziana finge di dormire

3commenti

via della salute

La banda degli scooter torna in azione. Ma stavolta è costretta a fuggire Foto

2commenti

tg parma

La città vissuta su una carrozzina: Scarpa e Pizzarotti in giro con Anmic Video

SPETTACOLI

Il «Sogno» inaugura l'Arena del Due

GIOVANI

Servizio civile, pochissime adesioni e il bando sta per scadere

2commenti

Paura

Fidenza: incendio in un appartamento, cinque intossicati

tragedia

Sorbolo: 40enne muore dopo una partita di calcetto Video

parma

Cercano di scipparla sul Ponte Italia: 20enne ferita

1commento

gazzareporter

I topi d'auto stavolta scelgono via Abruzzi

SONDAGGIO

Nel Parma in B preferireste rivedere Cassano o Gilardino? Votate

5commenti

I COMMENTI

Maturità, la prima prova? «Fattibile. Matematica e quizzone sono le bestie nere»

BEDONIA

Estate, risorgono i paesi disabitati

1commento

PARALIMPIADI

Ciclismo, la nuova sfida di Righetti

LIBRI

Leo Ortolani e l'arte di meravigliarsi ancora

calciomercato

Il 60% del Parma ai cinesi di Desports (a luglio): investiranno 15 milioni Video

Crespo sarà vicepresidente. L'annuncio di Marco Ferrari: "Lascio la vicepresidenza, spazio a nuove competenze"

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Da Romano», qualità a conduzione famigliare

di chichibio

ITALIA/MONDO

teramo

Dottoressa accoltellata a morte: il presunto killer si è ucciso

mafie

La Dna: 'Ndrangheta stabile in quasi tutte le Regioni.E in Emilia patto con altre organizzazioni criminali"

SOCIETA'

GUSTO

I tortelli diversi: ecco le ricette

1commento

la ricetta

La ricéta p'r i tordéj d'arbètta in djalètt Pramzàn

SPORT

Moto

Max Biaggi resta in ospedale, altra operazione

Formula 1

F1, Sainz al posto di Alonso?

MOTORI

novità

Volkswagen Arteon, salutate l'ammiraglia

TECNOLOGIA

L'auto? La proveremo sul divano. Parola di Ford