-1°

Arte-Cultura

Una donna di potere del '500

Una donna di potere del '500
0

 Che donna straordinaria Laura Pallavicini Sanvitale: rimasta vedova a 28 anni ha saputo gestire per quasi tre decenni con autorevole spregiudicatezza il potere derivatole dai suoi beni dotali e dalla gestione dell’eredità del marito, dimostrando una disinvolta abilità negli affari e una vivace intelligenza politica, tanto da farle ipotizzare la creazione di una lega femminile di potere in considerazione «del crescente rilievo che le donne dell’aristocrazia territoriale padana avevano assunto nella sfera pubblica nella prima metà del Cinquecento». 

E’ questo il ritratto di Laura che esce nell’approfondito e illuminante saggio dedicatole da Letizia Arcangeli - «Un’aristocrazia territoriale al femminile. Due o tre cose su Laura Pallavicini Sanvitale e le contesse vedove del parmense» - nel volume «Donne di potere nel Rinascimento» (edizione Viella) a cura della stessa studiosa e di Susanna Peyronel. 
Dagli scritti emerge come nel Rinascimento numerose donne si siano mostrate molto attive nella società politica: dalle principesse consorti alle signore di piccoli stati autonomi, a feudatarie reggenti mentre il marito era in guerra. Jacoba Laura Pallavicini era nata a Zibello nel 1491 da Federico e Clarice Malaspina e aveva sposato nel 1510 il conte Giovanni Francesco Sanvitale di Fontanellato, primogenito di Jacopo Antonio e fratello di Galeazzo, marito di Paola Gonzaga. 
A 28 anni era rimasta vedova con tre figli (Ercole, Alfonso e Veronica) e una in arrivo (Silvia): i due figli maschi venivano nominati eredi universali ma era lei, da sola, a gestire il patrimonio. «I risultati della sua gestione - sottolinea l’Arcangeli - furono tutt'altro che di mera conservazione, anche se l’incremento non andò a favore del patrimonio dei figli ma del suo personale». Aveva acquistato terre a Fontanellato, case a Modena e commerciava grosse partite di grani. 
Nei primi anni di vedovanza la coesistenza coi cognati nella stessa rocca, divisa a metà consensualmente e senza barriere, era stata amichevole anche se lo stile delle due famiglie era diverso; Galeazzo e Paola amavano il lusso e la cultura (saranno committenti del Parmigianino) mentre Laura badava agli affari, anche se la recente identificazione, da parte di Mariangela Giusto, della sua immagine in un ritratto del Correggio potrebbe rendere più articolato il giudizio su di lei e sul suo rapporto con la cultura. 
Nel 1527 con la morte del protonotario apostolico Gian Ludovico Sanvitale, che aveva escluso dall’eredità i figli di Laura, i rapporti con Galeazzo si incrinavano a tal punto da farlo sospettare di veneficio per la morte di Ercole (1530), primogenito del defunto Giovan Francesco e di Laura, la quale lasciava Fontanellato e si trasferiva a Parma, pur continuando a reggere il feudo. Prendeva dimora nella vicinia di San Giovanni Evangelista in «burgo de medio» (via Cairoli) in un antico palazzo dei Cornazzano - come informa Alessandra Talignani - insieme al fedele notaio Giandomenico Criminali e a uno staff di 18 servitori.
A Parma Laura si mostrava lungimirante adottando una strategia che la portava a guardare più all’economia che alla politica, ad astenersi nella battaglia condotta dai nobili contro la città, a privilegiare il rapporto diretto con chi governava anziché con le fazioni, anche se l'ostilità verso i Rossi era continua. Nel contempo (1535) concludeva il matrimonio della figlia Silvia, che portava una dota «spropositata», col conte Giulio Baiardi erede del feudo di Scandiano e sponsor di Nicolò dell’Abate. 
L’altra figlia Veronica entrava, invece, nel monastero delle benedettine di San Quintino, dove si alternavano badesse di casa Sanvitale. La grande occasione la coglieva nel 1537 quando Paolo III Farnese, che lei aveva conosciuto nel 1519, mandava a Parma l’esercito pontificio con una piccola corte guidata dal figlio Pier Luigi. 
Laura, esperta «nelle sottigliezze delle corti», diventava la referente dei Farnese nel Parmense e ciò le procurava molti privilegi rispetto agli avversari politici e le consentiva di riuscire a far sposare (1539) il figlio Alfonso con Gerolama Farnese (1525 - 1586), figlia di Galeazzo di Latera e di Ersilia Colonna e parente del Papa. 
Un grande colpo che però poco dopo le costava caro. Infatti il figlio Alfonso - che dal matrimonio avrà ben tre figli e sette figlie a nessuna delle quali metterà il nome della madre - le intentava causa per toglierle l’usufrutto dei beni e solo la prigione la faceva cedere. Tornata in libertà nel 1550, la contessa lasciava Parma e si trasferiva per un po' a Scandiano nel feudo della figlia, che restava vedova nel 1553, finanziando la decorazione della rocca; poi nel '55 andava a risiedere a Reggio Emilia, dove moriva nel 1575, a 84 anni. 
Nel testamento redatto due anni prima lasciava l’ingente capitale di ben 300mila lire ai tre nipoti maschi sopravissuti ad Alfonso (morto nel 1560), mentre alla figlia sposata e alle nipoti femmine andavano legati modestissimi, come alla figlia monaca e ad alcune istituzioni ecclesiastiche reggiane. 
La sua immagine, affievolitasi nel corso dei secoli, torna ora alla ribalta con questo brillante studio dell’Arcangeli che la delinea come donna «moderna» dalla spiccata personalità, capace di agire e dialogare alla pari con gli uomini.
Pier Paolo Mendogni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

2commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

5commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

26commenti

anteprima

Come saranno utilizzati i vostri aiuti per i terremotati Video

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto