LIBRI

Tra storia, neologismi e gastronomia le parole del Gioânn hanno le ali

Tra storia, neologismi  e gastronomia le parole del Gioânn hanno le ali
0

Pensavamo di conoscere ormai tutto di Gianni Brera, ma ogni volta che vengono pubblicati i «Quaderni dell'Arcimatto» - la rivista di studi breriani edita da Fuorionda - ci accorgiamo di quanto rimanga ancora da esplorare del pianeta legato al grande giornalista e scrittore.
Nuovi volti del Gioânn nel terzo volume dei «Quaderni» (in libreria dall'11 marzo), curato da Alberto Brambilla e Adalberto Scemma e dedicato alla memoria di Enrico Mattesini. Li scopriamo grazie a interventi che - scrivono i due curatori nella prefazione - «confermano la vastità degli interessi di Brera, indicando nel contempo sempre nuovi campi di indagine» e dimostrando che «il lavoro da fare su Brera e attorno a Brera è ancora molto e giustifica pienamente l'impegno e la presenza dei Quaderni dell'Arcimatto». E' il Brera degno di entrare tra i grandi italiani, meritevole di una voce del Dizionario biografico degli italiani della Treccani curata da Claudio Rinaldi, caporedattore della Gazzetta di Parma (la voce è disponibile all'indirizzo www.treccani.it/biografie). Recensisce Alberto Brambilla: «L'inserimento di Brera in un repertorio che raccoglie gli Italiani più illustri certifica del suo spessore non solo di giornalista sportivo ma di uomo di cultura tout court».
Quello stesso Brera che diventa «burattinaio di parole», per citare Guccini, capace di inventare neologismi entrati nell'uso comune, e non solo dello sport: secondo Montanelli, «piegava alle sue esigenze la lingua italiana come fa un giardiniere con i cespugli di rose».
Già Andrea Maietti aveva proposto con «Il calciolinguaggio di Gianni Brera» un dizionario breriano; nei «Quaderni dell'Arcimatto» Claudio Gregori, firma della Gazzetta dello Sport, lo arricchisce con un lemmario ricco di termini usati dal Gioânn nei suoi articoli, dal calcio al ciclismo, dall'atletica alla gastronomia: da acciaccapesta a acculàre, da anfanàre a cacacavìlli, da cursore a Eupalla, da gibigiannàre a incatenacciare, da ingroppire a intramontabile. Lasciamo al lettore il piacere di scoprirne il significato e anche di aspettare il quarto volume, nel quale Gregori completerà il lemmario, che qui si ferma alla lettera i: adesso preme sottolineare il lavoro di ricerca filologica compiuto da Gregori, che indica per ogni termine quando Brera lo usa e ne cita l'origine, passando dalla Gazzetta dello Sport a Repubblica, dal Guerino al Giorno, fino ai romanzi come «Naso bugiardo», come «L'Avocatt in bicicletta», come «Il mio vescovo e le animalesse».
«Per mezzo secolo - scrive Gregori - Brera ha costruito la lingua italiana. Ha regalato lemmi musicali, come glugluare, il singhiozzare del vino rovesciato da mano maldestra. Scomparso Brera, i suoi neologismi continuano a volare. Le parole di Brera hanno davvero le ali»: anche quando si cimenta nella gastronomia, un altro dei suoi grandi campi di interesse.
Ben conosciuto, certo: basti pensare a «La pacciada. Mangiarebere in Pianura Padana», uno dei suoi più grandi successi. Ma nei «Quaderni» Claudio Rinaldi ci offre una diversa rilettura di questo «angolo che nel cuore gli stava» analizzando una rubrica («L'angolo del vizio») curata da Brera su «Leadership medica», rivista inviata solamente in abbonamento ai medici. Per questo, svela Rinaldi, «prima di mettersi al carrello della macchina per scrivere indossava il robone di velluto rosso, come Ser Niccolò Macchiavelli nel momento in cui si accingeva a commentare la prima Deca di Tito Livio». E componeva recensioni di pacciade con amici. Rinaldi le definisce un «diario parolibero come l'Arcimatto, ma con il cibo e il vino come protagonisti». Brera compone un Giro d'Italia dell'enogastronomia «che tocca la caccia alle allodole e il lavoro delle mondine»; passa idealmente anche dalle nostre terre «quando descrive (toccante) l'uccisione del maiale»; ci porta in cari luoghi del mangiare che meriterebbero (ci permettiamo il suggerimento) ognuno un saggio su uno dei prossimi numeri dei «Quaderni», dal ristorante «Pino» in Oltrepò al «Sole» di Maleo, «dove Brera e i suoi amici cenarono quella sera maledetta di 23 anni fa; trasforma le ricette in revival storici, come la zuppa alla pavese, che venne preparata quando Francesco I, prigioniero dopo la battaglia di Pavia del 1525, venne portato in una cascina e la castalda improvvisò per lui una zuppa alla pavese avendo solo brodo, uova e pan secco; descrive le cene con gli amici e trasforma «L'angolo del vizio» in un inno all'amicizia. Sempre andando alla riscoperta del Brera poco conosciuto, ecco il Gioânn narrato da Sandro Mazzola nell'intervista rilasciata a Adriano Ancona. Ecco il Brera che incontra Berlinguer a Trastevere e si toglie il cappello in segno di omaggio: da qui Roberto Borroni, vice ministro dell'agricoltura nei dicasteri Prodi, Amato e D'Alema, imbastisce un dialogo tra i due mai avvenuto nella realtà ma verosimile perché molti dei ricordi calcistici del segretario comunista appartengono alla sua biografia,
Ecco il Brera «universitario» riscoperto da Giorgio Gandolfi grazie a un articolo scritto 63 anni fa sulla prima pagina di «Sport Universitario», allora diretto da Aldo De Martino. «Allora - scrive Gandolfi - i Campionati nazionali universitari erano seguiti anche dalla rosea che mandava inviati come Brera. E ai Campionati Alta Italia di Torino del '45 un giovane studente, Longinotti, componente della staffetta 4x400 parmigiana che vinse i campionati, fu la causa di una polemica a distanza tra lo stesso Brera e Francesco Franceschi, poi divenuto importante cattedratico».
Ecco il Brera anima della redazione sportiva del Giorno narrato da Beppe Maseri, suo gregario di fiducia. Ecco il Brera amante del sigaro raccontato da Adalberto Scemma: «Intesseva con il sigaro un rapporto di ineffabili magie lungo la rotta letteraria tracciata da Francois de La Rochefoucauld, diplomatico francese che alla fine del Settecento tessé per primo l'elogio del sigaro»,
Ecco infine il Brera che racconta lo scudetto del Verona vinto nel 1985: rileggerlo a trent'anni di distanza ci fa riscoprire un calcio ruspante di provincia.

Quaderni dell'Arcimatto. Studi  e testimonianze per Gianni Brera. Volume 3

A cura di Alberto Brambilla
e Adalberto Scemma
Fuorionda, pag. 250, 18,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Sanzionata una signora 78enne che non poteva portare fuori la spazzatura e si è affidata a un vicino

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

7commenti

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Ds Vagnati, lo "accoglie" D'Aversa:"Felice di averlo al mio fianco"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

13commenti

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

1commento

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

4commenti

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

MILANO

Cadavere di donna avvolto in cellophane in cava dismessa

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

SOCIETA'

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)