20°

34°

Arte-Cultura

Zanzotto e il tempo, «usuraio feroce»

Zanzotto e il tempo, «usuraio feroce»
1

di Giuseppe Marchetti

Ha persino il respiro della preghiera, questo Zanzotto mirabile di «Conglomerati» pubblicato nello Specchio di Mondadori: «Raccogli i nostri desideri le nostre / non-preghiere di pre-sera di pre-bruma / dona fortuna ai dossi alle piccole brughiere / al loro perdurare ed accennare fino alla luna». Il canto si trattiene e si dispiega, ma poi torna compatto su se stesso e si raggomitola come un animale  stanco sui giardini di «crode disperse», in «tempi di roghi» e nel «silenzio dei mercatini», dunque tra un ieri lontano (25 aprile, i partigiani afflitti ormai dall'alzhaimer, quei pochi che rimangono vivi) e un oggi incalzante e quasi innaturale. Zanzotto (poeta di fama mondiale, in America ammirato dal grande Harold Bloom) ricalcola il periplo di un'esperienza che non giunge mai a definirsi, il suo è appunto un conglomerato, un insieme di elementi diversi e opposti immersi in un pensiero «De senectute» che afferra lo scrittore quasi novantenne trasportandolo sull'onda degli anni e del tempo «usuraio feroce». Tra saggezza e sapienza, tra cultura letteraria e innocenza di fanciullo ancora una volta l'arduo essere di Zanzotto muove verso la rivelazione del vissuto. E' un vissuto naturale - come si potrebbe altrimenti definire? - naturale per intimità, naturale per istinto, naturale per gioia e dolore, dentro un paesaggio che Pasolini definì una volta «belliniano dell'Alto Veneto», armonioso e strappato nello stesso momento di dedizione e di pietà. La sua pietà quasi sillabata che misura il «delirio del clima / e la brama di uccidere maligna» come «i fogliami trasparenti, vigenti / e il vigoreggiare di spacchi di roccia / raso acque, rocce stillicidi / ma dove si profonde la felce, dove il / facile pozzo s'offre / e offre storie e preistorie». Procedendo a ritroso (ma poi non tanto), da «La beltà» ('68) a «Il galateo in bosco» ('78), la poesia di Zanzotto ha fondato questo suo essere passeggero di monte e di pianura, di parole e di segni come quelli del vecchio Pound, di schizzi verbali e di esitazioni lessicali che delimitano il procedere dell'ispirazione e nel contempo lo sollecitano ad inerpicarsi tra i conglomerati «dei verdi dei versi / dei ghiacci / Nel supremo tepore o torpore dei colori / indulgenti inclementi insolenti / senza tempo senza ore». Si cammina quindi dal cortile all'Isola dei Morti, ai paesaggi interiori che riflettono quelli esterni avvolti da uno spazio profondamente lirico dove si sedimentano relitti diversi, le scritture di altri poeti, le ossa della storia micro e macro, i momenti di riflessione e quelli di ribellione, gli esiti dei rimpianti e le reliquie dei mondi immaginati. Il vero Zanzotto è qui, in questa eccezionale dimensione di laboratorio memoriale e lessicale: «Ma quali vie / le attraversano / s'infiltrano da qui / dal lontano, dal riverso indietro / al lontano che si fa / premio e vaghezza di color rosa-riposo»: un laboratorio dentro il quale gli elementi del dialogo con l'esterno sono la poesia stessa e il suo farsi in dotta e ricercata analisi. Perché oggi in Italia - è bene scriverlo - non v'è poesia più colta di quella di Andrea Zanzotto: una cultura, la sua, determinata, non impressionistica, non cerebralmente elaborata e ricercata. In questo senso, «Conglomerati» è anche il frutto perfettamente maturo di una svolta che racconta un porsi nuovo dello scrittore nei riguardi dello «scialo della reità». Non ci sentite l'eco di Heidegger col quale ha sempre colloquiato e commerciato il poeta? E dunque il dialetto, anche qui parsimoniosamente utilizzato, riveste la funzione del dialogo famigliare così come il «deambulare sulle tenere vocali del duemila / diventate un po' ghiaccioline, vezzose astrazioni / che, pur vero fanno da taboga». E Zanzotto riesce pure a divertirsi, lui sempre così cauto e amoroso nel rintracciare gli interni del proprio scontento. Interni che definisce «versi casalinghi», quasi ridotti ad un mormorio «verso verso verso la mia sorte» incerta come tutte le nostre sorti, «emblemi» e «fosfeni» che riemergono qui vicino a noi «a fare filò» (come tornano certi titoli zanzottiani!) delle nostre intenzioni e delle parole che abbiamo pronunciate o suggerite per fare poesia «siccome un bel tacer non fu mai scritto / un bello scritto non fu mai tacere». 

Conglomerati
Mondadori pp 201 14,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gigi corazzol

    06 Novembre @ 15.43

    ben pensato, ben scritto, e scritto a tempo. bravo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Daniel Day-Lewis (60 anni): "Basta film vado in pensione"

Hollywood

Daniel Day-Lewis (60 anni): "Basta film vado in pensione" Foto

Maxi murale a Rio de Janeiro: è pronto per il Guinness

record

Maxi murale a Rio de Janeiro: è pronto per il Guinness Video

Figlio di Madonna preso dal Benfica

calcio

Il figlio di Madonna preso dal Benfica

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Si fa presto a dire Lambrusco

"ROSSO FRIZZANTE"

Si fa presto a dire Lambrusco. Lo speciale

di Chichibio

Lealtrenotizie

Le fiamme divorano il deposito di una disossatura: due vigili del fuoco feriti

SALA BAGANZA

Le fiamme divorano il deposito di una disossatura: due vigili del fuoco feriti Video

Salvata la fabbrica vicina. Dipendenti al lavoro nello stabilimento produttivo 

Gaione

Ladri in camera da letto, anziana finge di dormire

3commenti

via della salute

La banda degli scooter torna in azione. Ma stavolta è costretta a fuggire Foto

2commenti

tg parma

La città vissuta su una carrozzina: Scarpa e Pizzarotti in giro con Anmic Video

SPETTACOLI

Il «Sogno» inaugura l'Arena del Due

GIOVANI

Servizio civile, pochissime adesioni e il bando sta per scadere

2commenti

Paura

Fidenza: incendio in un appartamento, cinque intossicati

tragedia

Sorbolo: 40enne muore dopo una partita di calcetto Video

parma

Cercano di scipparla sul Ponte Italia: 20enne ferita

1commento

gazzareporter

I topi d'auto stavolta scelgono via Abruzzi

SONDAGGIO

Nel Parma in B preferireste rivedere Cassano o Gilardino? Votate

5commenti

I COMMENTI

Maturità, la prima prova? «Fattibile. Matematica e quizzone sono le bestie nere»

BEDONIA

Estate, risorgono i paesi disabitati

1commento

PARALIMPIADI

Ciclismo, la nuova sfida di Righetti

LIBRI

Leo Ortolani e l'arte di meravigliarsi ancora

calciomercato

Il 60% del Parma ai cinesi di Desports (a luglio): investiranno 15 milioni Video

Crespo sarà vicepresidente. L'annuncio di Marco Ferrari: "Lascio la vicepresidenza, spazio a nuove competenze"

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Da Romano», qualità a conduzione famigliare

di chichibio

ITALIA/MONDO

teramo

Dottoressa accoltellata a morte: il presunto killer si è ucciso

mafie

La Dna: 'Ndrangheta stabile in quasi tutte le Regioni.E in Emilia patto con altre organizzazioni criminali"

SOCIETA'

GUSTO

I tortelli diversi: ecco le ricette

1commento

la ricetta

La ricéta p'r i tordéj d'arbètta in djalètt Pramzàn

SPORT

Moto

Max Biaggi resta in ospedale, altra operazione

Formula 1

F1, Sainz al posto di Alonso?

MOTORI

novità

Volkswagen Arteon, salutate l'ammiraglia

TECNOLOGIA

L'auto? La proveremo sul divano. Parola di Ford