-2°

Arte-Cultura

Il cuore della terra, la luce della memoria

Ricevi gratis le news
0

Camillo Bacchini

In attesa delle prossime nebbie, s'apre, nelle stanze della Rocca dei Terzi, a Sissa, la mostra di Rino Ragazzini, una sessantina di acquerelli, tutti paesaggi dagli anni Settanta ai primi Novanta, ad eccezione d’un autoritratto da giovane, e d’una serie, raccolta in pagine da sfogliare, di studi, disegni, prove, che Stefania Provinciali - curatrice accorta dell’esposizione - ha scelto per far conoscere il pittore, scomparso lo scorso anno e pressoché sconosciuto al grande pubblico; amato invece dalla cerchia di chi ha vissuto presso di lui, e di chi ha avuto occasione d’incontrare i suoi dipinti.

La mostra, «Il vero di Rino Ragazzini», lo raccoglie prelevandolo proprio dal cuore della sua terra, la Bassa Padana, che le opere esposte ritraggono con una perseveranza metodica che diremmo appassionata più che ossessiva, innamorata più che insistente. Rubando una definizione che appartiene già, con le dovute clausole, a quell'altro nostro pittore di paesaggi, penso ad Oreste Emanuelli, lo potremmo chiamare, come già Stefania Provinciali quando scoprì Ragazzini, «pittore contadino», perché l’artista coltivava quella terra così amata. Pittore contadino, consapevoli che la sua è una pittura colta, forte di un tratto che, nello sfondo, cita sottovoce le strutture geologiche di Leonardo, ma subito le cancella con gli acquerelli del Dürer, cuocendo ciò che rimane ai fumi e ai vapori della memoria nebbiosa di Turner. Guardando bene, quei brani di terra rigogliosa e acquifera dipinti da Ragazzini, condotti con colori chiari negli anni Settanta e via via accoglienti nel tempo angoli scuri, dove nasce la notte, ritraggono paesi che offrono allo sguardo dei viaggi diversi. La Bassa, specie intorno a Sissa, certo, offre quei momenti, quelle cromie rubate al tempo, al vero, all’attimo, ma sulla carta si mescola ai ricordi e alle reminescenze d’un paesaggio esotico, quello dell’Africa, dove Rino è stato a combattere, durante il sogno dell’Impero, nel '35. Per questo Stefania, dando il titolo alla mostra, intende un vero che dal contingente si trasforma in vero interiore. Pretesto e stimolo insieme, il vero accoglie visioni e respiri più ampi, più caldi, serenamente spopolati, senza uomo, senza fiere, senza morte. Paesaggi della solitudine, popolati forse soltanto dal pittore, come un Eden immaginario e privato. Paesaggi che sfociano nell’onirico, e come dipinti da una creatura che vive altrove e in tempi diversi, nei tempi della memoria e del desiderio.

La mostra, organizzata dal Comune di Sissa con il patrocinio della Provincia e sostenuta dalla Cassa Padana, dalla Zacmi e dalla famiglia,  è accompagnata da un catalogo che accoglie gli scritti affettuosi della nipote Silvia, Assessore alla Cultura di Sissa e Mara Ragazzini, figlia dell’artista, quelli responsabili del Sindaco, Grazia Cavanna e Davide Gibellini della Cassa Padana e quello critico di Stefania Provinciali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

1commento

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa