Arte-Cultura

E Milano si ribellò all'Impero

E Milano si ribellò all'Impero
Ricevi gratis le news
0
di Maria Pia Forte
Occhi celesti e penetranti, forte e ben proporzionato, capelli e barba rossicci: tale era Federico Barbarossa. Non era usuale, nel XII secolo, un re barbuto: su imitazione degli antichi, i sovrani lasciavano la barba a eremiti, pellegrini e militari. Proprio da questi ultimi Federico I di Hohenstaufen, figlio del Duca di Svevia, aveva imparato in gioventù questo costume, durante una crociata in Terrasanta. Così racconta la storica Elena Percivaldi nel volume «I Lombardi che fecero l’impresa. La Lega e il Barbarossa tra storia e leggenda» (Àncora Editrice, 227 pagine, 16 euro). Un libro che con scorrevole chiarezza si addentra nelle intricate vicende del XII secolo in Italia, caratterizzato dall’aspra lotta tra Papato e Impero e tra questo e i sempre più ricchi Comuni del Nord Italia, insofferenti dei vincoli imposti dall’Imperatore tedesco da cui dipendevano; e che, toccando temi oggi ammantati di simbologie come Lega Lombarda, giuramento di Pontida e così via, cerca di chiarire dove finisca la storia e cominci il «mito».
Che tipo era il Barbarossa?    
Era un uomo poco avvezzo a filosofeggiare e molto portato all’azione. Appresa sin da giovane l’arte della guerra, non era privo di acume politico. Aveva un sogno grandioso: riportare l’Impero al ruolo universale rivestito da Carlo Magno e Ottone il Grande. Credette di poter imporre la sua autorità sui Comuni, senza capire quanto fosse mutata la situazione politica, sociale ed economica. Lo scontro fu inevitabile. E si concluse con la sua sconfitta.  
Cosa rese possibile, nella famosa battaglia di Legnano del 1176, la schiacciante vittoria del male addestrato e male armato esercito comunale?   
Potremmo dire la fortuna. All’inizio la battaglia si mette male per i Comuni; ma quando la fanteria è sul punto di soccombere, arriva la cavalleria milanese. Il momento decisivo è la caduta dell’Imperatore da cavallo. Crollano con lui le insegne, i tedeschi perdono il loro punto di riferimento e corre voce che Federico sia morto. Sbandano e fuggono verso il Ticino, dove affogano o vengono trucidati. Per la leggenda, invece, gli artefici della vittoria sono Alberto da Giussano e la sua Compagnia della Morte, e le tre colombe apparse sul campo, interpretate come l’incarnazione di tre santi martiri molto cari a Milano. 
  Quali erano le rivendicazioni dei Comuni? Si può parlare di aspirazione all’indipendenza?   
L'Italia era parte dell’Impero Romano-Germanico e Federico non poteva accettare che al di sotto delle Alpi si battesse moneta, si eleggessero i consoli, si riscuotessero le tasse e si esercitassero diritti di mercato, tutte prerogative dell’Imperatore. A rivelare ciò che accadeva in Pianura Padana furono due lodigiani che denunciarono all’Imperatore la prepotenza di Milano chiedendo il suo intervento; e fu il disastro! Il Barbarossa mise Milano a ferro e fuoco e poi, nel 1158 a Roncaglia, impose a tutti i Comuni il diritto imperiale di nominare i magistrati, amministrare la giustizia e riscuotere le tasse. Da qui nacque l’opposizione che avrebbe portato a Legnano. Nessuna aspirazione all’indipendenza: i Comuni volevano solo tenersi quelle «libertates» che ormai avevano di fatto sottratto alla Corona. Mai si sognarono di mettere in discussione la fedeltà all’Impero.
D’altronde anche fra i Comuni c'erano divisioni e rivalità...   
I due lodigiani corsi dall’Imperatore a denunciare la tirannide di Milano, la fedeltà al Barbarossa di Pavia, di Como e della stessa Lodi e la riottosità di molti Comuni ad aderire alla Lega ne sono la dimostrazione. Milano era vista come il fumo negli occhi: sempre più popolosa e ricca, era la città più importante della Pianura Padana grazie alla posizione geografica e al prestigio dei suoi arcivescovi, che dopo la disgregazione dell’Impero di Carlo Magno erano assurti a veri governatori della città. Nella sua espansione verso il contado per ottenere il controllo sulle vie di comunicazione dirette al Centro Europa, finì per scontrarsi con i vicini, più piccoli e meno potenti, come Lodi e Como, assediati e distrutti.   
Quali Comuni facevano parte della Lega fondata a Pontida nel 1167?   Sempre che Pontida ci sia davvero stata! 
Non esiste il testo di questo fantomatico giuramento: il primo a parlarne è uno storico del Cinquecento, Bernardino Corio, ma nessun’altra fonte lo nomina. La prima riunione della Lega attestata è del 27 aprile 1167, e sappiamo dai cronisti del tempo che i milanesi giurarono insieme a cremonesi, bergamaschi, bresciani, mantovani e ferraresi di unirsi contro le angherie imperiali perché sarebbe stato meglio morire con onore piuttosto che continuare a vivere in modo così basso e disonorevole. I veneti furono i primi a unirsi in Lega, nel 1164, e in seguito si fusero nella Lega Lombarda, a cui aderirono anche le emiliane Piacenza, Parma, Reggio, Modena e Bologna.
Quale parte ebbe il Papato nello scontro fra Impero e Comuni?   
La Lega trovò un alleato in papa Alessandro III, acerrimo nemico del Barbarossa, del quale avversava il disegno universalistico a scapito, anche, del ruolo papale. Federico non aveva accettato la sua elezione a pontefice e aveva sostenuto una serie di antipapi, provocando uno scisma nella Cristianità. Un’impuntatura che alla fine avrebbe pagato cara. 
I Lombardi che fecero l'impresa (Àncora, pag. 227,  16 euro)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Poliziotti americani presi in un "fuoco incrociato"

usa

I bambini fanno a palle di neve coi poliziotti Video

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Arrestato insegnante di musica: i due anni da incubo di un'allieva

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

1commento

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

1commento

colorno

Approfittano del caos dovuto alla piena per svaligiare due case Video

solidarietà

"Chi vuole ospitare sfollati di Lentigione?": Sorbolo e Mezzani aprono uno sportello

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

5commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS