21°

Arte-Cultura

Barocci, l'incantatore

Barocci, l'incantatore
Ricevi gratis le news
0

di Pier Paolo Mendogniinieri

La commozione è fulminea. Di fronte a quel Cristo, cereo di morte, staccato dalla croce con un turbinio di movimenti che esaltano la tragicità dell’evento, non si può non rimanere coinvolti nell’immensità del dolore che sfinisce la Vergine, fino a farla svenire tra le braccia della sante pie donne pronte a soccorrerla amorevolmente. Federico Barocci a Siena si presenta così proclamando la sua convinta e appassionata religiosità, che esprime con un partecipe naturalismo, filtrato attraverso la lezione dei grandi maestri e accentuato scenograficamente dall’uso brillante del colore e della luce che coi suoi dosati cangiantismi conferisce ai corpi una soffice levità. L’urbinate, geniale innovatore della pittura del secondo Cinquecento, ha lasciato un segno significativo la cui eco si è protratta fino al Settecento come racconta la splendida mostra «Federico Barocci (1535 - 1612). L’incanto del colore. Una lezione per due secoli» - curata da Alessandra Giannotti e da Claudio Pezzorusso come il catalogo della Silvana Editoriale - allestita (fino al 10 gennaio) nel complesso museale di Santa Maria della Scala con ben 134 opere del maestro e degli artisti che ne hanno colto motivi ispiratori fra cui i tre Carracci, Cigoli, Bernardo Strozzi, Ercole Procaccini, Reni, Rubens, Van Dyck, Cerano, fino a Rosalba Carriera, Watteau, Fragonard, oltre ai senesi Vanni, Salimbeni, Casolani e Manetti. E in un contesto così ampio la sua figura e il suo ruolo assumono un rilievo superiore a quello che comunemente gli viene attribuito nell’ambito della storia dell’arte. Nato a Urbino, terra fertile di ingegni rinascimentali, nel 1535 Federico Fiori detto il Barocci si è formato probabilmente vicino al veneto Battista Franco e nel '59 compiva un viaggio di studio visitando Venezia e soprattutto Parma, dove la lezione correggesca gli resterà indelebilmente impressa per l’affettività e per gli scorci. Nel 1561 si trasferiva a Roma e gli veniva subito affidata la decorazione ad affresco di due sale del casino appena costruito per il pontefice Paolo IV nei giardini vaticani. Senonché dopo due anni una malattia, forse un’ulcera, gli impediva di lavorare con continuità e così tornava a Urbino, da cui non si muoverà più, ricevendo però commissioni da tutta Europa, in quanto la fama della sua abilità pittorica si era largamente diffusa. Barocci è stato uno dei primissimi artisti ad abbandonare il manierismo e intraprendere la via del naturalismo, cogliendo le indicazioni provenienti dal Concilio di Trento e dal cardinal Paleotti.
 
Così disegnava una grande quantità di visi (sono esposte alcune straordinarie «teste»), gesti, movenze, panneggi che poi utilizzava nei suoi dipinti, dove anche i paesaggi assumono connotazioni familiari con l’inserimento di elementi riconoscibili, come il Palazzo Ducale. I suoi personaggi, realistici nella espressione dei sentimenti e della loro condizione sociale, attraverso innovative variazioni cromatiche vengono elevati sul piano di una bellezza che si completa nella affascinante armonia delle composizioni di una teatralità proto barocca. E in queste narrazioni religiose Federico, terziario francescano, riesce a far apparire tutta la profondità sentimentale della sua fede, così da essere considerato «il maggiore artista della Riforma cattolica». Ed è estremamente emozionante il confronto iniziale sul «Compianto di Cristo» fra Federico e Van Dyck, Rubens, Bernardo Strozzi e il Cigoli: un evento tragico, vissuto da tutti con rara intensità emotiva ma che Barocci ha ampliato a drammatica sinfonia universale. L’accesa devozione dell’artista lo portava a seguire la direttiva del Paleotti sull'arte che doveva «movere, docere, delectare» e per questo le sue opere erano richieste anche a Roma iniziando dai padri oratoriani della Vallicella ai quali inviava la «Visitazione» (1583-86), qui esposta, intrisa di una dolce intimità mentre la successiva «Presentazione al tempio» assumeva l’aspetto di una celebrazione che Domenico Fetti riprendeva con echi anche rubensiani. Più diretti e numerosi sono i riferimenti di Francesco Vanni, il più fedele «barocciano» in terra senese, avvertibili in diversi dipinti presenti. Negli ultimi vent'anni l’artista ha usato la luce con maggiore drammaticità: lo cogliamo nella Beata Michelina Metelli avvolta in una «luminosa e misteriosa atmosfera di notte di luna piena» e nelle «Stimmate di San Francesco» un capolavoro di intensa suggestione scenica e di alto contenuto dottrinale il cui prestigio aumenta nel paragone con simili opere di Guido Reni, Agostino Carracci, Denijs Calvaert, Van Mol.Celebri sono le sue teste a olio, a carboncino, a matita: veri e propri ritratti di rara efficacia espressiva (il San Giovanni, le teste virili barbute, i volti femminili) che reggono il confronto con simili studi di Annibale Carracci, Cigoli, Rubens e coi ritratti di Rosalba Carriera la pittrice che, insieme a Watteau e a Fragonard, ha riproposto gli ultimi bagliori delle accensioni baroccesche. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

1commento

PARMA

Scontro auto-scooter a Mariano: un ferito

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

LUTTO

In duomo a Fidenza l'ultimo saluto a Luca Moroni

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 10

FRAZIONE

«Carignano, auto troppo veloci e pochi controlli»

Lesignano

Festa per i 18 anni dei due migranti

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Sparatorie con tre vittime in Maryland e Delaware: arrestato un 37enne

Massa

Lite per un parcheggio: gli spara e lo ferisce al volto

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»