18°

Arte-Cultura

Barocci, l'incantatore

Barocci, l'incantatore
0

di Pier Paolo Mendogniinieri

La commozione è fulminea. Di fronte a quel Cristo, cereo di morte, staccato dalla croce con un turbinio di movimenti che esaltano la tragicità dell’evento, non si può non rimanere coinvolti nell’immensità del dolore che sfinisce la Vergine, fino a farla svenire tra le braccia della sante pie donne pronte a soccorrerla amorevolmente. Federico Barocci a Siena si presenta così proclamando la sua convinta e appassionata religiosità, che esprime con un partecipe naturalismo, filtrato attraverso la lezione dei grandi maestri e accentuato scenograficamente dall’uso brillante del colore e della luce che coi suoi dosati cangiantismi conferisce ai corpi una soffice levità. L’urbinate, geniale innovatore della pittura del secondo Cinquecento, ha lasciato un segno significativo la cui eco si è protratta fino al Settecento come racconta la splendida mostra «Federico Barocci (1535 - 1612). L’incanto del colore. Una lezione per due secoli» - curata da Alessandra Giannotti e da Claudio Pezzorusso come il catalogo della Silvana Editoriale - allestita (fino al 10 gennaio) nel complesso museale di Santa Maria della Scala con ben 134 opere del maestro e degli artisti che ne hanno colto motivi ispiratori fra cui i tre Carracci, Cigoli, Bernardo Strozzi, Ercole Procaccini, Reni, Rubens, Van Dyck, Cerano, fino a Rosalba Carriera, Watteau, Fragonard, oltre ai senesi Vanni, Salimbeni, Casolani e Manetti. E in un contesto così ampio la sua figura e il suo ruolo assumono un rilievo superiore a quello che comunemente gli viene attribuito nell’ambito della storia dell’arte. Nato a Urbino, terra fertile di ingegni rinascimentali, nel 1535 Federico Fiori detto il Barocci si è formato probabilmente vicino al veneto Battista Franco e nel '59 compiva un viaggio di studio visitando Venezia e soprattutto Parma, dove la lezione correggesca gli resterà indelebilmente impressa per l’affettività e per gli scorci. Nel 1561 si trasferiva a Roma e gli veniva subito affidata la decorazione ad affresco di due sale del casino appena costruito per il pontefice Paolo IV nei giardini vaticani. Senonché dopo due anni una malattia, forse un’ulcera, gli impediva di lavorare con continuità e così tornava a Urbino, da cui non si muoverà più, ricevendo però commissioni da tutta Europa, in quanto la fama della sua abilità pittorica si era largamente diffusa. Barocci è stato uno dei primissimi artisti ad abbandonare il manierismo e intraprendere la via del naturalismo, cogliendo le indicazioni provenienti dal Concilio di Trento e dal cardinal Paleotti.
 
Così disegnava una grande quantità di visi (sono esposte alcune straordinarie «teste»), gesti, movenze, panneggi che poi utilizzava nei suoi dipinti, dove anche i paesaggi assumono connotazioni familiari con l’inserimento di elementi riconoscibili, come il Palazzo Ducale. I suoi personaggi, realistici nella espressione dei sentimenti e della loro condizione sociale, attraverso innovative variazioni cromatiche vengono elevati sul piano di una bellezza che si completa nella affascinante armonia delle composizioni di una teatralità proto barocca. E in queste narrazioni religiose Federico, terziario francescano, riesce a far apparire tutta la profondità sentimentale della sua fede, così da essere considerato «il maggiore artista della Riforma cattolica». Ed è estremamente emozionante il confronto iniziale sul «Compianto di Cristo» fra Federico e Van Dyck, Rubens, Bernardo Strozzi e il Cigoli: un evento tragico, vissuto da tutti con rara intensità emotiva ma che Barocci ha ampliato a drammatica sinfonia universale. L’accesa devozione dell’artista lo portava a seguire la direttiva del Paleotti sull'arte che doveva «movere, docere, delectare» e per questo le sue opere erano richieste anche a Roma iniziando dai padri oratoriani della Vallicella ai quali inviava la «Visitazione» (1583-86), qui esposta, intrisa di una dolce intimità mentre la successiva «Presentazione al tempio» assumeva l’aspetto di una celebrazione che Domenico Fetti riprendeva con echi anche rubensiani. Più diretti e numerosi sono i riferimenti di Francesco Vanni, il più fedele «barocciano» in terra senese, avvertibili in diversi dipinti presenti. Negli ultimi vent'anni l’artista ha usato la luce con maggiore drammaticità: lo cogliamo nella Beata Michelina Metelli avvolta in una «luminosa e misteriosa atmosfera di notte di luna piena» e nelle «Stimmate di San Francesco» un capolavoro di intensa suggestione scenica e di alto contenuto dottrinale il cui prestigio aumenta nel paragone con simili opere di Guido Reni, Agostino Carracci, Denijs Calvaert, Van Mol.Celebri sono le sue teste a olio, a carboncino, a matita: veri e propri ritratti di rara efficacia espressiva (il San Giovanni, le teste virili barbute, i volti femminili) che reggono il confronto con simili studi di Annibale Carracci, Cigoli, Rubens e coi ritratti di Rosalba Carriera la pittrice che, insieme a Watteau e a Fragonard, ha riproposto gli ultimi bagliori delle accensioni baroccesche. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

polizia municipale

Tre minorenni sorpresi con alcolici: multa al locale che glieli ha venduti

1commento

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

1commento

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

14commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

IRAQ

Gli Usa ammettono responsabilità nel raid su Mosul Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa