13°

31°

Arte-Cultura

Ipotesi mute di una casalinga

0
di Anna Maria Dadomo 
Adesso poteva con serena bontà dedicarsi alle cose, piegarsi sollecita su loro, risentirle buone, adesso che il sonno  l’aveva restituita a se stessa  e le aveva regalato un’indistinta felicità, poteva prestare ascolto alla loro presenza, non sentirsi ferita dai loro muti rimproveri. Con «cose» intendeva  la miriade di lavori, incombenze domestiche che, se non si interveniva  energicamente subito, si accumulavano nel corso della giornata divenendo assillanti, fastidiose,  nella loro muta riprovevole attesa, persino nella loro ottusa immobilità. A volte, per non sentirle, andava in un’altra stanza, più defilata rispetto alla normale economia quotidiana,  o nascondeva la testa in un libro, in un giornale o, addirittura, usciva di casa - quasi una fuga - anche se, presto o tardi, sarebbe tornata e avrebbe dovuto  occuparsene. Ogni giorno c’era da  lavare stirare cucinare rifare i letti ed era  questa ripetizione continua sorda insonne, che assomigliava a una tortura e che giorno dopo giorno si ripeteva uguale, a sfiancarla, a  innervosirla. Come resistere? Soprattutto come continuare? Da anni  le cose le si ponevano di fronte  immutabili e stupide e lei doveva farsene carico. Ma  c’erano momenti in cui  avrebbe desiderato schiacciare quella rumorosa stupida lucidatrice, quell’insetto metallico ronzante e fastidioso, o spegnere la cappa e non cucinare più nessuna minestra, non friggere più nessuna bistecca, niente di niente. E questa furia che riusciva a controllare, che affiorava a volte con la rottura di un bicchiere, di un piatto, nei casi più manifesti  con il lancio di cibo pronto fuori dalla finestra  ai gatti che accorrevano, le sembrava bellissima. Nell’immaginata metodica  distruzione del nido familiare, e quindi del suo ruolo di casalinga, si figurava una festa colorata di calzini mutande camicie indumenti asciugamani riversarsi  dal balcone, gonfiarsi come improbabili paracadute, afflosciarsi a terra inermi e inoffensivi. E qui le era naturale  passare dalla cucina all’armadio. Che cosa  terribile gli armadi! Aprirli e desiderare immediatamente di  avere  un solo abito (uguale a quello di ricambio) da portare con un paio di sandali. Come San Francesco. Aprirli e accorgersi che le tarme hanno banchettato malgrado la naftalina e la canfora, le foglie  di lauro, che sono ingrassate con l’abito da sposa e il cappotto, che non hanno disdegnato neppure la pelliccia  ecologica e l’impermeabile foderato di morbido tartan inglese! Certo, era una plateale cinematografica vendetta quella che sognava ad occhi aperti, ma c’erano, per dirla con un luogo comune,  conti aperti  da sistemare, conti di anni e anni ancora da liquidare.  Ma alla sera era finita, per quel giorno era finita. E coricandosi provava gratitudine  per il letto che l’accoglieva. Le piaceva  il fruscio delle lenzuola, il buon odore di pulito che emanavano, persino la pallida fosforescenza del bianco la seduceva. Sentiva il suo corpo disarticolarsi come se la forza che fino a quel momento l’aveva  tenuto insieme e  alimentato,  venisse meno  e  ogni parte di lei, gambe braccia testa mani, uscisse dagli incastri divenendo una parte a se stante, autonoma. E lì, al buio, provava tenerezza per se stessa quando si accorgeva, nel primo  immediato torpore, che  la sua bocca era leggermente dischiusa. Qualcuno che l’avesse sorpresa in quell’abbandono, poteva  trovarla  vecchia e senza sogni. Invece lei si affidava, si abbandonava alla notte, al sonno, fiduciosa che sarebbero venuti sogni meravigliosi e che proprio loro, i sogni, come una tiepida corrente marina, l’avrebbero cullata e  portata lontano, chissà dove , e  restituita l’indomani a se stessa  di nuovo integra.    

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

3commenti

Parma

Una lettrice: "Un uomo nudo nel piazzale della stazione"

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

3commenti

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

MILANO

Al via l'assemblea di Parmalat, Chersicla rinuncia a presiedere

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

1commento

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover