Letti per voi

Torna «Dopo il pescecane», dirompente saggezza nei racconti di Malerba

Letti per voi
Ricevi gratis le news
0

Quando, nel '79, Luigi Malerba pubblicò «Dopo il pescecane», diciassette racconti «sul mondo e sull'uomo», aveva compiuto da poco i cinquant'anni ed era al colmo della propria esperienza di scrittore. Nel '78 era uscito «il pataffio» e l'anno precedente «Le parole abbandonate»: i racconti del «Pescecane», dunque, portavano nuova linfa al suo modo di narrare, d'inventare storie e sceneggiature, mentre andava tramontando in lui l'illusione dell'avanguardia del Gruppo '63. La sua avanguardia, invece, era questa: il suo surrealismo truccato da normalità, da buon senso, da calma natura di incendiario. Ben se ne ritrovano le tracce ora che Mondadori ristampa negli Oscar la raccolta e noi possiamo (dobbiamo) rileggerla alla luce degli anni recenti e con tanta letteratura passata sotto i ponti di quel Novecento che la nostra frettolosità sistematoria ha relegato tra le prove del racconto e dell'apologo, generi nei quali peraltro Malerba si trova a proprio agio al di là e al di sopra di ogni altro nostro consenso o dissenso. «Dopo il pescecane» è un libro scritto all'ombra di un sorriso: non un sorriso di compatimento, bensì d'internazionalità addirittura eversiva. È un libro di pagine felici, alludenti ad una realtà piena e per nulla sconfitta: quella realtà che si nasconde tra «Gli avvoltoi», il professore svizzero Bakarak, «Il gioco dello scippo», «Il gorilla di mestiere», «L'ufologo», la frittura di «pesce alla Kokoschka» e «Il favoloso Andersen». Introducendo la raccolta, Paolo Mauri scrive che Malerba «si diverte ad entrare nella testa di svariati personaggi-protagonisti e a raccontare cosa fanno e pensano, avvertendo il lettore in un corsivo di presentazione che il narrare in prima persona serve a facilitare la comprensione di situazioni e storie e personaggi che spesso esultano dalla comune esperienza». Qui il discorso di Malerba diventa complicato? Per nulla. Egli è sempre dietro il sipario, spinge in primo piano i propri personaggi, li stimola, li interroga, li fa parlare, e il suono delle loro voci diventa la nostra coscienza, come se fossimo noi stessi a confessarci, pieni di errori e di contraddizioni come siamo e come è quel caposervizio della televisione di Viale Mazzini che non ha nessuno alle sue dipendenze e quindi è caposervizio di sé stesso. Costui ride perché ridere fa bene e campa per l'interesse dell'Azienda. Si può pensare ad una satira più feroce? Ecco Malerba, e la sua dirompente saggezza.

Dopo il pescecane
di Luigi Malerba
Mondadori, pag. 117, euro 12,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Un'onda che sembra arrivare dal film Point break

Portogallo

Onde gigantesche come nel film Point break

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

1commento

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

tennis

Seppi saluta Melbourne, Nadal e Cilic ai quarti

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova