-2°

CULTURA

Idrogeno e altre meraviglie

Alessandro Mangia, autore del saggio «Molecole d'acqua - divagazioni di un chimico»

Alessandro Mangia

Alessandro Mangia

Ricevi gratis le news
0

Facile come bere un bicchier d’acqua, si dice. L’elemento simbolo di semplicità e trasparenza, la sostanza che sta alla base della vita, il composto chimico che costituisce la nostra stessa essenza, è, in realtà, fascino allo stato liquido. Questo, per lo meno, è quello di cui ci si convince leggendo le pagine di «Molecole d’acqua – Divagazioni di un chimico», il libro edito da Mup per la collana «Percorsi» con cui Alessandro Mangia, professore di chimica analitica dell’Università di Parma (già preside della facoltà di Scienze, dal ‘99 al 2009, e prorettore e delegato alla ricerca dal 2009 al 2013), ha voluto mettersi alla prova nelle vesti di scrittore. La molecola non è in realtà che pretesto, funge da punto di partenza per dare una lettura chimica di numerosi fenomeni che osserviamo nella quotidianità. Quante domande ci siamo fatti di fronte a un lago ghiacciato, a un pomeriggio di nebbia o all’azzurro squarciato da un arcobaleno? Ecco che finalmente avremo le risposte. E perché, molto più prosaicamente, siamo abituati a cospargere di sale il vialetto d’ingresso, nelle giornate più fredde? Perché i soufflé tendono a sgonfiarsi e come mai mescoliamo il caffè? La chimica ce lo spiega, grazie anche a quelle formule apparentemente astruse che spaventeranno – ma solo in un primo momento - il lettore poco avvezzo alla scienza e che, nel ritrovarsi a sfogliare alcune pagine, non potrà non essere assalito dai ricordi dolci e amari del timido gesso sulla lavagna durante le interrogazioni. L’alternanza con cui l’autore distribuisce teoria e pratica, simboli e ricordi, scienza ed esperienza, sembra essere una mano tesa, pronta a condurci nella comprensione della natura. E il professore, per una volta, lascia perdere voti e domande, per illustrarci la meraviglia di spettacoli che ci vedono inconsapevoli spettatori, giorno dopo giorno.
Professor Mangia, perché per scrivere di chimica, nel tentativo di rendere l’argomento più facilmente comprensibile, ha deciso di approfondire il tema dell’acqua?
Nella mia carriera spesso l’acqua è stata il punto di partenza per i più disparati approfondimenti: è una sostanza speciale, la cui molecola si presta ad essere studiata a fondo. In passato mi sono occupato della qualità dell’acqua degli acquedotti e per arrotondare i fondi della ricerca è capitato anche che all’Università facessimo analisi delle acque minerali. Nel libro, in realtà, l’acqua non è che il punto di partenza per vere e proprie divagazioni sulla chimica.
Da molte di queste sue «divagazioni» si percepisce come un doppio punto di vista: da una parte il professore, dall’altra l’uomo innamorato della campagna. Della serie: oltre ai libri c’è di più…
Sì, certo. Io sono cresciuto in campagna e fin da ragazzino ho sempre cercato una spiegazione per i fenomeni che determinano la natura. Tantissime cose mi sono state insegnate dai contadini, fra campi e stalle. Diciamo che nel libro ho cercato di sposare queste due anime; anche a lezione ho sempre utilizzato quelle che potremmo definire “curiosità”, piccoli “flash” per stimolare la comprensione.
Curiosità che sembrano quasi voler «indorare la pillola» delle formule ai meno avvezzi alla scienza. Per che pubblico di lettori ha pensato questo libro?
Il libro non ha l’impostazione metodologica di un trattato di chimica, né si può definire puramente divulgativo. Volutamente non ho trascurato l’aspetto del linguaggio della chimica: volevo evidenziare come quello che a molti può apparire come un ostacolo possa in realtà rappresentare una chiave interpretativa del mondo che ci circonda. Come una lingua straniera con un alfabeto diverso dal nostro: è naturale che ci spaventi, ma basta impararne i segni per capirla. È chiaro che il lettore già addentro alla materia sarà avvantaggiato, ma spero che il volume possa rappresentare anche una sfida per i meno pratici: uno stimolo a capire.
Gli spunti di approfondimento offerti dall’acqua sono potenzialmente infiniti. Con che logica li ha selezionati? Attraverso la mia attività professionale, di ricerca. Mi sono concentrato su quelle questioni che avevo approfondito nel corso della mia carriera, su cui mi sentivo più competente, e tralasciato branche che magari avevano più appeal, come la biochimica o la chimica degli elementi, perché erano temi su cui avevo meno da dire.
Gli elementi sono quattro. Ha accarezzato l’idea di altri tre volumi?
Un pensiero, non lo nego, l’ho fatto. Mi affascina molto l’aria, elemento più facilmente riconducibile a una serie di fenomeni; la terra richiederebbe competenze che non possiedo; il fuoco, elemento di profondo fascino (un capitolo dedicato c’è anche in ''Molecole d’acqua'', ndr.), forse non reggerebbe da solo un intero libro».
Molecole d’acqua - Divagazioni di un chimico
di Alessandro Mangia - Mup, pag. 19, € 13,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Biotestamento

L'ESPERTO

Biotestamento: come si fa a depositare le disposizioni

di Arturo Dalla Tana, notaio

Lealtrenotizie

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

elezioni

Salvini a Parma: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

BASSA REGGIANA

Brescello: trovato un furgone rubato e "depredato"

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

1commento

TERREMOTO

Una struttura polivalente per Accumoli con l'aiuto di Cariparma 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

LIGURIA

Terremoto di magnitudo 2.2 a Genova: evacuate alcune scuole

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato