-5°

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

1commento

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Cultura

Arte, il mondo riflesso in laguna

Arte, il mondo riflesso in laguna

Opera esposta alla Biennale di Venezia

http://www.gazzettadiparma.it/http://www.gazzettadiparma.it/news/cultura/271221/Arte--il-mondo-riflesso-in.html 22/01/2017 13:15:29 22/01/2017 13:15:29 40 Arte, il mondo riflesso in laguna false DD/MM/YYYY 0

E’la Biennale della terra e della memoria, della storia passata e di un passato recente, un approccio all’uomo ed alla cultura del mondo; quasi un racconto ideale, fatto di avvenimenti, scelte, decisioni che hanno segnato la vita dell’umanità: un «Parlamento delle forme». Può essere questa una delle chiavi di lettura della cinquantaseiesima Esposizione internazionale d’arte (inaugurazione domani ) dal titolo «All the World’s Futures», curata dal nigeriano Okwui Enwezor e organizzata dalla Biennale di Venezia, presieduta da Paolo Baratta.
E’ una chiave di lettura ma non certo l’unica lungo un percorso espositivo che va dal Padiglione Centrale (Giardini) all’Arsenale, includendo 136 artisti dei quali 89 presenti per la prima volta, provenienti da 53 paesi. In una visione più tecnica e tecnologica, grande spazio è dato al video e alle installazioni che diventano regine nelle scelte creative, mezzo per comporre le suggestioni di un mondo rappresentato come mix di memorie e tradizioni, di operazioni in divenire e letture socio politiche. Le tematiche che fungono da filo conduttore di questa edizione, prima fra tutte la traiettoria storica che la Biennale ha percorso nei suoi 120 anni di vita, filtro attraverso il quale riflettere sull’attuale «stato delle cose» e sulla loro «apparenza», guarda più ai significati del lavoro artistico che alla creatività e all’estetica, a favore della critica sociale, poiché un approccio agli eventi più tragici e drammatici del secolo appena trascorso non manca. Esempio ne è il padiglione di Israele ai Giardini, un «bunker della storia» ricoperto di pneumatici. Da citare poi, in questo contesto, l’ Arena, uno spazio attivo nel Padiglione Centrale dei Giardini dedicato a una continua programmazione interdisciplinare dal vivo. Il cardine è l’imponente lettura dei tre volumi di Das Kapital di Karl Marx: una sorta di Oratorio, destinato a durare per tutto il tempo della Biennale, fino al 22 novembre.

Tornando alla mostra, spicca all’Arsenale l’intervento di Monica Bonvicini, una delle poche presenze italiane che sempre si impone con la propria graffiante capacità di misurare spazio e luogo. C’è poi Pino Pascali con il suo geniale Cannone semovente del 1965 che forse avrebbe meritato una miglior collocazione.
Presente con numerose opere Fabio Mauri (nel Padiglione centrale dei Giardini) «celebrato» con la presenza della storica installazione di quattro metri realizzata con valigie dal titolo« Il Muro Occidentale o del Pianto», del 1993.
Sono ottantanove le Nazioni presenti. All’Arsenale la Cina si rivela ricca di una creatività che traduce mito e ragione, storia e contemporaneità, utilizzando installazioni e video. Il Messico (Tania Candiamo e Luis Felipe Ortega) si affida non solo ad un contenitore-scultura, luogo dove l’acqua assurge a valore universale, ma anche al suono che ne amplifica i significati, nell’opera «Possessing Nature»
E poi l’Albania che, in una trilogia, attraversa i percorsi del mondo dalle origini ad un presente fatto di quotidianità, di azione e di curiosità, espressione della vita.
Ai Giardini il Padiglione della Francia con l’intervento di Celeste Boursier-Mougenot dal titolo «Revolution» offre un’operazione delicata, emozionante, allusiva che trasforma lo spazio in un «teatro all’aria aperta» dove l’albero diventa struttura itinerante con le proprie radici. Ancora ad un elemento di natura, l’acqua, fa riferimento l’installazione di Pamela Rosenkranz, (Padiglione della Svizzera) che nell’opera «Our Product» combina l’ininterrotto mormorio con luce, colore, ormoni, odori, suoni per influenzare la percezione dello spettatore in una installazione dagli effetti cromatici.
La nuova installazione cinematografica multicanale «The Ways of Holding Space & Flying» del duo corano Moon Kyungwon & Jeon Joonho (Padiglione coreano) riporta al desiderio dell’uomo di superare le barriere fisiche guardando, anche se con dubbiosa sofferenza, al futuro. Per le cinque gallerie del Padiglione degli Stati Uniti Joan Jonas ha sviluppato un nuovo e suggestivo complesso di opere creando un’esperienza multisensoriale che unisce video, disegni, oggetti e suono.
Uno sguardo va poi al Padiglione Italia (Arsenale) curato da Vincenzo Trione. Un «Codice Italia» - questo il titolo del percorso- composto da quindici artisti che, afferma il curatore, «interrogano vestigia lontane» aprendosi, così, ad uno sguardo più che altro retrospettivo e a tratti malinconico, là dove viene meno il supporto di nuove «avventure linguistiche».
La storia la fanno Kounellis e Claudio Parmiggiani; il mito è opera di Mimmo Paladino, mentre le lacerate e sofferte stratificazioni di dipinti- palinsesto sono di Nicola Samorì. L’ «occhio» eclettico di Marzia Migliora, affonda in temi universali e condivisi, e dagli Stati Uniti approda Aldo Tambellini, ottantaquattrenne pioniere della Video Art accanto ad un altra ripresa, Nino Longobardi. Troviamo poi le tecniche miste di Andrea Andrea Aquilanti, le tecniche antiche recuperate da Giuseppe Caccavale, il canale di comunicazione aperto tra storia dell’arte e contemporaneità di Francesco Barocco, Vanessa Beecroft e la fotografia di Biasiucci e Gioli, il duo Alis/Filliol e Luca Monterastelli, il più giovane del gruppo. Coinvolgendo protagonisti dell’Arte povera e della Transavanguardia fino alle più recenti generazioni alla ricerca di un dialogo aperto e di una innovazione nei linguaggi.
Il padiglione del Guatemala, (Officina delle Zattere, Dorsoduro) con commissario il critico e storico dell’arte Daniele Radini Tedeschi ha portato alla Biennale un’artista parmigiana. E’ la scultrice Jucci Ugolotti, che ha realizzato una serie di sculture dipinte d’impianto figurativo, un omaggio al cinema di Luchino Visconti e al suo film «Morte a Venezia» creando figure di grande interiorità. Un’operazione non facile, di adesione ad una tradizione figurativa accademica di solida tradizione.

Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

3commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: i crociati provano a riprendere il volo Diretta

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

21commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto