-3°

cultura

Ghedini, musicista da riscoprire

Cinquantesimo anniversario della morte. Nel suo stile un ritorno al Rinascimento unito alle inquietudini del '900. Un importante compositore che insegnò a Parma e si distinse per la produzione cameristica

Ghedini, musicista da riscoprire

Giorgio Federico Ghedini

Ricevi gratis le news
0

A l Conservatorio di Parma il nome di Giorgio Federico Ghedini è legato a un’apparizione in anni particolari, dal 1938 al 1941, quando ricoprì la cattedra di composizione per poi lasciarla a Gaspare Scuderi e passare al Conservatorio di Milano prima a insegnare composizione, avendo tra gli altri come allievo Guido Cantelli, poi a dirigerlo per undici anni dal 1951.
Alla classe di composizione a Parma, che era stata di Pizzetti e Malipiero, Ghedini arrivò in sordina, dopo l’insegnamento torinese alla Scuola di Canto Corale del Comune e al Liceo Musicale (per diciotto anni), crescendo un manipolo di allievi che avrebbero fatto carriera in aree musicali disparate: Narciso Sabbadini dirigerà per trent’anni dal 1954 la Scuola di Musica di Mantova portandola al grado di Conservatorio; Elio Pochettini, alessandrino, diverrà partigiano e poi docente di armonia complementare ed esercitazioni orchestrali al Conservatorio di Milano; Nando Caleffi entrerà coma pianista nella compagnia dialettale di Italo e Giulio Clerici; Adalberto Genovesi diverrà preside di scuola superiore, compositore dilettante e saggista. Ma i due allievi più fortunati di Ghedini a Parma furono certamente Giuseppe Spotti e Fulvio Vernizzi. Il primo, dopo aver lavorato nell’orchestra di Gorni Kramer, divenne autore di canzoni di successo negli anni Cinquanta («Per tutta la vita», «Per le tue mani» questa, ripresa come cover anche da Mina); Vernizzi, di cui lo scorso anno si è celebrato il centenario della nascita a Busseto con una mostra alla Biblioteca del Monte di Pietà, è stato uno dei maggiori direttori d’orchestra del dopoguerra, guidando le compagini Rai di Milano e Torino e l’Orchestra Sinfonica di Kyoto.
Compositore fra i più problematici e difficilmente collocabili del secolo scorso, sarà anche per questo che il 25 marzo il cinquantesimo anniversario della morte di Ghedini è passato in sordina, il che non pare solo mancata focalizzazione di un personaggio, semmai un difficile inquadramento del nostro Novecento da parte di una cultura musicale che in Italia appare ormai scissa fra musicisti e musicologi, fra prassi e accademismi, in ogni caso in comunicazioni che troppo spesso passano sopra la testa del pubblico. In alcuni casi si trattava anche di avere buona stampa: e Ghedini non era uno che si facesse in quattro per apparire. Nato a Cuneo nel 1892, la sua fama è sempre stata quella di un isolato, se non addirittura di un provinciale, cannibalizzato fra le due guerre dalla fortuna di Pizzetti e Casella, così eloquenti nell’esplicitare i propri programmi e così aperti ai circoli culturali.
Ghedini invece era uno che parlava poco, quasi si nascondeva, corroso dall’autocritica e dalla consapevolezza di una preparazione circoscritta alla musica e che nella musica spendeva tutta la dimensione del suo impegno, anche civile. «Le musiche tecniche durano come la moda d’un abito: quelle che cantano sono eterne»: non fu dunque infatuazione ma percorso consapevole la sua attrazione per la musica rinascimentale, lo studio del madrigalismo, il rifiuto del verismo maturato nella vicinanza al Teatro di Torino di Franco Alfano, senza pedanterie da filologo o da archeologo, ma come chiave d’accesso al sentimento e all’espressione, vale a dire ciò che considerava i fondamenti della musica.
Nulla a che fare dunque con neoclassicismi d’accatto, cecilianismi fuori orario, filologismi ante litteram: la scoperta nel mondo rinascimentale e barocco di una melodia che diventa pittura e forse anche gesto, di armonie contrastanti, di pura tradizione italiana – qui c’è anche una non secondaria componente nazionalista – spiega tanto il suo atteggiamento polemico verso le avanguardie e la musica cerebrale (nello stesso cestino aveva buttato senza scrupoli Wagner, Debussy e Richard Strauss), quanto l’approdo tardivo al teatro, compiuto attraverso alcuni meritati fallimenti.
Nel teatro («Re Hassan», «La pulce d’oro», «Billy Budd», «L’Inferno») come nelle musiche di scena, Ghedini trovò la prima valida applicazione di quella libertà che gli veniva offerta dal mondo musicale del Cinque-Seicento, cioè la possibilità di cercare vesti espressive per i testi senza mai cadere in eccessi didascalici o addirittura nell’estetismo: col che forse non si accorgeva di inclinare un poco verso il tardo romanticismo, ed è per questo che il vero Ghedini va secondo noi cercato altrove.
Ascoltando i due Poemi (1932) e la seconda Sonata per pianoforte e violino (1922) di Ghedini il 13 marzo scorso con Maurizio Cadossi al violino e Lucio Cuomo al pianoforte nell’ambito di una serie di serate musicali all’Istituto Fra Salimbene di Parma – forse l’unica occasione in città con cui è stato ricordato il cinquantesimo della morte di Ghedini – l’impressione del restauratore d’antichità lasciava il posto a un un uomo che viveva sulla sua pelle la crisi della civiltà contemporanea.
Per dire, i due strumenti che nella Sonata convergono e divergono a ondate e l’inquieta passacaglia finale sono gesti solo fintamente brahmsiani: la passione non è incapsulata nella nostalgia, ma si incanala in una specie di sdrucitura smisurata. Il primo dei due Poemi è addirittura una continua oscillazione fra disfacimenti tonali e timbriche gelide – e pensare che era il periodo di maggior fanatismo madrigalistico del giovane Ghedini.
È dunque la dimensione cameristica, che costituisce la maggioranza del suo catalogo, a individuare un Ghedini altro, un Ghedini non riconducibile a definizioni univoche, un Ghedini che tende all’impegno senza mai afferrarlo pienamente, ed è da qui che si potrà trovare il possibile punto di partenza per un recupero di questo compositore sfaccettato e sottovalutato, fiducioso in una musica in grado di esprimere valori umani eppure così critico verso se stesso e per questo divorato da un’ansia di superamento che giovava tanto alla sua ricerca e poco a se stesso. In questo senso la miglior sintesi è quella di Franco Alfano riportata nel 1947 da Fernanda Pivano: «Cosa volete, Ghedini è fatto così. Se si dimentica un momento di essere Ghedini, parla male di Ghedini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La festa di Natale del Bar Gianni

DADAUMPA

La festa di Natale del Bar Gianni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

4commenti

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

tg parma

Via Spezia: rapina con coltello al centro scommesse

Un bottino di circa 1.500 euro

PARMENSE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: arrivano 55 milioni di euro

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

AGROINDUSTRIA

Accordo "salva granai" tra 100 pastifici, 85 molini e oltre 1 milione di imprese agricole

Resta fuori in polemica Coldiretti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

genova

Aggredisce una donna per rapinarla, "arrestato" dai boyscout

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Voci di dimissioni per Gattuso, il Milan smentisce

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento