-2°

Arte-Cultura

Armando, libri e umanità

Armando, libri e umanità
Ricevi gratis le news
0
Giuseppe Marchetti
Compiendosi un anno dalla morte di Armando Marchi, gli amici lo ricorderanno domani nella Biblioteca Palatina alle 16 assieme ai suoi familiari con una serie d'interventi che ha per titolo «Ricordare Armando. Percorsi di una vita fra libri e ricordi».

Saranno presenti Davide Barilli, Antonio Mascolo, Giulio Sapelli,  chi scrive queste note e  altri amici di Armando. Un profilo di Armando deve per forza partire  dall'affetto che ci legò. Noi, provenienti da generazioni, studi e impegni diversi avevamo in comune uno scopo: quello di formare un gruppo che fosse in grado di ripetere, sia pure attraverso esperienze condizioni di lavoro e umane differenti, la suggestiva immagine di una cultura parmigiana degna dei momenti migliori dell'aurea Parma settecentesca e dei vivaci interessi che l'indimenticabile civiltà dei caffè aveva creato negli anni Trenta e Quaranta del Novecento. Marchi, che proveniva da una profonda conoscenza del XVIII secolo in Francia e in Italia, collegava, a nostro giudizio, molto bene i nostri intendimenti. Aveva lavorato nella casa editrice Pratiche. Sarebbe transitato successivamente  alla Guanda e poi verso un'altra casa editrice di prestigio come la Boringhieri dopo aver dato il proprio contributo anche agli Editori Riuniti. Ma Marchi non poteva dimenticare il lavoro che si era espresso per lui in quel volume «Dovuto all'abate Chiari. Appunti sul romanzo del Settecento italiano» e nei successivi lavori dedicati a Castione della Torre di Rezzonico altro non minore testimone della nostra cultura e delle sue aperture europee. A questi lavori si aggiunse l'impegno del cosiddetto «secondo Raccoglitore» negli anni Ottanta che Baldassarre Molossi volle mettere alla prova per rinverdire le ottime esperienze del primo degli anni Cinquanta. L'esperimento ripartiva ancora una volta dalle pagine della vecchia ma sempre nobile «Gazzetta». Fu pensata una nuova grafica, fu disegnata una nuova impaginazione e Armando si circondò di nuovi collaboratori tra i quali spiccava Marzio Pieri. Il  «Nuovo Raccoglitore» però era destinato a perdere, via via che il tempo passava, i suoi pezzi migliori.  Anche Marchi si accorse di questa lenta rinuncia che era nello stato delle cose, non nell'incapacità dei collaboratori di realizzarle. Quando il supplemento si chiuse diventò responsabile della Guanda, tornata dopo molti anni a Parma nella sede di via Repubblica. Dopo le esperienze nell'editoria trovò in un ambito molto particolare della Barilla la sua nuova attività lavorativa.  Ma i suoi progetti non si spensero, anzi tornavano più e più volte sotto il segno acuto e stimolante di contributi critici di notevole impegno e livello letterario dove avvertivi facilmente sia la nostalgia per gli studi passati, sia il bisogno di proiettarne nel presente l'importanza e la necessità, con lucida ironia e piena consentaneita di vita e di convinzioni.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat