15°

Arte-Cultura

Armando, libri e umanità

Armando, libri e umanità
0
Giuseppe Marchetti
Compiendosi un anno dalla morte di Armando Marchi, gli amici lo ricorderanno domani nella Biblioteca Palatina alle 16 assieme ai suoi familiari con una serie d'interventi che ha per titolo «Ricordare Armando. Percorsi di una vita fra libri e ricordi».

Saranno presenti Davide Barilli, Antonio Mascolo, Giulio Sapelli,  chi scrive queste note e  altri amici di Armando. Un profilo di Armando deve per forza partire  dall'affetto che ci legò. Noi, provenienti da generazioni, studi e impegni diversi avevamo in comune uno scopo: quello di formare un gruppo che fosse in grado di ripetere, sia pure attraverso esperienze condizioni di lavoro e umane differenti, la suggestiva immagine di una cultura parmigiana degna dei momenti migliori dell'aurea Parma settecentesca e dei vivaci interessi che l'indimenticabile civiltà dei caffè aveva creato negli anni Trenta e Quaranta del Novecento. Marchi, che proveniva da una profonda conoscenza del XVIII secolo in Francia e in Italia, collegava, a nostro giudizio, molto bene i nostri intendimenti. Aveva lavorato nella casa editrice Pratiche. Sarebbe transitato successivamente  alla Guanda e poi verso un'altra casa editrice di prestigio come la Boringhieri dopo aver dato il proprio contributo anche agli Editori Riuniti. Ma Marchi non poteva dimenticare il lavoro che si era espresso per lui in quel volume «Dovuto all'abate Chiari. Appunti sul romanzo del Settecento italiano» e nei successivi lavori dedicati a Castione della Torre di Rezzonico altro non minore testimone della nostra cultura e delle sue aperture europee. A questi lavori si aggiunse l'impegno del cosiddetto «secondo Raccoglitore» negli anni Ottanta che Baldassarre Molossi volle mettere alla prova per rinverdire le ottime esperienze del primo degli anni Cinquanta. L'esperimento ripartiva ancora una volta dalle pagine della vecchia ma sempre nobile «Gazzetta». Fu pensata una nuova grafica, fu disegnata una nuova impaginazione e Armando si circondò di nuovi collaboratori tra i quali spiccava Marzio Pieri. Il  «Nuovo Raccoglitore» però era destinato a perdere, via via che il tempo passava, i suoi pezzi migliori.  Anche Marchi si accorse di questa lenta rinuncia che era nello stato delle cose, non nell'incapacità dei collaboratori di realizzarle. Quando il supplemento si chiuse diventò responsabile della Guanda, tornata dopo molti anni a Parma nella sede di via Repubblica. Dopo le esperienze nell'editoria trovò in un ambito molto particolare della Barilla la sua nuova attività lavorativa.  Ma i suoi progetti non si spensero, anzi tornavano più e più volte sotto il segno acuto e stimolante di contributi critici di notevole impegno e livello letterario dove avvertivi facilmente sia la nostalgia per gli studi passati, sia il bisogno di proiettarne nel presente l'importanza e la necessità, con lucida ironia e piena consentaneita di vita e di convinzioni.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

1commento

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

1commento

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

2commenti

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

9commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

1commento

usa

Aereo Cessna si schianta sulle case: tre vittime

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia