23°

Arte-Cultura

Luce, grumo di verità

Luce, grumo di verità
0

 di Gianni Cavazzini

La morte di Roberto Tassi, «sopraggiunta quasi all'improvviso, subdola e particolarmente crudele, all'inizio di agosto del 1996» - per usare le parole, intimamente partecipi, di Mario Lagavetto - lasciò un vuoto non più colmato nella vita culturale italiana. La profondità e, insieme, la discrezione del suo lavoro di critico tornano ora con la mostra che s'inaugura domani, alle 17,30, per l'iniziativa della Fondazione Cariparma e dell'Università degli Studi, nelle sale di Palazzo Bossi Bocchi: «Tre pittori per Roberto Tassi. Sutherland Morlotti Ruggeri», a cura di Mario Lavagetto con la collaborazione di Stefano Roffi (aperta sino al 31 gennaio 2010, ventisette le opere esposte). «Ho lavorato per lungo tempo a Parma - diceva di sé Roberto Tassi -, scrivendo pagine sull'arte di ogni paese e di ogni periodo, ma soprattutto d'Italia e di Francia, e dei secoli XIX e XX». Sono le «affinità elettive» che lasciano tracce indelebili sulle pagine dei due volumi editi da Guanda giusto dieci anni fa per documentare l'opera di Tassi «critico militante» sulla «Repubblica» nel periodo 1977-1996. La sola lettura dell'elenco delle mostre e degli autori recensiti basta a dare l'idea di un impegno totale, senza soluzione di continuità, nel rapporto che lega il critico all'oggetto della sua ricerca: l'opera d'arte. Se si aggiunge poi che la stesura di ogni articolo era preceduta da un lungo periodo di preparazione mirata sull'argomento, fatta di appunti e di  analitiche biografie sugli autori entrati, per l'occasione, sotto la sua lente critica. Era un processo di avvicinamento al testo compiuto su cui sovraintendeva il rigore di una moralità limpida e assoluta, impermeabile alle sollecitazioni interessate e ai compromessi. Si capiva, insomma, che dei giudizi di Roberto Tassi ci si poteva fidare. Si entrava così, senza timori, nella magia sottile di una scrittura morbida e leggera che portava il lettore nel cuore di una mostra, di un pittore, di una poetica, in modo che al termine della lettura ti sentivi, intimamente,  più vero. Sono le emozioni che si rinnovano, ora, dinnanzi ai dipinti dei tre artisti (Sutherland-Morlotti-Ruggeri) scelti per la loro vicinanza reale al sentire del critico: espressa nell'intensità degli incontri, decantata nei ripetuti rapporti epistolari, tradotta nelle reciproche visioni di un'unica forma di pittura e di scrittura.
Con Graham Sutherland la scintilla scoccò in occasione della mostra antologica allestita, nel 1965, alla Galleria Civica d'Arte Moderna di Torino. Andammo insieme e Roberto, con la mediazione di Franco Russoli, curatore dell'esposizione, parlò con il grande artista inglese. E fu il prodigio di un incontro fra due personalità estremamente riservate che si parlarono a lungo e gettarono le basi di una collaborazione che sarebbe culminata poi con la cura, da parte di Tassi, nel 1978, della  «Complete Graphic Work» di Sutherland. Per il pittore come per il critico il punto di partenza è sempre rappresentato dall'esperienza visiva ed emozionale del mondo. Ma è nell'attitudine alla trasposizione metaforica del reale, in questo filo continuo della rappresentazione di Sutherland, che si genera il contatto con l'intuizione interpretativa di Tassi: con le forme che, «in parallelo con la natura», si trasformano nel mito e nel miraggio della vita.
 Di Ennio  Morlotti è il segno - ma si potrebbe dire il gesto, che sostanzia il segno di energia e di emozione - a stringere di vincoli inestinguibili il rapporto con Roberto Tassi. E' la potenza espressiva che si racchiude nel corpo della materia-colore a colpire le sensibilissime membrane del critico che si fa, a partire dai primi anni Cinquanta, compagno di viaggio del pittore. L'accumulo lento e progressivo della sostanza fisica porta alla scoperta - reciproca fra i due dei «nudi». E scrive Tassi: «Nudi teneri, delicati, luminosi, forme appena segnate, come corpi emersi da una matrice di cui conservassero l'impronta». La tensione narrativa accompagna il  pittore sino ai macerati estremi delle «Bagnanti», ultimi segni d'amore: «E' stato questo amore, questa comprensione, che hanno aiutato Morlotti a costruire i corpi delle donne contro e prode d'erba o contro l'acqua del lago, come i muri irregolari e antichi contro le colline o contro il cielo». Infine Piero Ruggeri che chiude la triade: «con la sua pittura d'azione fortemente gestuale», dice Tassi. Il dissidio fra la coscienza dell'artista e il mondo della natura - questo filo rosso lungo la storia di Ruggeri - affascina la sensibilità vibratile di Roberto Tassi che lo segue in tutte le sue varianti, fino al suono aspro dell'ultima rivolta umana. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

sgarbi dorme in tv

video virale

Sgarbi si addormenta in diretta Tv. Lo sveglia il conduttore

Kate & Amal: eleganza e bellezza (in verde e in rosso) Gallery

Londra

Kate & Amal incantano in verde e in rosso Gallery

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Incendio in un deposito di via Tartini: si sospetta il dolo

parma

Incendio in un deposito di via Tartini: si sospetta il dolo Gallery

prostituzione

16enni nigeriane sfruttate e picchiate scappano da Parma: salvate a Napoli

La triste storia di due ragazzine (una di loro incinta), tra la Libia e la nostra città 

7commenti

via spezia

Incidente: camion si ribalta a Stradella. Coinvolte due auto: tre feriti Foto

via Baganza

Paura in piazza Fiume: un uomo cade, arriva l'ambulanza

lega nord

Salvini candida la Cavandoli: "Possiamo vincere" Intervista

Via Verdi blindata (guarda) per la visita del leader del Carroccio: "A Parma prima i parmigiani" e "Porte aperte agli alleati e ai civici"

1commento

anteprima gazzetta

La vecchiaia raccontata da Giancarlo Ilari Video

tg parma

Felegara sotto choc per la morte dei coniugi Carpana Video

tra parma e milano

Re delle truffe tradito dalla pizza: preso nascosto nel sofà

ateneo

Elezioni universitarie: Sinistra studentesca pigliatutto

LIRICA

La Fondazione del Regio istituisce l'Accademia Verdiana

Si parte con un corso di perfezionamento per 10 cantanti lirici

Consiglio

La Provincia lascerà la sede di piazza della Pace

7commenti

lega pro

Dallara suona la carica: "Parma, lotteremo fino alla fine" Video

E ieri sera, il Matera ha battuto il Venezia 1-0 (Finale andata di Coppa Italia) - Da ieri, Munari e Frattali sono tornati in gruppo

tg parma

Borgotaro: gli alunni di elementari e medie disertano la scuola Video

Protesta delle mamme contro gli odori della Laminam

5commenti

Polizia

Furti al supermercato: quattro denunciati in poche ore. Tre sono minorenni

17commenti

foto dei lettori

Via Montebello: il parcheggio è "creativo"

SAN LAZZARO

Medico aggredito e rapinato del Rolex nel suo studio

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Recuperiamo (almeno) la speranza

EDITORIALE

L'ambulanza bloccata e la legge «fai da te»

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

Parigi, allarme per i kamikaze con virus infettivi

Piacenza

Precipita con il deltaplano a motore e muore

SOCIETA'

MUSICA

E' morto Fausto Mesolella, storico chitarrista degli Avion Travel Live a Parma con la Toscanini

polizia

Una Lamborghini Huracàn per la Polstrada di Bologna

SPORT

LEGAPRO

Il Pordenone strappa un pari sul campo della Reggiana

gossip

Il nuovo amore di Valentino Rossi è una modella palermitana Video

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon