-2°

10°

Arte-Cultura

Luce, grumo di verità

Luce, grumo di verità
Ricevi gratis le news
0

 di Gianni Cavazzini

La morte di Roberto Tassi, «sopraggiunta quasi all'improvviso, subdola e particolarmente crudele, all'inizio di agosto del 1996» - per usare le parole, intimamente partecipi, di Mario Lagavetto - lasciò un vuoto non più colmato nella vita culturale italiana. La profondità e, insieme, la discrezione del suo lavoro di critico tornano ora con la mostra che s'inaugura domani, alle 17,30, per l'iniziativa della Fondazione Cariparma e dell'Università degli Studi, nelle sale di Palazzo Bossi Bocchi: «Tre pittori per Roberto Tassi. Sutherland Morlotti Ruggeri», a cura di Mario Lavagetto con la collaborazione di Stefano Roffi (aperta sino al 31 gennaio 2010, ventisette le opere esposte). «Ho lavorato per lungo tempo a Parma - diceva di sé Roberto Tassi -, scrivendo pagine sull'arte di ogni paese e di ogni periodo, ma soprattutto d'Italia e di Francia, e dei secoli XIX e XX». Sono le «affinità elettive» che lasciano tracce indelebili sulle pagine dei due volumi editi da Guanda giusto dieci anni fa per documentare l'opera di Tassi «critico militante» sulla «Repubblica» nel periodo 1977-1996. La sola lettura dell'elenco delle mostre e degli autori recensiti basta a dare l'idea di un impegno totale, senza soluzione di continuità, nel rapporto che lega il critico all'oggetto della sua ricerca: l'opera d'arte. Se si aggiunge poi che la stesura di ogni articolo era preceduta da un lungo periodo di preparazione mirata sull'argomento, fatta di appunti e di  analitiche biografie sugli autori entrati, per l'occasione, sotto la sua lente critica. Era un processo di avvicinamento al testo compiuto su cui sovraintendeva il rigore di una moralità limpida e assoluta, impermeabile alle sollecitazioni interessate e ai compromessi. Si capiva, insomma, che dei giudizi di Roberto Tassi ci si poteva fidare. Si entrava così, senza timori, nella magia sottile di una scrittura morbida e leggera che portava il lettore nel cuore di una mostra, di un pittore, di una poetica, in modo che al termine della lettura ti sentivi, intimamente,  più vero. Sono le emozioni che si rinnovano, ora, dinnanzi ai dipinti dei tre artisti (Sutherland-Morlotti-Ruggeri) scelti per la loro vicinanza reale al sentire del critico: espressa nell'intensità degli incontri, decantata nei ripetuti rapporti epistolari, tradotta nelle reciproche visioni di un'unica forma di pittura e di scrittura.
Con Graham Sutherland la scintilla scoccò in occasione della mostra antologica allestita, nel 1965, alla Galleria Civica d'Arte Moderna di Torino. Andammo insieme e Roberto, con la mediazione di Franco Russoli, curatore dell'esposizione, parlò con il grande artista inglese. E fu il prodigio di un incontro fra due personalità estremamente riservate che si parlarono a lungo e gettarono le basi di una collaborazione che sarebbe culminata poi con la cura, da parte di Tassi, nel 1978, della  «Complete Graphic Work» di Sutherland. Per il pittore come per il critico il punto di partenza è sempre rappresentato dall'esperienza visiva ed emozionale del mondo. Ma è nell'attitudine alla trasposizione metaforica del reale, in questo filo continuo della rappresentazione di Sutherland, che si genera il contatto con l'intuizione interpretativa di Tassi: con le forme che, «in parallelo con la natura», si trasformano nel mito e nel miraggio della vita.
 Di Ennio  Morlotti è il segno - ma si potrebbe dire il gesto, che sostanzia il segno di energia e di emozione - a stringere di vincoli inestinguibili il rapporto con Roberto Tassi. E' la potenza espressiva che si racchiude nel corpo della materia-colore a colpire le sensibilissime membrane del critico che si fa, a partire dai primi anni Cinquanta, compagno di viaggio del pittore. L'accumulo lento e progressivo della sostanza fisica porta alla scoperta - reciproca fra i due dei «nudi». E scrive Tassi: «Nudi teneri, delicati, luminosi, forme appena segnate, come corpi emersi da una matrice di cui conservassero l'impronta». La tensione narrativa accompagna il  pittore sino ai macerati estremi delle «Bagnanti», ultimi segni d'amore: «E' stato questo amore, questa comprensione, che hanno aiutato Morlotti a costruire i corpi delle donne contro e prode d'erba o contro l'acqua del lago, come i muri irregolari e antichi contro le colline o contro il cielo». Infine Piero Ruggeri che chiude la triade: «con la sua pittura d'azione fortemente gestuale», dice Tassi. Il dissidio fra la coscienza dell'artista e il mondo della natura - questo filo rosso lungo la storia di Ruggeri - affascina la sensibilità vibratile di Roberto Tassi che lo segue in tutte le sue varianti, fino al suono aspro dell'ultima rivolta umana. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

Nazionale

Tavecchio non molla: non si presenterà dimissionario

1commento

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto