15°

Il racconto della domenica

L'amore nell'orto

Rubrica: il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

0

Un rospo viveva solo in un orto. Non aveva famiglia con cui parlare ed era triste. Dormiva accoccolato sui suoi anelli di grasso, piccolo gradevole budda, o gironzolava mangiando gli insetti che danneggiavano la fresca verdura. Un giorno ebbe desiderio di vedere un poco il mondo: uscì dall’orto saltellando e ansimando sotto il sole, gemma splendida del giorno.
Oltrepassò la siepe, saltò il fosso e si trovò in un’aia dove galline, faraone, pulcini, anatre chiacchieravano tra loro senza un attimo di sosta. Quanta gente! pensò il rospo. E siccome era un poco timido, rimase in un angolo a osservare. C’era anche un gatto nero che, sdraiato al sole, si spulciava con un atteggiamento così beato e indifferente che faceva invidia a guardarlo.
Un cane invece vigilava e, appena una gallina si allontanava dall’aia la richiamava: «Dove vai, signorinella: non credere di poter fare ciò che ti pare. Figuriamoci-. Il rospo pensava: come sono tutti amici, devono vivere bene così in compagnia. Fu allora che vide una giovane faraona passeggiare sull’aia come una gran signora. Danzavano sul corpo snello piume grigie sfumate di rosa e azzurro, i bargigli sfacciatamente rossi e le zampe lunghe lunghe e diritte, molto eleganti. Quanto è bella, pensò il rospo. Se ne innamorò tanto che desiderò sposarla. Non osava però farsi avanti, esso che appena sapeva parlare. Era vissuto sempre isolato! Non riusciva a trovare le parole adatte per farsi intendere da quella splendida creatura. Si fece coraggio e saltellando avanzò.
Nell’aia tutti lo guardavano ed esso diventò rosso per la vergogna. «Crac… crac… - disse - faraoncina mia, sei bella come il sole». La faraona, dall’alto del suo lungo collo, lo guardò sdegnosa e rispose: «Come osi, tu brutto rospo! Io sono una nobile faraona». Il rospo chiuse gli occhi per l’emozione e rispose con un fil di voce: «Non ne dubito, cara. Io chiedevo se mi vuoi sposare». Sull’aia tutti risero. Anche il gatto, che sempre pensava ai fatti suoi, sorrise ironicamente tra i baffi. Soltanto il cane, dalla sua austera mole, urlò: «Ebbene, è il modo di comportarsi? Vergognatevi, anche tu nobile faraona».
Nessuno l’ascoltò. Ridevano anche i pulcini vedendo ridere i grandi, ridevano così volentieri che il rospo, nonostante tutto pensò: come sono carini e innocenti. Aveva il cuore pesante e due lacrimoni gli inumidirono gli occhi. Pensò: piangere qui, davanti a tutti…, mai! Salutò con un goffo cenno del capo e tornò sui suoi passi. Quando fu sulla riva del fosso, si specchiò nell’acqua e vide un brutto coso verde e gonfio con occhi che parevano palline di vetro. Pensò: quanto sono brutto. Non lo sapevo. Allora pianse fino a sera. Soltanto quando fu buio tornò nell’orto. Una minuscola verza, rotonda, così rotonda da sembrare una palla, verde come le foglie del gelso, armoniosamente delicata e sorridente, era rimasta tutto il giorno preoccupata per la sua assenza. Non era riuscita ad addormentarsi. Come udì il passo del rospo prese ad aspettarlo, al chiarore di una bianca luna. Lo udì piangere e dire: «Chi mai potrà volermi brutto come sono. Quanto sono sfortunato!». La verza, che gli voleva bene, fu piena di tenerezza: «Rospo - chiamò - rospo». «Chi è - rispose il rospo-, chi mi chiama». «Sono la verza». «Ebbene - borbottò il rospo -, che cosa vuoi». «Nulla, non posso dormire. Volevo parlare un poco con te. Finalmente sei tornato!». «Perché - chiese il rospo -, hai notato la mia assenza?». «Certo - rispose la verza - è tutto il giorno che ti cerco: ho chiesto ai passeri, alle rondini, ma nessuno ti aveva visto». «Ohhh - fece il rospo -.Sì, continuò la verza, ero triste senza di te». Il rospo la guardò incredulo. «Senza di me? Ma se sono tanto brutto». «Brutto? Chi te lo ha detto. Tu non sei brutto: sei interessante, educato… pressappoco come Bogart, un attore lontano nel tempo». «Davvero, mormorò il rospo intenerito, dici davvero verzolina mia?» «Sì, sì» fece la verza.
Era tanto commossa che non poteva parlare. «E tu, mi sposeresti?» chiese il rospo con un filo di voce. «Certo» rispose la verza. Il rospo s’accostò felice alla bella verzolina. Non si sentiva più solo, ora che qualcuno gli voleva bene. Nacque così un amore bellissimo, fatto di piccole quotidiane attenzioni, di scherzi dolci inventati con la poetica fantasia dell’amore. Un amore vero nell’orto, quale semplice meraviglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

I carabinieri in piazza Gioberti dove è stato rinvenuto il corpo

Ultim'ora

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

LEGA PRO

Il Parma sbanca Gubbio 4-1. Recuperati 2 punti al Venezia

In gol Calaiò, Nocciolini e Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino. Crociati terzi a 8 punti

1commento

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

20commenti

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno i controlli dal 27 al 31 marzo

Parma

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

7commenti

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

SOS ANIMALI

Cani da adottare Foto

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

SOCIETA'

la peppa

Tartine fiorite

centro giovani

"Noi che....": così si raccontano i giovani di Parma Il video

1commento

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017