11°

22°

libri

Baracca, le ali della gloria

Baracca, le ali della gloria
Ricevi gratis le news
0

Furono trentaquattro le vittorie aeree di Francesco Baracca: la prima in squadriglia il 7 aprile 1916, l'ultima il 13 giugno del 1918. E' una delle tante notizie raccolte da Luca e Alessandro Goldoni per il loro libro «Francesco Baracca. L'eroe dimenticato della Grande Guerra» edito da Rizzoli. Padre e figlio si son messi alla bisogna con il solito impeto coinvolgente e ne è venuto un racconto felice e pieno di echi curiosi, di ricordi, di sicure e utili provocazioni: un racconto che conserva, per dirla alla D'Annunzio, un'ala epica, ma anche una sottile e magica atmosfera di tempi andati che, però, non hanno portato con sé, per fortuna, solo l'alone del mistero e della gloria. Francesco Baracca è stato per molti di noi un sogno, cioè il sogno del volo, il sogno dell'azzardo. Mentre i fanti, gli alpini, gli artiglieri e i pontieri s'impastavano nel fango delle trincee e su per le gole e i sentieri sassosi del Carso, lui volava libero. «Il suo spirito è un demone di vittoria», scrisse D'Annunzio, ed è vero perché trascinante e immaginoso al modo con cui l'avevano concepito i futuristi, ad esempio, e lo stesso trasvolatore di Vienna. Baracca era nato a Lugo di Ravenna nel 1888 e precipitò col suo Spad XIII sul Montello nel '18. Aveva trent'anni. Era di sangue romagnolo, di famiglia ricca, di buona educazione e di buoni studi. Ma il rombo che annuncia la guerra si fa sentire anche da lontano. Luca e Alessandro, dopo la lettura di alcune pagine di Montanelli, riflettono sulla vicenda di quegli anni in una Italia di stati e staterelli e scrivono: «Ma è proprio per reazione a questa fragilità nazionale che nascono anche gli italiani migliori che seppero mettere la dignità al di sopra della paura». Tutta l'Europa vive in una incertezza che è angoscia e speranza insieme, e «La guerra nei cieli diventa così spettacolo. Francesco Baracca è sulla bocca di tutti. E' il Barone rosso in versione romagnola». Ma secondo regolamento doveva allora volare senza paracadute. Incredibile. Ottenuto il brevetto da pilota sul campo di volo di Betheny nel luglio del 1912, il brillante ufficiale di cavalleria sale su un aereo e se ne gloria. Scrive alla madre: «Conduciamo una vita da padri eterni, ce la spassiamo in compagnia di amici, di signore e signorine che ogni sera vengono all'aerodromo», conosce Marcelle ed Ethel. E intanto la guerra comincia a ghermire soldati, speranze, illusioni, ricchezze e popolazioni civili. Gli autori annotano giustamente che Baracca «militare uscito dalla scuola di cavalleria, non si è fatto sedurre più di tanto dalla grancassa della propaganda interventista. Accetta la guerra perché ha prestato giuramento al re. Soprattutto ha capito che non sarà un gioco da ragazzi». Il profilo dell'aviatore s'arricchisce: «Guascone e polemico, Baracca mantiene però l'animo nobile del cavaliere e del duellante che, sconfitto l'avversario, va ad accertarsi delle sue condizioni». Scandito come un romanzo d'azione, il racconto di Luca e Alessandro Goldoni mantiene uno stretto legame - direbbe ancora D'Annunzio - «fra cuore e motore, tendini e tiranti, ossa e centine, sangue ed essenza, animo e fuoco, tutto una volontà di battaglia» che, come accade in tutte le guerre, mescola ardimento, timori, suggestioni e paure. Ma - scrivono gli autori: «Francesco Baracca era più di un campione perché oltre al tifo sportivo risvegliava anche un impeto risorgimentale. E tuttavia la sua vanità era temperata dalla discrezione. Centinaia di foto d'archivio lo ritraggono sullo sfondo di ali e mitragliere, mentre rare sono le immagini assieme alle sue corteggiatrici». Un'atmosfera da «Belle époque» che lentamente si spegne, la guerra è la guerra e non ammette attenuanti, tanto più che ad un certo momento del conflitto compare in cielo - è proprio il caso di dire così - il Barone Rosso Manfred von Richthofen e gli scontri aerei prendono una piega piuttosto tragica, la cavalleria non c'entra più: o si uccide o si viene uccisi. Luca e Alessandro Goldoni scrivono: «Ogni tanto qualche volto d'aviatore scompare dalle foto di gruppo. Riapparirà su una lapide». Eppure, c'è un momento anche per la poesia. I due autori non si son lasciati sfuggire l'occasione di segnalare che «Baracca che ha fatto studi classici e si sente, se non attratto, incuriosito dai poeti in armi». C'è Ardengo Soffici col suo «Aeroplano», c'è «Si sta / come d'autunno / sugli alberi / le foglie» di Ungaretti, c'è Saba che nomina i nomi amati di Trento e Trieste, c'è Rebora col suo «ferito laggiù nel valloncello»: c'è insomma ancora il palpito della vita là dove la ferocia tende ad annullare ogni differenza, ogni pietà, ogni senso di giustizia. La guerra non guarda in faccia a nessuno, nemmeno al maggiore Baracca, ma il gioco è pericoloso. Gli autori alternano, come si fa per un romanzo d'azione, felici e divertenti immersioni nella realtà mentre le vicende belliche tra cielo e terra scivolano verso l'estate del 1918. E' una pagina di Guelfo Civinini inviato speciale del «Corriere della Sera» a dare l'annuncio della morte di Ba racca. Si passa così dalla cronaca alla storia; ma non solo: avviene anche un passaggio di testimone, il famoso cavallino, che i Goldoni raccontano con sincera devozione e quasi con pudore come se maneggiassero un documento prezioso, un sentimento di purezza e di gioia. E qui, allora, «l'eroe dimenticato della Grande Guerra» rivive invece in una sempre più luminosa ed esemplare immortalità.
Francesco Baracca di Alessandro e Luca Goldoni - Bur Rizzoli, pag. 178, euro 13,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto