-2°

Arte-Cultura

Omaggio a Leonello Cavalli

Omaggio a Leonello Cavalli
Ricevi gratis le news
0

Tiziano Marcheselli
Fino a tutto gennaio resterà aperta nelle sale di Villa Soragna nel Parco Nevicati a Collecchio la mostra antologica postuma di Leonello Cavalli, voluta dalla famiglia del pittore, scomparso una terntina d’anni fa, e patrocinata dal Comune di Collecchio. In Italia esistono delle strane zone, dove tutti fanno la stessa cosa: e la fanno anche bene, come, ad esempio, i mobilieri della Brianza, i gelatai del Veneto o i vignaiuoli delle Langhe. A Colliculum e colline limitrofe, invece, sono tutti metà pittori e metà scultori. E nelle ore libere, magari, inventano carri da carnevale, oggetti geneticamente modificati e diavolerie del genere. Saranno i misteriosi Boschi di Carrega, sarà il fascino delle lanche del Taro, sarà quell’aria dolce, sotto forma di memoria, che ha respirato gente come Amos Nattini o Riccardo Fainardi. Chissà... Resta il fatto che nel Novecento sono nati in zona tanti bravi artisti, legati anche alla tradizione locale della Sagra della Croce, prima, e del Centro culturale Villa Soragna, poi. E tra questi è rimasto nella memoria Leonello Cavalli da Gaiano, artista modesto e sensibile, che oggi si vuole ricordare con questo omaggio dei figli e dell’assessorato alla cultura collecchiese. Negli anni Sessanta erano di grande attualità i premi di pittura estemporanea, cioè molti amministratori di paese (sia nel Parmense che nel Reggiano e nel Modenese) bandivano un concorso, spesso con un tema, e i pittori arrivavano, timbravano la tela (per evitare trucchi) e piazzavano i loro cavalletti nelle strade e nelle piazze, con gran sollazzo dei curiosi che sostavano a osservare come progrediva il dipinto. Con tanti aneddoti e curiosità.
 Ricordo - ad esempio - che una volta il pittore Giorgio Manini, che dipingeva in un pollaio, a forza di scuotere i pennelli, alla fine dell’opera aveva fatto diventare le galline di mille colori. Vincenzo Vernizzi, invece, grande dominatore delle estemporanee, faceva in fretta a finire il quadro per poter organizzare una partita di pallone. Ecco, credo proprio di aver conosciuto Cavalli a un’estemporanea, e c’è anche una bella foto (che riproponiamo) con tanti pittori, dai collecchiesi Cattani, Vernizzi e Cesari, ai fratelli Afro e Franco Bia di Gaiano, tutti insieme per una premiazione.
Avevamo concorsi a Collecchio (la mitica Croce, e poi anche rassegne in Municipio), Calestano (premio supportato - sindaco Tiziano Del Sante - dagli affreschi per le strade antiche), Cozzano (alla Pineta), Felino (per Ferragosto), Fornovo, Bedonia, Borgotaro e un po’ in tutti i paesi, che andavano a gara a trovare premi in denaro, in natura (una volta ho visto un noto artista coi baffi, a Sesta Inferiore, mettersi un salame sotto il tabarro) e in coppe e medaglie (un altro pittore, a Calestano, ha rifiutato una bella coppa d’argento perché voleva solo i contanti...).
Al Castello di Felino, poi, il titolare aveva già deciso chi doveva vincere il concorso e la commissione giudicatrice se n’era andata indignata. Ma Leonello Cavalli con tutti questi «inghippi» non c’entrava niente. Era un pittore serio, sereno, appassionato, che amava la campagna circostante, i casolari, i frantoi, le prime colline imbiancate di neve, e li dipingeva con la semplicità dell’artista innamorato della propria terra, del pittore che, anche se con poco tempo a disposizione, voleva restare nel «gruppo» degli amici della zona. C’era, evidentemente, Alberto Cattani a fare un po’ da «chioccia» ai vari Marchetti, Cesari e Vernizzi (e - a questo proposito - allora si raccontava che il fratello di Cattani, Orlando, da ragazzo dimostrava doti ancora maggiori di Alberto; di lui ho un ricordo tristissimo: l’ho visto morire d’infarto durante un’estemporanea a Corniglio). Cavalli si vedeva ogni tanto, e qualche quadro - anche in questa mostra - ricorda abbastanza Alberto Cattani, il Cattani delle periferie e dei frantoi, con quei colori freddi, invernali, improvvisamente accesi dalla piccola tessera di una luce rossa. Con i fratelli Bia, Cattani (che chiamava Bertino) e qualche volta Vernizzi, Cavalli amava recarsi in Taro e in vari luoghi della «Bassa», come il porto di Boretto, dove il gruppetto scavalcava anche recinzioni pur di immergersi nella natura prescelta. E quando si dipingeva - dice Franco Bia - non si sentiva il freddo. Nella vita privata, poi, Cavalli (che, da impresario, aveva continui rapporti con il Comune e varie ditte) viene ricordato amabile, che sopportava tutti, sempre disponibile magari a trasportare gli amici con la propria auto, una vettura francese - dicono - di cui nel Parmense avevano venduti solo due esemplari.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa