-2°

Arte-Cultura

Omaggio a Leonello Cavalli

Omaggio a Leonello Cavalli
0

Tiziano Marcheselli
Fino a tutto gennaio resterà aperta nelle sale di Villa Soragna nel Parco Nevicati a Collecchio la mostra antologica postuma di Leonello Cavalli, voluta dalla famiglia del pittore, scomparso una terntina d’anni fa, e patrocinata dal Comune di Collecchio. In Italia esistono delle strane zone, dove tutti fanno la stessa cosa: e la fanno anche bene, come, ad esempio, i mobilieri della Brianza, i gelatai del Veneto o i vignaiuoli delle Langhe. A Colliculum e colline limitrofe, invece, sono tutti metà pittori e metà scultori. E nelle ore libere, magari, inventano carri da carnevale, oggetti geneticamente modificati e diavolerie del genere. Saranno i misteriosi Boschi di Carrega, sarà il fascino delle lanche del Taro, sarà quell’aria dolce, sotto forma di memoria, che ha respirato gente come Amos Nattini o Riccardo Fainardi. Chissà... Resta il fatto che nel Novecento sono nati in zona tanti bravi artisti, legati anche alla tradizione locale della Sagra della Croce, prima, e del Centro culturale Villa Soragna, poi. E tra questi è rimasto nella memoria Leonello Cavalli da Gaiano, artista modesto e sensibile, che oggi si vuole ricordare con questo omaggio dei figli e dell’assessorato alla cultura collecchiese. Negli anni Sessanta erano di grande attualità i premi di pittura estemporanea, cioè molti amministratori di paese (sia nel Parmense che nel Reggiano e nel Modenese) bandivano un concorso, spesso con un tema, e i pittori arrivavano, timbravano la tela (per evitare trucchi) e piazzavano i loro cavalletti nelle strade e nelle piazze, con gran sollazzo dei curiosi che sostavano a osservare come progrediva il dipinto. Con tanti aneddoti e curiosità.
 Ricordo - ad esempio - che una volta il pittore Giorgio Manini, che dipingeva in un pollaio, a forza di scuotere i pennelli, alla fine dell’opera aveva fatto diventare le galline di mille colori. Vincenzo Vernizzi, invece, grande dominatore delle estemporanee, faceva in fretta a finire il quadro per poter organizzare una partita di pallone. Ecco, credo proprio di aver conosciuto Cavalli a un’estemporanea, e c’è anche una bella foto (che riproponiamo) con tanti pittori, dai collecchiesi Cattani, Vernizzi e Cesari, ai fratelli Afro e Franco Bia di Gaiano, tutti insieme per una premiazione.
Avevamo concorsi a Collecchio (la mitica Croce, e poi anche rassegne in Municipio), Calestano (premio supportato - sindaco Tiziano Del Sante - dagli affreschi per le strade antiche), Cozzano (alla Pineta), Felino (per Ferragosto), Fornovo, Bedonia, Borgotaro e un po’ in tutti i paesi, che andavano a gara a trovare premi in denaro, in natura (una volta ho visto un noto artista coi baffi, a Sesta Inferiore, mettersi un salame sotto il tabarro) e in coppe e medaglie (un altro pittore, a Calestano, ha rifiutato una bella coppa d’argento perché voleva solo i contanti...).
Al Castello di Felino, poi, il titolare aveva già deciso chi doveva vincere il concorso e la commissione giudicatrice se n’era andata indignata. Ma Leonello Cavalli con tutti questi «inghippi» non c’entrava niente. Era un pittore serio, sereno, appassionato, che amava la campagna circostante, i casolari, i frantoi, le prime colline imbiancate di neve, e li dipingeva con la semplicità dell’artista innamorato della propria terra, del pittore che, anche se con poco tempo a disposizione, voleva restare nel «gruppo» degli amici della zona. C’era, evidentemente, Alberto Cattani a fare un po’ da «chioccia» ai vari Marchetti, Cesari e Vernizzi (e - a questo proposito - allora si raccontava che il fratello di Cattani, Orlando, da ragazzo dimostrava doti ancora maggiori di Alberto; di lui ho un ricordo tristissimo: l’ho visto morire d’infarto durante un’estemporanea a Corniglio). Cavalli si vedeva ogni tanto, e qualche quadro - anche in questa mostra - ricorda abbastanza Alberto Cattani, il Cattani delle periferie e dei frantoi, con quei colori freddi, invernali, improvvisamente accesi dalla piccola tessera di una luce rossa. Con i fratelli Bia, Cattani (che chiamava Bertino) e qualche volta Vernizzi, Cavalli amava recarsi in Taro e in vari luoghi della «Bassa», come il porto di Boretto, dove il gruppetto scavalcava anche recinzioni pur di immergersi nella natura prescelta. E quando si dipingeva - dice Franco Bia - non si sentiva il freddo. Nella vita privata, poi, Cavalli (che, da impresario, aveva continui rapporti con il Comune e varie ditte) viene ricordato amabile, che sopportava tutti, sempre disponibile magari a trasportare gli amici con la propria auto, una vettura francese - dicono - di cui nel Parmense avevano venduti solo due esemplari.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Giochi

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

9commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

5commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

11commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti