Arte-Cultura

Devozione cesellata

Devozione cesellata
0

di Lucia Fornari Schianchi

Pubblichiamo l'introduzione scritta dalla soprintendente per i beni storici e artistici ed etnoantropologici di Parma e Piacenza per il catalogo della mostra «L'argento della liturgia» sull'arte sacra in San Giovanni Evangelista che verrà inaugurata sabato alle 17,30  nella biblioteca monumentale del Monastero di San Giovanni (apertura fino al 7 gennaio). Oltre alla stessa Fornari Schianchi, interverranno padre Giorgio Basso e la presidente dello Zonta Club (promotore dell'iniziativa) Emanuela Tanzi.

Ho subito aderito e appoggiato l’intento nobilissimo di realizzare questa piccola preziosa mostra per molti motivi. Per l’impegno riconosciuto allo Zonta Club più volte osservato in molti settori, e per lo spirito «tutto femminile» che lo anima e lo porta a individuare e scegliere argomenti «di servizio» assai mirati che intrecciano cultura e sociale, come fossero complementari. Questo, dal mio punto di vista, è assai importante. Nel caso specifico, poi, il tema proposto assume molte valenze: di conoscenza di un settore, quello delle argenterie liturgiche, che riveste, nel vasto panorama dei beni culturali, un posto preminente, anche se artisticamente meno eclatante della pittura e dell’architettura. Si collega, invece, di più al mondo dei tessili antichi, delle pagine miniate, e si colloca fra quelle arti cosiddette applicate, che hanno visto perdersi quasi completamente gli apparati profani, mentre sono sopravvissuti in notevole quantità, e in quasi tutte le chiese, testimonianze sacre di grande pregio, alcune senza paternità certa, altre corredate da firma e date degli esecutori. Un altro motivo di interesse è che tutti i pezzi connotano una provenienza benedettina, certa o presunta, e verranno esposti nella Biblioteca monumentale del Monastero di San Giovanni, già di per sé un luogo emblematico per la ricchezza dei caratteri multilingue delle scritte che accompagnano la profonda varietà dei simboli religiosi illustrati, a partire dall’aquila giovannea, logo acutissimo del sapere evangelico, assai profuso, con tecniche diverse, nella chiesa e nel Monastero a lui dedicato. Assai eloquente è poi la scelta dei pezzi esposti dal più antico, in bronzo e rame, datato 1580, espressione della rara attività orafa di Smeraldo Smeraldi, ad una serie di calici che testimoniano le specificità delle manifatture italiane, che oscillano dalla perfetta linearità alla ricchezza degli ornamenti tardobarocchi, con una profusione di elementi sbalzati e cesellati, che rivelano la particolare e inconfondibile eleganza del disegno e dell’esecuzione degli orafi italiani a partire dal XVII – XVIII secolo di cui restano più numerose le testimonianze. Ad essi si aggiungono testi lignei intagliati e scolpiti per la grande liturgia, quando gli apparati sottolineavano particolari festività, sostituendo la nobiltà piena dell’argento, con lamine o foglie d’argento, meno costose, ma altrettanto baluginanti di luce e comunque sempre ispirate alla preziosità che ogni oggetto atto alla cerimonia religiosa doveva possedere, secondo i criteri propri dei secoli scorsi, fino all’ottocento, quando la produzione rispondeva ancora a committenze che sentivano la rarità del gesto nel richiedere particolari forniture, che dovevano corrispondere alla nobiltà dell’offerta e del rito. A ciò rispondevano, con impegno esecutivo e varietà di stile, i singoli argentieri che ricercavano una loro precisa identità, talora fuori dal comune, imponendosi nella produzione corrente, con la particolarità della lavorazione e del disegno ed emergendo per la tipicità dei loro lavori come Luigi Vernizzi e Gaetano Sanini cui non mancavano l’eleganza interpretativa ed essenziale del neoclassicismo adottato in argenteria o l’eclettismo decorativo proprio della fine secolo. Un altro aspetto che questa mostra sottolinea e riprende è il vasto lavoro di ricognizione portato avanti e precisato nell’arco di un secolo dalla nostra Soprintendenza, che ha dedicato ad ogni oggetto di questo particolare campo artistico, come di altri, una scheda identificativa corredata di fotografie e approfondite ricerche, al fine di dare un volto, il più ampio possibile, a questo settore che, collegandosi agli altri, permetta una conoscenza della produzione artistica a Parma nel corso dei secoli.  La mostra, che qui si presenta, è, pertanto, anche un modo significativo di attualizzare un patrimonio prezioso, spesso nascosto, e di non perderne la conoscenza anche come fonte del design moderno. Alla presidente e alle associate della Zonta International va quindi il mio ringraziamento anche per aver ritenuto, nello spirito dell’organizzazione, il nostro lavoro a monte, utile e degno di fiducia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

6commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

3commenti

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

3commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

2commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

modena

Parte il progetto dello chef Bottura: ogni lunedì a cena 60 persone in difficoltà

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti