15°

Arte-Cultura

Devozione cesellata

Devozione cesellata
0

di Lucia Fornari Schianchi

Pubblichiamo l'introduzione scritta dalla soprintendente per i beni storici e artistici ed etnoantropologici di Parma e Piacenza per il catalogo della mostra «L'argento della liturgia» sull'arte sacra in San Giovanni Evangelista che verrà inaugurata sabato alle 17,30  nella biblioteca monumentale del Monastero di San Giovanni (apertura fino al 7 gennaio). Oltre alla stessa Fornari Schianchi, interverranno padre Giorgio Basso e la presidente dello Zonta Club (promotore dell'iniziativa) Emanuela Tanzi.

Ho subito aderito e appoggiato l’intento nobilissimo di realizzare questa piccola preziosa mostra per molti motivi. Per l’impegno riconosciuto allo Zonta Club più volte osservato in molti settori, e per lo spirito «tutto femminile» che lo anima e lo porta a individuare e scegliere argomenti «di servizio» assai mirati che intrecciano cultura e sociale, come fossero complementari. Questo, dal mio punto di vista, è assai importante. Nel caso specifico, poi, il tema proposto assume molte valenze: di conoscenza di un settore, quello delle argenterie liturgiche, che riveste, nel vasto panorama dei beni culturali, un posto preminente, anche se artisticamente meno eclatante della pittura e dell’architettura. Si collega, invece, di più al mondo dei tessili antichi, delle pagine miniate, e si colloca fra quelle arti cosiddette applicate, che hanno visto perdersi quasi completamente gli apparati profani, mentre sono sopravvissuti in notevole quantità, e in quasi tutte le chiese, testimonianze sacre di grande pregio, alcune senza paternità certa, altre corredate da firma e date degli esecutori. Un altro motivo di interesse è che tutti i pezzi connotano una provenienza benedettina, certa o presunta, e verranno esposti nella Biblioteca monumentale del Monastero di San Giovanni, già di per sé un luogo emblematico per la ricchezza dei caratteri multilingue delle scritte che accompagnano la profonda varietà dei simboli religiosi illustrati, a partire dall’aquila giovannea, logo acutissimo del sapere evangelico, assai profuso, con tecniche diverse, nella chiesa e nel Monastero a lui dedicato. Assai eloquente è poi la scelta dei pezzi esposti dal più antico, in bronzo e rame, datato 1580, espressione della rara attività orafa di Smeraldo Smeraldi, ad una serie di calici che testimoniano le specificità delle manifatture italiane, che oscillano dalla perfetta linearità alla ricchezza degli ornamenti tardobarocchi, con una profusione di elementi sbalzati e cesellati, che rivelano la particolare e inconfondibile eleganza del disegno e dell’esecuzione degli orafi italiani a partire dal XVII – XVIII secolo di cui restano più numerose le testimonianze. Ad essi si aggiungono testi lignei intagliati e scolpiti per la grande liturgia, quando gli apparati sottolineavano particolari festività, sostituendo la nobiltà piena dell’argento, con lamine o foglie d’argento, meno costose, ma altrettanto baluginanti di luce e comunque sempre ispirate alla preziosità che ogni oggetto atto alla cerimonia religiosa doveva possedere, secondo i criteri propri dei secoli scorsi, fino all’ottocento, quando la produzione rispondeva ancora a committenze che sentivano la rarità del gesto nel richiedere particolari forniture, che dovevano corrispondere alla nobiltà dell’offerta e del rito. A ciò rispondevano, con impegno esecutivo e varietà di stile, i singoli argentieri che ricercavano una loro precisa identità, talora fuori dal comune, imponendosi nella produzione corrente, con la particolarità della lavorazione e del disegno ed emergendo per la tipicità dei loro lavori come Luigi Vernizzi e Gaetano Sanini cui non mancavano l’eleganza interpretativa ed essenziale del neoclassicismo adottato in argenteria o l’eclettismo decorativo proprio della fine secolo. Un altro aspetto che questa mostra sottolinea e riprende è il vasto lavoro di ricognizione portato avanti e precisato nell’arco di un secolo dalla nostra Soprintendenza, che ha dedicato ad ogni oggetto di questo particolare campo artistico, come di altri, una scheda identificativa corredata di fotografie e approfondite ricerche, al fine di dare un volto, il più ampio possibile, a questo settore che, collegandosi agli altri, permetta una conoscenza della produzione artistica a Parma nel corso dei secoli.  La mostra, che qui si presenta, è, pertanto, anche un modo significativo di attualizzare un patrimonio prezioso, spesso nascosto, e di non perderne la conoscenza anche come fonte del design moderno. Alla presidente e alle associate della Zonta International va quindi il mio ringraziamento anche per aver ritenuto, nello spirito dell’organizzazione, il nostro lavoro a monte, utile e degno di fiducia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa