22°

VALORE CULTURALE E ECONOMICO

Prezioso autografo di Verdi donato alla Casa della Musica

Nobile gesto di una coppia di Genova. Sul foglio sei battute del Simon Boccanegra per «Elena Massa, distintissima dilettante»

Prezioso autografo di Verdi donato alla Casa della Musica
Ricevi gratis le news
0
 

Un semplice foglio. Poche parole, qualche rigo musicale e una firma: Giuseppe Verdi. Ecco il preziosissimo oggetto che, ieri, una coppia di Genova ha ufficialmente donato alla Casa della Musica di Parma, nel corso di una cerimonia semplice ma significativa.

Amerigo Galliccia e Maria Grazia Pavin, marito e moglie, hanno deciso di donare il foglio manoscritto che la loro famiglia custodiva da generazioni all’istituzione parmigiana, spinti da due motivazioni: prima di tutto perché la collettività possa goderne e apprezzarne il valore, in secondo luogo perché il loro gesto possa fungere da stimolo per altre donazioni. L’autografo entrerà a far parte dell’archivio storico della Casa della Musica (inizialmente costituito dall’archivio storico del Teatro Regio) e dopo un attento e rigoroso studio, sarà esposto al Museo dell’Opera. Il foglio riporta sei battute della riduzione per canto e pianoforte della scena seconda dell’atto terzo del «Simon Boccanegra» e una dedica, a «Elena Massa, distintissima dilettante», secondo un costume piuttosto in voga all’epoca.

«La singolarità del documento sta nel fatto che il brano musicale trascritto si riferisca alla prima versione dell’opera, datata 1857, e non a quella definitiva e oggi comunemente rappresentata, del 1881 – ha sottolineato Marco Capra, presidente dell’istituzione Casa della Musica -. Abbiamo avuto una quarantina di donazioni in questi anni, tutte benemerite, ma questa è davvero speciale e costituirà una delle testimonianze più preziose esposte al Museo dell’Opera». Dopo essere stata appesa per decenni sopra il pianoforte di famiglia, la cornice contenente il prezioso cimelio troverà casa in piazzale San Francesco. Il «Simon Boccanegra», tra l’altro, è l’opera «genovese» di Verdi. «Il Maestro ebbe un profondo rapporto con la nostra città – raccontano Galliccia e Pavin -. La scelta di questo luogo come destinatario della nostra donazione è stata dettata dal fatto che lo riteniamo il posto ideale per conservare l’autografo, per metterlo a disposizione di tutti, appassionati e studiosi». I due avrebbero potuto agevolmente vendere l’oggetto a un collezionista (il suo valore non è solo storico e documentario, ma anche economico), ma hanno preferito donarlo, per far sì che fosse a disposizione di tutti. «Speriamo anche che questo gesto serva a stimolare altri possessori di simili documenti storici a donarli a istituzioni come la Casa della Musica» hanno aggiunto. Insomma, quel che ironicamente si è portati a dire dei genovesi, in questo caso, è a dir poco smentito nei fatti, perché grazie a un gesto unico di generosità, l’intera città da ieri si è arricchita di un oggetto preziosissimo. «La felice coincidenza che il percorso della Casa della Musica come istituzione gestita in autonomia si concluda con una donazione così significativa è il miglior suggello di questo decennio di attività» ha concluso Capra. Quest’anno, infatti, termina il ciclo istituzionale della Casa della Musica come ente gestito in autonomia con un proprio consiglio di amministrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»