cultura

Galateo, lingua e sms, decalogo di stile

Grammatica, sintassi e lessico: dubbi, regole ed errori

Galateo, lingua e sms, decalogo di stile
0
 

Galateo e buon gusto sono oggi fuori moda? Forse. Ma proprio per questa ragione, nell’Italia sguaiata e sciatta dell’anno del Signore 2015, se ne sente un impellente bisogno.

Le buone maniere peraltro investono tutte le sfere dell’agire umano, compresa la parola.

Ecco dieci semplici regole (alcune antiche, altre modernissime) per non rimediare brutte figure:- Evitare errori grammaticali (anche in sms, social network e posta elettronica) significa avere rispetto sia per se stessi sia per gli altri; nel parlare è bene prestare attenzione agli intercalari che si usano: sono (cioè, come dire?) assai fastidiosi! - Corollario della prima regola: rileggere quello che si scrive. Sempre. La velocità della società digitale non può essere una scusa. «Anche per coloro che rileggono (e gli studenti non sono abbastanza addestrati a farlo) è necessaria un’attenzione e un’abitudine a guardare i propri testi come se fossero altrui». Parola di Serena Fornasiero e Silvana Tamiozzo Goldmann, autrici di «Scrivere l’italiano. Galateo della comunicazione scritta».

-Non copiare (il «copia incolla» è moda sempre più diffusa su Intenet e non solo). Dalle tesi di laurea agli articoli di giornale, chi viene scoperto, rimedia una brutta figura: molto meglio e molto più semplice citare; peraltro, in genere si rimedia, al contrario, anche un’ottima figura.

-Essere semplici e chiari. Ancora da monsignor della Casa: «Le parole vogliono essere chiare» e ciò avverrà solo «se tu saprai scegliere quelle che sono originali di tua terra, che non siano perciò antiche tanto che elle siano divenute rance e viete, e, come logori vestimenti, diposte o tralasciate, sì come […] uopo [n. d. r.: sarebbe d’uopo, appunto, dirlo ai burocrati] e sezzaio e primaio; et oltre a ciò, se le parole che tu arai per le mani saranno non di doppio intendimento, ma semplici».

- Evitare acrobazie verbali. Charles Lamb sosteneva: «Un gioco di parole è una pistola all’orecchio, non una piuma per solleticare l’intelletto». Galateo vorrebbe che si evitassero continui giochi di parole nelle conversazioni (a meno di non chiamarsi Oscar Wilde).

- Essere sintetici e non abusare del tempo dell’interlocutore, prezioso quanto il nostro; e poi, come recita un aforisma di Andrea Gora, «le parole sono come le pallottole, meno te ne servono per colpire a segno e più bravo sei». In un periodo di cento parole si rischia di non capire nulla.

- Saper ascoltare, con l’attenzione che noi stessi pretendiamo, i discorsi degli altri.- Adeguarsi al contesto: avere competenza linguistica non vuol dire fare sfoggio di cultura, ma adattarsi alla situazione; sarebbe grottesco ascoltare un erudito che fa sfoggio di latinismi al mercato rionale; così come per un dottore esprimersi in medichese con un bimbo delle Elementari.

- Corollario del punto precedente: ammessi ormai nella scrittura epigrafica dei cellulari, vanno invece evitati in uno scritto tradizionale espressioni come «xché», «6 stanco?», «xò» et similia.

- Un ultimo consiglio di monsignor della Casa, tuttora valido soprattutto per gli avventori delle osterie, i politici e giornalisti esperti di calcio: parlare uno per volta (meglio non imitare l’ineffabile trasmissione del lunedì sera, il cui conduttore una volta ebbe a dire: «Non parlate in più di tre o quattro per volta che sennò non si capisce niente!»).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)