Arte-Cultura

Milena, un'anima allo specchio

Milena, un'anima allo specchio
0

 Edda Lavezzini Stagno

Aveva tutto per entrare nel mito questa donna giovane, bella, ed elegante. E’ una storia curiosa, un po’ fiabesca, un poco avvolta nel mistero, quella di Milena Pavlovic Barilli, che comincia con le due differenti date di nascita, avvenuta nella casa del nonno materno Pavlovic a Pozarevac: 23 ottobre per il calendario giuliano e 5 novembre 1909 per il calendario gregoriano. Che diventasse una grande artista era scritto nel suo destino. Quei Barilli, da parte del padre Bruno, compositore e critico musicale, sono a Parma una vera e propria dinastia artistica. Tutta la loro storia si dipana tra pittura, letteratura e musica. Milena Pavlovic Barilli mostra presto il suo talento, dimostra in fretta di essere una donna che cerca di volare libera sopra le convenzioni del tempo. E’ una poetessa che diventa pittrice, una diva armata di pennello. Oggi, a onorare l’artista di origine italiana, la più importante rappresentante del surrealismo nella pittura serba, per ricordare i cento anni dalla nascita, si muovono molte città serbe oltre alla capitale, e molte altre città europee. Roma non vuole essere da meno e, con la Soprintendenza alla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, ospita fino al 30 gennaio, al Museo Andersen una mostra curata da Jelica Milojkovic della Galleria Milena Pavlovic di Požarevac e Žana Gvozdenovic del Museo di Belgrado. Il materiale esposto è una parte dell’opus di Milena che raccoglie 894 opere. Qui, nel piccolo museo di Via Stanislao Mancini, un tempo residenza e atelier dello scultore Andersen, ammiriamo 41 tra oli su tela, tempere, pubblicazioni, fotografie d’epoca  e oggetti personali. Di particolare interesse sono i suoi disegni di moda fatti in America, quando collabora con le più prestigiose riviste del settore (da Vogue a Harper’s Bazaar), quando disegna abiti e scarpe da donna o si dedica a soluzioni grafiche per la pubblicità di cosmetici e  gioielli. Le sue illustrazioni sono molto richieste e Milena è considerata tra quelli che più hanno contribuito a dare alle riviste di moda americane la loro tipica veste grafica. Guardando attentamente l’insieme dell’opera di  Milena Pavlovic Barilli, si leggono diversi generi stilistici: quello «lineare-magico» e quello «metafisico-rinascimentale» rappresentati da diverse opere tra le quali «Autoritratto con velo» nel quale l’artista ha uno sguardo stupito e curioso, un naso aristocratico, un po’ somigliante a quello di Greta Garbo, e «Ritratto con guanto nero». Attraverso i dipinti dell’enigmatica, affascinante signora si può occhieggiare nella sua suggestiva vita, ricca di amicizie, di amicizie internazionali per la facilità con la quale Milena si sposta da una metropoli all’altra. Già a due mesi fa il primo viaggio in Italia col papà e la bellissima mamma Danica che vediamo in un ritratto del 1931. Dopo la Scuola Reale d'Arte a Belgrado comincia per lei una vita movimentata, caratterizzata da continui spostamenti e soggiorni, a Nizza, Monaco di Baviera, Madrid, Londra, Parigi. Tutte città che la travolgono in un lavoro spasmodico, in continui studi, in contatti che la fanno crescere fino a raggiungere una maturità e un’eccellente personalità artistica. Da ultimo Roma, dove mostra i suoi lavori insieme ai rappresentanti dell'avanguardia artistica contemporanea come De Chirico, Savinio, Lhote. Poi, alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale, nell'agosto del 1939, Milena parte per New York. Vi rimane fino alla morte, avvenuta nel 1945 in circostanze  ancora misteriose (forse per le conseguenze di una caduta da cavallo). Attraverso i dipinti esposti a Roma si può leggere una certa inquietudine. L'intera opera dell'artista serbo-italiana è permeata da sensibilità e spirito irrequieto, che nascondono ansie, nostalgie e…presentimento. Soprattutto nell'ultima fase della sua creazione, sia la pittura sia la poesia cedono a accenni metafisici e di sogno, nelle quali molti vedono l'influsso anche di Giorgio de Chirico. La mostra è accompagnata da un catalogo che riporta poesie, lettere affettuose, una in cui Milena annuncia al padre il matrimonio con Tomaso Gosselin, documenti significativi che testimoniano la stima verso Milena da parte di personaggi come Giancarlo Menotti  (Milena realizzò i costumi del balletto «Sebastian») con il quale nacque una affettuosa collaborazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)