11°

26°

CULTURA

Addio a Doctorow coscienza degli Usa

Lo scrittore aveva 84 anni. Tra i suoi amori la letteratura italiana

E.L. Doctorow

E.L. Doctorow

0

Cercare di capire l’idea che l’America ha di se stessa e del suo passato, per poter meglio comprendere il presente era l’intenzione di quasi tutta l’opera di E.L. Doctorow, scomparso a 84 anni per un cancro ai polmoni. Esemplare in questo senso il romanzo cui deve la sua grande popolarità, «Ragtime» (1975), successo internazionale con anche una fortunatissima versione cinematografica firmata da Milos Forman (che lo scrittore comunque trovava semplicistica, rispetto la suo libro).
Si trattava di un ritratto caleidoscopico dell’America in fieri del primo Novecento (si va dal 1902 allo scoppio in Europa della prima guerra mondiale), giocato su ritmi sincopati (e il titolo non è casuale) tra personaggi inventati (la storia di una famiglia) e tanti personaggi storici in un gioco di rimandi, citazioni, avvenimenti esemplari, da Freud in viaggio con Jung ai magnati Morgan e Ford, sino all’anarchica Emma Goldman e all’incredibile mago Houdini, con i suoi tentativi e trucchi forse la figura più simbolica, «divo del varietà... tale perchè dominato da un desiderio di morte... e perché non sa distinguere tra la sua vita e i suoi esperimenti». Una radiografia dell’America andando a pescare nella sua cultura popolare, nella sua mitologia, con un intrecciarsi di storie leggere e inquietanti, di sogni, ideali, disillusioni, violenze, in un balletto che finisce sull’orlo del baratro, della Grande guerra.
Si capisce quindi che, sebbene i suoi libri spesso siano ambientati in epoche diverse, non gli corrisponde la facile etichetta di romanziere storico, che anzi è uno dei più attuali e provocatori su questi anni del suo paese, di euforie e drammi, di sviluppo e guerre, pronto, anche come individuo e artista, a prendere posizione, a non nascondere la sua visione progressista. E per entrare in contatto col lettore, per riuscire più coinvolgente, affidava spesso il racconto ad una voce che parlasse in prima persona, come il Ragazzo della prima parte di «Ragtime», come il figlio che testimonia in un processo la vicenda dei genitori (che ricalca quella tragica dei Rosenberg) in quel gran romanzo di umanità, psicologia e denuncia storica che è «Il libro di Daniele» (1971 - poi anche film di Sidney Lumet) che lo impone all’attenzione della critica (prima aveva pubblicato romanzi western e di fantascienza), per arrivare sino all’io narrante di «La coscienza di Andrew» (2014), ultima sua opera, di gran livello, da poco tradotta in italiano, delirio-confessione di un assassino scienziato cognitivo a un imprecisato Doc (uno psicanalista?), che finisce per essere una sorta di esame di coscienza dell’odierna America tecnologica in preda a illusioni e paure del dopo 11 settembre.
Di famiglia ebrea di origine russa Edgar Lawrence Doctorow era nato a New York nel 1931. Lettore fine e onnivoro, amante della grande letteratura europea, da Dante e i nostri classici delle origini sino ai Russi dell’Ottocento, dopo aver lavorato in una casa editrice, aveva insegnato a lungo all’università, principalmente Scrittura creativa, anche alla New York University, dove ha ottenuto nel 1982 la cattedra di Letteratura americana. Dopo un inizio come sceneggiatore, ha pubblicato molti libri, pagine di saggistica, varie raccolte di racconti, una dozzina di romanzi per i quali ha ricevuto premi importanti, il National Book, due volte il Pen/Faulkner e tre volte il National Book Critics Circle. Per lui, oggi, anche il cordoglio di Obama, che in un tweet lo ha salutato come «uno dei più grandi romanzieri d’America». I suoi libri «mi hanno toccato così tanto, e mi mancherà», ha scritto il presidente Usa.
Tra gli altri suoi romanzi, spesso ispirati a personaggi storici e pubblici che per questo, sosteneva Doctorow, avevano in sè già un elemento di fiction e testimoniano la precarietà del sottile confine tra realtà e mito che è una delle caratteristiche dell’anima americana, sono da ricordare «La fiera mondiale» (1985); «Billy Bathgate» (1989) storia al tempo del Proibizionismo di un povero giovane che cerca un riscatto inseguendo il suo mito, diventare un fuorilegge imitando il gangster Dutch Schultz; «L’acquedotto di New York» (1995) visione noir e quasi fantascientifica dello sviluppo enorme e incontrollato della citta alla fine del Novecentoe; «La marcia» (2005) sulla celebre campagna del generale William Sherman durante la Guerra di secessione americana lungo il Sud, da Atlanta fino al Nord Carolina, traversata esemplare e rivelatrice. E tutta l’opera di Doctorow in fondo è proprio una traversata dell’America negli anni della sua formazione come società moderna sino da oggi, alla crisi e la coscienza di una nuova vulnerabilità, in cui tutto sembra frutto del caso ed invece rivela radici precise e fili rossi che legano e spiegano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Fabi: «Così rilancerò il Maggiore»

Intervista al direttore generale

Fabi: «Così rilancerò il Maggiore»

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

La denuncia

Asili e materne, graduatorie col «trucco»

Sport Paralimpici

Giulia, pesce combattente

Busseto

Addio a Scrivani: ha insegnato a generazioni a guidare

      Lega Pro

E adesso la Lucchese

MEDESANO

Pellegrini 2.0: una app sulla via Francigena

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

anteprima gazzetta

Fabi "ridisegna" l'ospedale. Ecco come cambia Video

Focus sui confronti elettorali fra i dieci candidati. Dopo molti anni due nuovi sacerdoti ordinati insieme. Inchieste sulle scuole materne di Parma. Tubercolosi, un secondo caso?

2commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio benigno" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

1commento

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma». In testa Pizzarotti

9commenti

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

Nato

Trump prima delle foto spinge via il presidente del Montenegro Video

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

1commento

CICLISMO

Giro: a Van Garderen il tappone dolomitico

MOTORI

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima

novita'

Mazda CX-5, il Suv compatto che sfida i marchi premium