-2°

CULTURA

Addio a Doctorow coscienza degli Usa

Lo scrittore aveva 84 anni. Tra i suoi amori la letteratura italiana

E.L. Doctorow

E.L. Doctorow

0

Cercare di capire l’idea che l’America ha di se stessa e del suo passato, per poter meglio comprendere il presente era l’intenzione di quasi tutta l’opera di E.L. Doctorow, scomparso a 84 anni per un cancro ai polmoni. Esemplare in questo senso il romanzo cui deve la sua grande popolarità, «Ragtime» (1975), successo internazionale con anche una fortunatissima versione cinematografica firmata da Milos Forman (che lo scrittore comunque trovava semplicistica, rispetto la suo libro).
Si trattava di un ritratto caleidoscopico dell’America in fieri del primo Novecento (si va dal 1902 allo scoppio in Europa della prima guerra mondiale), giocato su ritmi sincopati (e il titolo non è casuale) tra personaggi inventati (la storia di una famiglia) e tanti personaggi storici in un gioco di rimandi, citazioni, avvenimenti esemplari, da Freud in viaggio con Jung ai magnati Morgan e Ford, sino all’anarchica Emma Goldman e all’incredibile mago Houdini, con i suoi tentativi e trucchi forse la figura più simbolica, «divo del varietà... tale perchè dominato da un desiderio di morte... e perché non sa distinguere tra la sua vita e i suoi esperimenti». Una radiografia dell’America andando a pescare nella sua cultura popolare, nella sua mitologia, con un intrecciarsi di storie leggere e inquietanti, di sogni, ideali, disillusioni, violenze, in un balletto che finisce sull’orlo del baratro, della Grande guerra.
Si capisce quindi che, sebbene i suoi libri spesso siano ambientati in epoche diverse, non gli corrisponde la facile etichetta di romanziere storico, che anzi è uno dei più attuali e provocatori su questi anni del suo paese, di euforie e drammi, di sviluppo e guerre, pronto, anche come individuo e artista, a prendere posizione, a non nascondere la sua visione progressista. E per entrare in contatto col lettore, per riuscire più coinvolgente, affidava spesso il racconto ad una voce che parlasse in prima persona, come il Ragazzo della prima parte di «Ragtime», come il figlio che testimonia in un processo la vicenda dei genitori (che ricalca quella tragica dei Rosenberg) in quel gran romanzo di umanità, psicologia e denuncia storica che è «Il libro di Daniele» (1971 - poi anche film di Sidney Lumet) che lo impone all’attenzione della critica (prima aveva pubblicato romanzi western e di fantascienza), per arrivare sino all’io narrante di «La coscienza di Andrew» (2014), ultima sua opera, di gran livello, da poco tradotta in italiano, delirio-confessione di un assassino scienziato cognitivo a un imprecisato Doc (uno psicanalista?), che finisce per essere una sorta di esame di coscienza dell’odierna America tecnologica in preda a illusioni e paure del dopo 11 settembre.
Di famiglia ebrea di origine russa Edgar Lawrence Doctorow era nato a New York nel 1931. Lettore fine e onnivoro, amante della grande letteratura europea, da Dante e i nostri classici delle origini sino ai Russi dell’Ottocento, dopo aver lavorato in una casa editrice, aveva insegnato a lungo all’università, principalmente Scrittura creativa, anche alla New York University, dove ha ottenuto nel 1982 la cattedra di Letteratura americana. Dopo un inizio come sceneggiatore, ha pubblicato molti libri, pagine di saggistica, varie raccolte di racconti, una dozzina di romanzi per i quali ha ricevuto premi importanti, il National Book, due volte il Pen/Faulkner e tre volte il National Book Critics Circle. Per lui, oggi, anche il cordoglio di Obama, che in un tweet lo ha salutato come «uno dei più grandi romanzieri d’America». I suoi libri «mi hanno toccato così tanto, e mi mancherà», ha scritto il presidente Usa.
Tra gli altri suoi romanzi, spesso ispirati a personaggi storici e pubblici che per questo, sosteneva Doctorow, avevano in sè già un elemento di fiction e testimoniano la precarietà del sottile confine tra realtà e mito che è una delle caratteristiche dell’anima americana, sono da ricordare «La fiera mondiale» (1985); «Billy Bathgate» (1989) storia al tempo del Proibizionismo di un povero giovane che cerca un riscatto inseguendo il suo mito, diventare un fuorilegge imitando il gangster Dutch Schultz; «L’acquedotto di New York» (1995) visione noir e quasi fantascientifica dello sviluppo enorme e incontrollato della citta alla fine del Novecentoe; «La marcia» (2005) sulla celebre campagna del generale William Sherman durante la Guerra di secessione americana lungo il Sud, da Atlanta fino al Nord Carolina, traversata esemplare e rivelatrice. E tutta l’opera di Doctorow in fondo è proprio una traversata dell’America negli anni della sua formazione come società moderna sino da oggi, alla crisi e la coscienza di una nuova vulnerabilità, in cui tutto sembra frutto del caso ed invece rivela radici precise e fili rossi che legano e spiegano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sessanta cellulari in casa per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

1commento

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve presidio fisso: ma non di militari" Video

13commenti

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

4commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

gran bretagna

Brexit, la Corte dà torto al governo May: "Voti il Parlamento"

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di due donne e tre uomini: le vittime salgono a 14

SOCIETA'

scuola

Ecco "Nubi", la app con la dieta bilanciata per i bimbi delle scuole Video

arte

Kampah anti-Trump a Hollywood

SPORT

tg parma

L'allenatore del Venezia Inzaghi: "Parma temibile"

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto