21°

35°

CULTURA

Addio a Doctorow coscienza degli Usa

Lo scrittore aveva 84 anni. Tra i suoi amori la letteratura italiana

E.L. Doctorow

E.L. Doctorow

Ricevi gratis le news
0

Cercare di capire l’idea che l’America ha di se stessa e del suo passato, per poter meglio comprendere il presente era l’intenzione di quasi tutta l’opera di E.L. Doctorow, scomparso a 84 anni per un cancro ai polmoni. Esemplare in questo senso il romanzo cui deve la sua grande popolarità, «Ragtime» (1975), successo internazionale con anche una fortunatissima versione cinematografica firmata da Milos Forman (che lo scrittore comunque trovava semplicistica, rispetto la suo libro).
Si trattava di un ritratto caleidoscopico dell’America in fieri del primo Novecento (si va dal 1902 allo scoppio in Europa della prima guerra mondiale), giocato su ritmi sincopati (e il titolo non è casuale) tra personaggi inventati (la storia di una famiglia) e tanti personaggi storici in un gioco di rimandi, citazioni, avvenimenti esemplari, da Freud in viaggio con Jung ai magnati Morgan e Ford, sino all’anarchica Emma Goldman e all’incredibile mago Houdini, con i suoi tentativi e trucchi forse la figura più simbolica, «divo del varietà... tale perchè dominato da un desiderio di morte... e perché non sa distinguere tra la sua vita e i suoi esperimenti». Una radiografia dell’America andando a pescare nella sua cultura popolare, nella sua mitologia, con un intrecciarsi di storie leggere e inquietanti, di sogni, ideali, disillusioni, violenze, in un balletto che finisce sull’orlo del baratro, della Grande guerra.
Si capisce quindi che, sebbene i suoi libri spesso siano ambientati in epoche diverse, non gli corrisponde la facile etichetta di romanziere storico, che anzi è uno dei più attuali e provocatori su questi anni del suo paese, di euforie e drammi, di sviluppo e guerre, pronto, anche come individuo e artista, a prendere posizione, a non nascondere la sua visione progressista. E per entrare in contatto col lettore, per riuscire più coinvolgente, affidava spesso il racconto ad una voce che parlasse in prima persona, come il Ragazzo della prima parte di «Ragtime», come il figlio che testimonia in un processo la vicenda dei genitori (che ricalca quella tragica dei Rosenberg) in quel gran romanzo di umanità, psicologia e denuncia storica che è «Il libro di Daniele» (1971 - poi anche film di Sidney Lumet) che lo impone all’attenzione della critica (prima aveva pubblicato romanzi western e di fantascienza), per arrivare sino all’io narrante di «La coscienza di Andrew» (2014), ultima sua opera, di gran livello, da poco tradotta in italiano, delirio-confessione di un assassino scienziato cognitivo a un imprecisato Doc (uno psicanalista?), che finisce per essere una sorta di esame di coscienza dell’odierna America tecnologica in preda a illusioni e paure del dopo 11 settembre.
Di famiglia ebrea di origine russa Edgar Lawrence Doctorow era nato a New York nel 1931. Lettore fine e onnivoro, amante della grande letteratura europea, da Dante e i nostri classici delle origini sino ai Russi dell’Ottocento, dopo aver lavorato in una casa editrice, aveva insegnato a lungo all’università, principalmente Scrittura creativa, anche alla New York University, dove ha ottenuto nel 1982 la cattedra di Letteratura americana. Dopo un inizio come sceneggiatore, ha pubblicato molti libri, pagine di saggistica, varie raccolte di racconti, una dozzina di romanzi per i quali ha ricevuto premi importanti, il National Book, due volte il Pen/Faulkner e tre volte il National Book Critics Circle. Per lui, oggi, anche il cordoglio di Obama, che in un tweet lo ha salutato come «uno dei più grandi romanzieri d’America». I suoi libri «mi hanno toccato così tanto, e mi mancherà», ha scritto il presidente Usa.
Tra gli altri suoi romanzi, spesso ispirati a personaggi storici e pubblici che per questo, sosteneva Doctorow, avevano in sè già un elemento di fiction e testimoniano la precarietà del sottile confine tra realtà e mito che è una delle caratteristiche dell’anima americana, sono da ricordare «La fiera mondiale» (1985); «Billy Bathgate» (1989) storia al tempo del Proibizionismo di un povero giovane che cerca un riscatto inseguendo il suo mito, diventare un fuorilegge imitando il gangster Dutch Schultz; «L’acquedotto di New York» (1995) visione noir e quasi fantascientifica dello sviluppo enorme e incontrollato della citta alla fine del Novecentoe; «La marcia» (2005) sulla celebre campagna del generale William Sherman durante la Guerra di secessione americana lungo il Sud, da Atlanta fino al Nord Carolina, traversata esemplare e rivelatrice. E tutta l’opera di Doctorow in fondo è proprio una traversata dell’America negli anni della sua formazione come società moderna sino da oggi, alla crisi e la coscienza di una nuova vulnerabilità, in cui tutto sembra frutto del caso ed invece rivela radici precise e fili rossi che legano e spiegano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

NEW YORK

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

Torino

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco non ci sta e scrive al ministro dell'Interno

Lesignano

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco minaccia le dimissioni

Giorgio Cavatorta ha scritto al ministro dell'Interno

Tg Parma

Delitto di via San Leonardo: Solomon a Parma incontra il padre Video

Delitto

Papà Fred si racconta: tra il dolore infinito e la forza dell'amore

6commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Fred Nyantakyi resterà a vivere in città: "Parma non lo lasci solo" Video

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

ParmENSE

In arrivo il caldo record, fiume Po sempre più in basso Video

Guardia di Finanza

Fa sparire 135mila euro destinati ai creditori: nei guai imprenditore parmense

1commento

cantiere

Via Mazzini, parte la riqualificazione dei portici Foto

panocchia

Auto fuori strada: liberato il conducente incastrato tra le lamiere

2commenti

via fleming

Urta un veicolo in sosta e finisce con l'auto a ruote all'aria Foto

Alimentare

Sciopero e presidio alla Froneri (ex Nestlé)

1commento

CONFCONSUMATORI

Energia e gas: boom di reclami contro le maxi bollette

Dagli errori di fatturazione alle attivazioni mai richieste: scoppia la protesta

2commenti

Tribunale

Stalker violento condannato a tre anni

carabinieri

Rapina in banca con sequestro a Busseto: arrestati in tre

Inchiesta

Le casalinghe a Parma, pareri a confronto

6commenti

natura

Mamme d'Appennino: la volpe allatta i suoi cuccioli Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

GIALLO

Molotov contro centro migranti a Modena

VENEZIA

L'incendio di Londra: mille persone al funerale di Marco, morto assieme a Gloria

SPORT

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

TOUR

Sull'Izoard vince Barguil, Aru in difficoltà: scivola al quinto posto

SOCIETA'

l'emendamento

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente fino a 6 mesi

10commenti

telefono azzurro

Telefono e social, i bambini "inchiodano" gli adulti Video

MOTORI

TOYOTA

Yaris GRMN, dal Nurburgring la Yaris più potente di sempre

DAIMLER

Mercedes, "richiamo" volontario per 3 milioni di motori diesel