22°

Arte-Cultura

Ilario, un grande fra i Santi

Ilario, un grande fra i Santi
Ricevi gratis le news
0

 Nella prossima ricorrenza (mercoledì 13) di Sant'Ilario patrono della nostra città, la cui figura peraltro è forse più conosciuta a motivo delle sue “dolci scarpette”, ci pare interessante oltreché doveroso evidenziare la statura dell’uomo, del vescovo e del santo che papa Pio IX nel 1851 riconobbe “Dottore della Chiesa” per la santità della vita e per l’autorevolezza della dottrina.

Ci troviamo di fronte, infatti, non solo ad uno dei santi più popolari di Francia, ma ad un “gigante” dell’ortodossia cristiana, ad un uomo eccezionale la cui profondità teologica si è imposta, lui vivente, all’ammirazione e all’attenzione degli studiosi e ancor più, della stessa Chiesa, a quel tempo turbata e sconvolta non solo dal paganesimo ufficiale ma anche dalle eresie che cercavano di alterare l’integrità dei dogmi.
Autore di varie opere sia teologiche che esegetiche, Ilario fu strenuo difensore della Verità cattolica contro l’Arianesimo che combattè senza posa ovunque albergasse e che fu eresia fortemente sostenuta dall’imperatore Costanzo. Con la sua opera maggiore scritta in esilio, il “De Trinitate” in 12 libri, egli contribuì efficacemente allo sviluppo e alla strutturazione della teologia sulla Rivelazione dando un’elaborazione latina alla dottrina trinitario-cristologica.
Dunque, il santo che Parma ha come Patrono è un “Grande” fra i santi appartenendo ai “Padri della Chiesa”, a quel gruppo, cioè, di singolari scrittori e pensatori dell’antichità cristiana che, attraverso i primi concili ecumenici, hanno trasmesso la prima formulazione del “Credo”.
Nato a Poitiers forse nel 315 e convertito al cristianesimo da adulto, per la sua non comune cultura e per l’esemplarità della vita, viene designato a voce di popolo, intorno al 350, vescovo della sua città schierandosi deciso contro gli avversari eretici. Mandato in esilio in Asia Minore, studiò il pensiero teologico orientale e lottò con vigore per la difesa della fede incontrando l’imperatore Costanzo a Costantinopoli per cercare di ottenerne la conversione alla vera dottrina e rivolgendosi a lui senza alcun timore.
 Ritornato nella sua città nel 360, visitò la diocesi ove fece rifiorire la disciplina ecclesiastica e, da lì, indusse poi la Francia tutta a condannare l’eresia di Ario: per tal motivo uscì dai suoi confini, per andare là dove essa era più fortemente radicata e difesa. Fu così che Ilario “visitò” anche l’Italia rimanendovi sino a buona parte del 364 e dove in compagnia di Eusebio di Vercelli, altra figura di primo piano in quel periodo di lotta contro l’arianesimo, collaborò a riportare la fede in varie regioni.
 Fu verosimilmente in quegli anni che Ilario visitò anche Parma e vi predicò. Sebbene il Barbieri e il Negri siano rimasti in dubbio intorno all’anno preciso, riferiscono nella loro “Vita e opere di Sant'Ilario Patrono di Parma” (Battei Ed.) una tradizione ancor viva nella prima metà dell’Ottocento, confermata tra l’altro da ricerche minuziose di don Arnaldo Vignali, noto studioso della nostra diocesi, scomparso qualche anno fa. Non solo: l’esistenza a Sant'Ilario Baganza di una grossa lastra ora conservata in chiesa e recante la scritta “Pietra di Sant'Ilario”, oggetto da secoli di particolare devozione da parte degli infermi che in passato pellegrinavano a quella chiesa provenienti anche da province vicine, avvalora la tradizione suddetta, perché fu convinzione dei devoti che il Santo Dottore vi abbia camminato sopra (e non che sia ivi stata trasportata da lui, come sostiene qualche autore).
 Tuttavia, Sant'Ilario compare quale Patrono di Parma solo nella seconda metà del XIII secolo. Ireneo Affò, nella sua “Storia di Parma” precisa l’anno, ossia il 1266 quando la città divisa nelle fazioni dei Guelfi e Ghibellini, era dominata dai primi. In quell'anno operava a Parma la Società dei Crociati che, con l’appoggio di Carlo D’Angiò, impedì ad Oberto Pallavicino, di parte ghibellina, di impadronirsi della città. La stessa Società avrebbe, poi, eretto una chiesa dedicata al Santo fuori di porta Santa Croce, nel sobborgo denominato, appunto, di Sant'Ilario.
 Un’altra data, poi, viene a confermare l’indicazione dell’Affò, poiché nel 1269 furono coniate le prime monete recanti l’effigie del Santo con la qualifica di “Protector”. In ogni caso, la festa di Sant'Ilario fu sino al Sinodo Mozzanega del 1602 solo festa civica. 
VALENTINO SANI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

Marino Perani

Marino Perani

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

PARMA

Furto alla ditta "Mef" di strada del Paullo: è il secondo in 8 giorni 

Bottino da quantificare

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

13commenti

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

ALIMENTARE

Torna il "World Pasta Day", San Paolo è la "capitale". E il 25 ottobre, pastici aperti anche a Parma

Aidepi presenta la Giornata mondiale del 25 ottobre

TRASPORTI

Bus, il Tar invia la sentenza in procura e alla Corte dei conti 

«Aspetti singolari e conflitto d'interessi»

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 9

IL CASO

Parchi, bagni «vietati» ai disabili

BORGOTARO

Venturi: «Punto nascita, chiusura inevitabile»

1commento

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

rapimento

Alfano: "Liberato in Nigeria don Maurizio Pallù"

OMICIDI

Morto il serial killer delle donne di Bolzano

SPORT

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

Moto

Marquez vuole tornare a vincere

SOCIETA'

FOTOGRAFIA

Percezione e realtà negli scatti di Volumnia Fontana

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»