-7°

Arte-Cultura

Ilario, un grande fra i Santi

Ilario, un grande fra i Santi
0

 Nella prossima ricorrenza (mercoledì 13) di Sant'Ilario patrono della nostra città, la cui figura peraltro è forse più conosciuta a motivo delle sue “dolci scarpette”, ci pare interessante oltreché doveroso evidenziare la statura dell’uomo, del vescovo e del santo che papa Pio IX nel 1851 riconobbe “Dottore della Chiesa” per la santità della vita e per l’autorevolezza della dottrina.

Ci troviamo di fronte, infatti, non solo ad uno dei santi più popolari di Francia, ma ad un “gigante” dell’ortodossia cristiana, ad un uomo eccezionale la cui profondità teologica si è imposta, lui vivente, all’ammirazione e all’attenzione degli studiosi e ancor più, della stessa Chiesa, a quel tempo turbata e sconvolta non solo dal paganesimo ufficiale ma anche dalle eresie che cercavano di alterare l’integrità dei dogmi.
Autore di varie opere sia teologiche che esegetiche, Ilario fu strenuo difensore della Verità cattolica contro l’Arianesimo che combattè senza posa ovunque albergasse e che fu eresia fortemente sostenuta dall’imperatore Costanzo. Con la sua opera maggiore scritta in esilio, il “De Trinitate” in 12 libri, egli contribuì efficacemente allo sviluppo e alla strutturazione della teologia sulla Rivelazione dando un’elaborazione latina alla dottrina trinitario-cristologica.
Dunque, il santo che Parma ha come Patrono è un “Grande” fra i santi appartenendo ai “Padri della Chiesa”, a quel gruppo, cioè, di singolari scrittori e pensatori dell’antichità cristiana che, attraverso i primi concili ecumenici, hanno trasmesso la prima formulazione del “Credo”.
Nato a Poitiers forse nel 315 e convertito al cristianesimo da adulto, per la sua non comune cultura e per l’esemplarità della vita, viene designato a voce di popolo, intorno al 350, vescovo della sua città schierandosi deciso contro gli avversari eretici. Mandato in esilio in Asia Minore, studiò il pensiero teologico orientale e lottò con vigore per la difesa della fede incontrando l’imperatore Costanzo a Costantinopoli per cercare di ottenerne la conversione alla vera dottrina e rivolgendosi a lui senza alcun timore.
 Ritornato nella sua città nel 360, visitò la diocesi ove fece rifiorire la disciplina ecclesiastica e, da lì, indusse poi la Francia tutta a condannare l’eresia di Ario: per tal motivo uscì dai suoi confini, per andare là dove essa era più fortemente radicata e difesa. Fu così che Ilario “visitò” anche l’Italia rimanendovi sino a buona parte del 364 e dove in compagnia di Eusebio di Vercelli, altra figura di primo piano in quel periodo di lotta contro l’arianesimo, collaborò a riportare la fede in varie regioni.
 Fu verosimilmente in quegli anni che Ilario visitò anche Parma e vi predicò. Sebbene il Barbieri e il Negri siano rimasti in dubbio intorno all’anno preciso, riferiscono nella loro “Vita e opere di Sant'Ilario Patrono di Parma” (Battei Ed.) una tradizione ancor viva nella prima metà dell’Ottocento, confermata tra l’altro da ricerche minuziose di don Arnaldo Vignali, noto studioso della nostra diocesi, scomparso qualche anno fa. Non solo: l’esistenza a Sant'Ilario Baganza di una grossa lastra ora conservata in chiesa e recante la scritta “Pietra di Sant'Ilario”, oggetto da secoli di particolare devozione da parte degli infermi che in passato pellegrinavano a quella chiesa provenienti anche da province vicine, avvalora la tradizione suddetta, perché fu convinzione dei devoti che il Santo Dottore vi abbia camminato sopra (e non che sia ivi stata trasportata da lui, come sostiene qualche autore).
 Tuttavia, Sant'Ilario compare quale Patrono di Parma solo nella seconda metà del XIII secolo. Ireneo Affò, nella sua “Storia di Parma” precisa l’anno, ossia il 1266 quando la città divisa nelle fazioni dei Guelfi e Ghibellini, era dominata dai primi. In quell'anno operava a Parma la Società dei Crociati che, con l’appoggio di Carlo D’Angiò, impedì ad Oberto Pallavicino, di parte ghibellina, di impadronirsi della città. La stessa Società avrebbe, poi, eretto una chiesa dedicata al Santo fuori di porta Santa Croce, nel sobborgo denominato, appunto, di Sant'Ilario.
 Un’altra data, poi, viene a confermare l’indicazione dell’Affò, poiché nel 1269 furono coniate le prime monete recanti l’effigie del Santo con la qualifica di “Protector”. In ogni caso, la festa di Sant'Ilario fu sino al Sinodo Mozzanega del 1602 solo festa civica. 
VALENTINO SANI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fa sesso con il pitbull: arrestato un 23enne

usa

Fa sesso con il pitbull: arrestato un 23enne

1commento

MusicaU2, tutto esaurito a Roma. Annunciata la seconda data

Musica

U2, tutto esaurito a Roma: annunciata la seconda data

Eva Herzigova

Eva Herzigova

L'INDISCRETO

Bellezze mozzafiato e vallette a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Incidente sulla via Emilia: traffico bloccato a Parola

Fidenza

Incidente sulla via Emilia: traffico bloccato a Parola

CLASSIFICA DEL "Sole"

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

14commenti

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

1commento

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Calcio

Il Parma acquista Munari: oggi la presentazione con Edera Video

Il centrocampista ha già giocato con la maglia crociata in serie A e in Coppa Italia

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

FIDENZA

Meningite, la conferma: non c'è rischio contagio

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

16commenti

Senzatetto

Viaggio fra gli «invisibili». Ed è polemica fra Comune e Diocesi

3commenti

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

La storia

In via Po circondati dal degrado

1commento

Omicidio

«Ho prestato la mia auto a Turco, era solo un favore»

meteo

Domenica coi fiocchi: la neve imbianca il Parmense

Inviate le vostre foto

2commenti

natura

Cronache di ghiaccio: un Appennino di gelida bellezza Foto

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Le sfide della città

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Roma

Si arrampicano sul cancello del Colosseo e cadono: un ferito grave

1commento

BOLOGNA

Stupra disabile nel bagno di un bar: la Lega Nord chiede la castrazione chimica

SOCIETA'

Parma

Giocampus Neve da tutto esaurito

curiosità

E' il "lunedì nero": è considerato il giorno più triste dell'anno

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

tennis

Australia Open: Vinci e Schiavone ko all'esordio

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video