12°

Intervista

Il piacere di un tuffo nel progetto

In un film è possibile far interagire l'opera con chi la abita, ne fruisce e la modifica

Il piacere di un tuffo nel progetto
0
 

«Du gust is megl che uan» diceva un noto spot degli Anni '90. Nel campo dell’architettura, le coppie famose sono state tante. Da Charles e Ray Eames a Le Corbusier e Charlotte Perriand, a Franco Purini e Laura Thermes. Nel campo dei documentari d’architettura, Roberto Ronchi e Mara Corradi devono essere i primi. Marito e moglie nella vita, ma anche affiatato duo di autori di film sulla Musa di Vitruvio. Opere concepite con grazia e girate con arte. Mara è parmigiana, anche se da tempo vive a Milano, ed è giornalista di architettura e di design. Si è occupata di archivistica, conservazione e valorizzazione, curando il Fondo Disegni dell’Archivio Kartell e il patrimonio documentario di Michele De Lucchi, per il quale ha seguito per anni pubblicazioni e mostre personali. Oggi si occupa di commento e critica sul portale di architettura Floornature.com, e collabora alla realizzazione di eventi e mostre. Il bresciano Roberto è cameraman televisivo e regista. Ha cominciato la sua carriera come video-maker nel 1999 e, fin da subito, ha collaborato con le maggiori emittenti italiane ed europee nella produzione di cronaca, documentari e intrattenimento.

«I video di architettura ci danno la possibilità – racconta Roberto – di lavorare insieme, mettendo l’uno a disposizione dell’altro le nostre esperienze e le idee sviluppate negli anni. Mara porta le sue conoscenze nel campo della critica e io la mia visione della fotografia, maturata nel settore dell’intrattenimento e della documentaristica. Inoltre, produrre video ci pare un’interpretazione più ricca, rispetto al disegno, alla parola, alla fotografia e agli altri strumenti consueti».

Che importanza ha raccontare il progetto attraverso la forma del documentario?

Mara: «Bruno Zevi, grande critico, sosteneva che quando l’architettura, anziché sui libri, sarebbe stata insegnata al cinema, anche un pubblico non specializzato avrebbe potuto comprenderla e goderne al massimo. Il video è un mezzo completo ed estremamente immersivo. In un film possono essere messi in relazione tutti gli strumenti di rappresentazione dello spazio ed è possibile far interagire l’opera con chi la abita, ne fruisce e la modifica, evidenziando il cambiamento che avviene, rispetto all’idea concepita dal progettista».

Qual è stata l’idea guida nel vostro primo lavoro (visibile su vimeo), dedicato all’architetto bengalese Rafiq Azam e girato tra Bangladesh e Italia?

Roberto: «Tutto è nato come videointervista da proporre al portale di architettura Floornature. Mara conosceva già il lavoro di Rafiq, ma ha fatto uno studio approfondito per toccare tutti i punti più salienti della sua poetica. Quando poi lui ci ha invitato in Bangladesh siamo andati alla ricerca di quei temi e tratti che Rafiq aveva sottolineato a parole. Fare riprese a Dacca ci ha permesso di mostrare il paesaggio, la società, la condizione urbana, il clima, la storia e tutti quegli aspetti che influenzano l’architettura di Azam».

Di recente avete realizzato il book trailer del saggio «Architecture on the web» (visibile su youtube) del parmigiano Paolo Schianchi. Perché è più incisivo di una recensione scritta?

M.: «Perché la nostra comprensione del mondo oggi è veicolata attraverso l’immagine e non più mediante la parola. Sto estremizzando naturalmente, ma è così. Questo saggio, tra l’altro, lo spiega chiaramente».

La videointervista a Massimo Iosa Ghini (visibile su youtube), in occasione della sua personale al Mambo, ha un ritmo bolidista, come gli oggetti del designer bolognese, grazie a inquadrature, montaggio, musica. Quanto conta il commento sonoro in un racconto filmato?

R.: «Il montaggio serrato, le immagini vivaci degli oggetti, alternate ai disegni al pantone e il suo segno aggressivo, ci hanno fatto pensare al jazz. La nota jazz che spezza i brani dell’intervista scuote il pubblico, riportandolo a un dinamismo che è peculiarità del lavoro di Iosa Ghini. E tutto si è combinato con coerenza».

Ora avete un progetto: narrare la Chiesa di Santa Maria Assunta a Riola, l’unico progetto italiano di Alvar Aalto.

M.:«Ci siamo chiesti che cosa ci fa una chiesa progettata da un architetto noto in tutto il mondo, per giunta protestante, tra le montagne dell’Appennino bolognese. Ne è emerso un avvincente racconto di storia italiana, nei suoi aspetti religiosi, culturali e popolari. Abbiamo già realizzato molte interviste, ma è un progetto che ci appassiona troppo per portarlo avanti senza finanziamenti… Sta per essere ultimato il promo che ha proprio questo scopo. Restate in ascolto!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Cafè: vestiti anni '50

Pgn feste

Hub Cafè: vestiti anni '50 Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

CALCIO

A Salò un Parma affamato

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

Lesioni

Borgotaro, carnevale insanguinato

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Parma

Concerto benefico con Frisina e il coro di Roma: coda per entrare in Duomo

Evento per i 10 anni dell'Hospice delle Piccole Figlie e per ricordare il vescovo Bonicelli, scomparso nel 2009

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

5commenti

ITALIA/MONDO

loreto mare

I furbetti del cartellino sono stati traditi dai loro telefonini

Padova

Curava le pazienti con "orgasmi terapeutici": medico condannato

1commento

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia