16°

Intervista

Il piacere di un tuffo nel progetto

In un film è possibile far interagire l'opera con chi la abita, ne fruisce e la modifica

Il piacere di un tuffo nel progetto
0
 

«Du gust is megl che uan» diceva un noto spot degli Anni '90. Nel campo dell’architettura, le coppie famose sono state tante. Da Charles e Ray Eames a Le Corbusier e Charlotte Perriand, a Franco Purini e Laura Thermes. Nel campo dei documentari d’architettura, Roberto Ronchi e Mara Corradi devono essere i primi. Marito e moglie nella vita, ma anche affiatato duo di autori di film sulla Musa di Vitruvio. Opere concepite con grazia e girate con arte. Mara è parmigiana, anche se da tempo vive a Milano, ed è giornalista di architettura e di design. Si è occupata di archivistica, conservazione e valorizzazione, curando il Fondo Disegni dell’Archivio Kartell e il patrimonio documentario di Michele De Lucchi, per il quale ha seguito per anni pubblicazioni e mostre personali. Oggi si occupa di commento e critica sul portale di architettura Floornature.com, e collabora alla realizzazione di eventi e mostre. Il bresciano Roberto è cameraman televisivo e regista. Ha cominciato la sua carriera come video-maker nel 1999 e, fin da subito, ha collaborato con le maggiori emittenti italiane ed europee nella produzione di cronaca, documentari e intrattenimento.

«I video di architettura ci danno la possibilità – racconta Roberto – di lavorare insieme, mettendo l’uno a disposizione dell’altro le nostre esperienze e le idee sviluppate negli anni. Mara porta le sue conoscenze nel campo della critica e io la mia visione della fotografia, maturata nel settore dell’intrattenimento e della documentaristica. Inoltre, produrre video ci pare un’interpretazione più ricca, rispetto al disegno, alla parola, alla fotografia e agli altri strumenti consueti».

Che importanza ha raccontare il progetto attraverso la forma del documentario?

Mara: «Bruno Zevi, grande critico, sosteneva che quando l’architettura, anziché sui libri, sarebbe stata insegnata al cinema, anche un pubblico non specializzato avrebbe potuto comprenderla e goderne al massimo. Il video è un mezzo completo ed estremamente immersivo. In un film possono essere messi in relazione tutti gli strumenti di rappresentazione dello spazio ed è possibile far interagire l’opera con chi la abita, ne fruisce e la modifica, evidenziando il cambiamento che avviene, rispetto all’idea concepita dal progettista».

Qual è stata l’idea guida nel vostro primo lavoro (visibile su vimeo), dedicato all’architetto bengalese Rafiq Azam e girato tra Bangladesh e Italia?

Roberto: «Tutto è nato come videointervista da proporre al portale di architettura Floornature. Mara conosceva già il lavoro di Rafiq, ma ha fatto uno studio approfondito per toccare tutti i punti più salienti della sua poetica. Quando poi lui ci ha invitato in Bangladesh siamo andati alla ricerca di quei temi e tratti che Rafiq aveva sottolineato a parole. Fare riprese a Dacca ci ha permesso di mostrare il paesaggio, la società, la condizione urbana, il clima, la storia e tutti quegli aspetti che influenzano l’architettura di Azam».

Di recente avete realizzato il book trailer del saggio «Architecture on the web» (visibile su youtube) del parmigiano Paolo Schianchi. Perché è più incisivo di una recensione scritta?

M.: «Perché la nostra comprensione del mondo oggi è veicolata attraverso l’immagine e non più mediante la parola. Sto estremizzando naturalmente, ma è così. Questo saggio, tra l’altro, lo spiega chiaramente».

La videointervista a Massimo Iosa Ghini (visibile su youtube), in occasione della sua personale al Mambo, ha un ritmo bolidista, come gli oggetti del designer bolognese, grazie a inquadrature, montaggio, musica. Quanto conta il commento sonoro in un racconto filmato?

R.: «Il montaggio serrato, le immagini vivaci degli oggetti, alternate ai disegni al pantone e il suo segno aggressivo, ci hanno fatto pensare al jazz. La nota jazz che spezza i brani dell’intervista scuote il pubblico, riportandolo a un dinamismo che è peculiarità del lavoro di Iosa Ghini. E tutto si è combinato con coerenza».

Ora avete un progetto: narrare la Chiesa di Santa Maria Assunta a Riola, l’unico progetto italiano di Alvar Aalto.

M.:«Ci siamo chiesti che cosa ci fa una chiesa progettata da un architetto noto in tutto il mondo, per giunta protestante, tra le montagne dell’Appennino bolognese. Ne è emerso un avvincente racconto di storia italiana, nei suoi aspetti religiosi, culturali e popolari. Abbiamo già realizzato molte interviste, ma è un progetto che ci appassiona troppo per portarlo avanti senza finanziamenti… Sta per essere ultimato il promo che ha proprio questo scopo. Restate in ascolto!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi

Sport

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi Foto

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salso

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

ponte romano

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

5commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

3commenti

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

1commento

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

INTERVISTA

Fresu: «Il mio festival jazz a km 0»

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

23commenti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Gazzareporter

Campana del vetro con... piumino invernale Foto

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

1commento

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

GIAPPONE

Valanga su comitiva di studenti, 3 dispersi Video

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Qualcuno ha visto Kira?

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

SPORT

MOTOGP

Il mondiale si apre all'insegna di Vinales. Dovi e Rossi sul podio

formula 1

Per il trionfo di Vettel in Australia 10 milioni davanti a Rai1

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017