Storia

Afghanistan, trappola per tutti

Il libro di Darlymple e il ritorno di un «re fantoccio»: iniziò nel 1842 l'infinita partita a scacchi dell'Occidente con Kabul

Afghanistan, trappola per tutti
Ricevi gratis le news
0
 

Nel 1842, un’armata di ventimila uomini inviata dallo Stato coloniale allora più potente del mondo viene sterminata da un gruppo di agguerriti ribelli nascosti fra le montagne e pochissimo coordinati tra di loro. E’ il tragico epilogo della spedizione voluta dalla Compagnia britannica delle Indie Orientali per mettere le mani sull'Afghanistan, in una delle prime mosse di quello che passerà alla storia come il «Grande Gioco»: il conflitto diplomatico e militare fra Londra e San Pietroburgo per il controllo di Medio Oriente e Asia centrale. La manciata di anni fra l’inizio dell’invasione, nel 1839, e la disastrosa ritirata è raccontata con dovizia di particolari e notevole talento narrativo nell’ultima opera dello storico scozzese William Darlymple, «Il ritorno di un re». Così, infatti, venne giustificata la spedizione: con la volontà di rimettere sul trono Shah Shuja, sovrano del clan dei Sadozai detronizzato da Dost Mohammad, appartenente al clan rivale dei Barakzai. Ben presto fu chiaro a tutti che Shuja altro non era che un fantoccio - anzi un «muli», un ravanello, dicono le fonti locali - e che erano gli inglesi i veri padroni della politica afghana.

Eppure, incapaci di destreggiarsi in un paese tormentato dalle rivalità tribali, mal guidati da comandanti inetti e miopi e sempre più osteggiati dalla popolazione musulmana, i conquistatori commisero un errore strategico dopo l'altro, con il risultato di fare la fine del topo fra le gole rocciose dell’Hindu Kush. La resistenza delle tribù locali, la fame e il freddo (quasi la metà del territorio afghano si trova a un’altitudine superiore ai 2 mila metri) inflissero ai soldati di Sua Maestà una delle batoste più solenni della loro storia.

Per descrivere la parabola inglese in Afghanistan, Darlymple - formatosi a Cambridge e oggi residente in India - ha consultato per tre anni un’enorme quantità di fonti e viaggiato da Londra a Dehli, da Lahore a Kabul. Soprattutto, ha tradotto e usato per la prima volta i poemi epico-eroici dedicati alla resistenza anticolonialista, una sorta, spiega lui, di «versione afghana della Chanson de Roland». Sono testi preziosi, che ci raccontano il conflitto con gli occhi dell’altra fazione coinvolta, danno un nome e un volto ai capi dei rivoltosi e ci fanno capire perchè Dost Mohammad sia tuttora celebrato come un eroe dell’Afghanistan moderno, mentre a Shah Shuja sia toccato il disprezzo che si riserva ai collaborazionisti.

L’autore ha trasformato questo lavoro scrupoloso sui documenti in una narrazione avvincente come un romanzo, pur senza alcuna concessione ad abbellimenti fantasiosi, corredata da oltre cento pagine di immagini, indici, glossari e bibliografia. Sebbene gli antichi credessero che la storia sia maestra di vita, Dalrymple dimostra che non sempre è così, visto che sia i sovietici nel 1979, sia gli americani nel 2001 ripeteranno, invadendo l’Afghanistan, gli stessi errori strategici dell’armata inglese. Si affideranno infatti a un intelligence propensa ad ingigantire le minacce provenienti dalla regione, entrandoci senza sapere come uscirne e finendo per rimanere invischiati in un conflitto molto più ampio di quanto preventivato.

Eppure, se la recente notizia della morte del leader dei talebani, il Mullah Omar, dovesse aprire scenari per ora imprevedibili per le truppe statunitensi tuttora in Afghanistan, forse non è troppo tardi per fare tesoro di quella prima, disastrosa esperienza britannica. Ricordando l'ammonimento di Mirza Ata, fra i più brillanti storici dell’epoca: «Non è cosa facile invadere o governare il regno del Khorasan».

Il ritorno di un re

di William Darlymple

Adelphi, pag. 664, euro 34,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo: Andrea Delogu

L'INDISCRETO

Cinque bellezze che bucano il piccolo e grande schermo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

4commenti

anteprima gazzetta

60 anni della legge Merlin, cosa è cambiato nella prostituzione (a Parma)

tg parma

Edicola in stazione ultimo giorno: domani saracinesca chiusa Video

METEO

Perturbazione in arrivo: previste piogge e neve fra collina e montagna

Sarà colpito prima il centro-sud, poi anche il nord Italia (Emilia-Romagna compresa)

gazzareporter

I cinghiali attraversano la strada a Tabiano Video

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

1commento

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

2commenti

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

parma

Lucarelli non molla: "Per la A ci proveremo fino alla fine"

1commento

parma calcio

Le pagelle in dialetto parmigiano Video

Iren

Parma-Venezia al Tardini, esposizione contenitori rifiuti sabato entro le 9: le vie coinvolte

PARMA

Il centro muore? Lettori uniti: "Servono incentivi e sicurezza"

Continua il dibattito fra i parmigiani

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

SOCIETA'

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

salute

Infertilità maschile, la prima causa è l'inquinamento

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto