12°

22°

Storia

Afghanistan, trappola per tutti

Il libro di Darlymple e il ritorno di un «re fantoccio»: iniziò nel 1842 l'infinita partita a scacchi dell'Occidente con Kabul

Afghanistan, trappola per tutti
0
 

Nel 1842, un’armata di ventimila uomini inviata dallo Stato coloniale allora più potente del mondo viene sterminata da un gruppo di agguerriti ribelli nascosti fra le montagne e pochissimo coordinati tra di loro. E’ il tragico epilogo della spedizione voluta dalla Compagnia britannica delle Indie Orientali per mettere le mani sull'Afghanistan, in una delle prime mosse di quello che passerà alla storia come il «Grande Gioco»: il conflitto diplomatico e militare fra Londra e San Pietroburgo per il controllo di Medio Oriente e Asia centrale. La manciata di anni fra l’inizio dell’invasione, nel 1839, e la disastrosa ritirata è raccontata con dovizia di particolari e notevole talento narrativo nell’ultima opera dello storico scozzese William Darlymple, «Il ritorno di un re». Così, infatti, venne giustificata la spedizione: con la volontà di rimettere sul trono Shah Shuja, sovrano del clan dei Sadozai detronizzato da Dost Mohammad, appartenente al clan rivale dei Barakzai. Ben presto fu chiaro a tutti che Shuja altro non era che un fantoccio - anzi un «muli», un ravanello, dicono le fonti locali - e che erano gli inglesi i veri padroni della politica afghana.

Eppure, incapaci di destreggiarsi in un paese tormentato dalle rivalità tribali, mal guidati da comandanti inetti e miopi e sempre più osteggiati dalla popolazione musulmana, i conquistatori commisero un errore strategico dopo l'altro, con il risultato di fare la fine del topo fra le gole rocciose dell’Hindu Kush. La resistenza delle tribù locali, la fame e il freddo (quasi la metà del territorio afghano si trova a un’altitudine superiore ai 2 mila metri) inflissero ai soldati di Sua Maestà una delle batoste più solenni della loro storia.

Per descrivere la parabola inglese in Afghanistan, Darlymple - formatosi a Cambridge e oggi residente in India - ha consultato per tre anni un’enorme quantità di fonti e viaggiato da Londra a Dehli, da Lahore a Kabul. Soprattutto, ha tradotto e usato per la prima volta i poemi epico-eroici dedicati alla resistenza anticolonialista, una sorta, spiega lui, di «versione afghana della Chanson de Roland». Sono testi preziosi, che ci raccontano il conflitto con gli occhi dell’altra fazione coinvolta, danno un nome e un volto ai capi dei rivoltosi e ci fanno capire perchè Dost Mohammad sia tuttora celebrato come un eroe dell’Afghanistan moderno, mentre a Shah Shuja sia toccato il disprezzo che si riserva ai collaborazionisti.

L’autore ha trasformato questo lavoro scrupoloso sui documenti in una narrazione avvincente come un romanzo, pur senza alcuna concessione ad abbellimenti fantasiosi, corredata da oltre cento pagine di immagini, indici, glossari e bibliografia. Sebbene gli antichi credessero che la storia sia maestra di vita, Dalrymple dimostra che non sempre è così, visto che sia i sovietici nel 1979, sia gli americani nel 2001 ripeteranno, invadendo l’Afghanistan, gli stessi errori strategici dell’armata inglese. Si affideranno infatti a un intelligence propensa ad ingigantire le minacce provenienti dalla regione, entrandoci senza sapere come uscirne e finendo per rimanere invischiati in un conflitto molto più ampio di quanto preventivato.

Eppure, se la recente notizia della morte del leader dei talebani, il Mullah Omar, dovesse aprire scenari per ora imprevedibili per le truppe statunitensi tuttora in Afghanistan, forse non è troppo tardi per fare tesoro di quella prima, disastrosa esperienza britannica. Ricordando l'ammonimento di Mirza Ata, fra i più brillanti storici dell’epoca: «Non è cosa facile invadere o governare il regno del Khorasan».

Il ritorno di un re

di William Darlymple

Adelphi, pag. 664, euro 34,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Scippo, anziana ferita in via Palestro

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

Albareto

L'alpino «Livio» morto a 101 anni

IL CASO

Manno a Istanbul: ambasciatore di legalità

La curiosità

Paracadutista a 96 anni grazie a un parmigiano

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il 25 aprile festeggiato a Fidenza (Guarda le foto)

1commento

parma in crisi

Ko (anche) con il Sudtirol: squadra in ritiro a Collecchio Video

anteprima gazzetta

Anziana rapinata e aggredita all'uscita del cinema Astra Video

1commento

gaffe e polemiche

La "Pilotta dei lettori": da parcheggio (involontario) a campo da calcio

5commenti

pilotta

Planet Funk e Fast Animals and Slow Kids Chi c'era

FOTOGRAFIA

Bonassera e il "Brozzi" a Fotografia Europea 

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

BRESCELLO

Trasporta cavalli senza patente né permessi: maxi-multa per 25enne

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

E' morta la quercia più vecchia: aveva 600 anni

LIVORNO

Sale sul tetto di un treno: 18enne muore folgorato

SOCIETA'

3 mesi fa l'aggressione

Il primo selfie di Gessica Notaro (la miss sfregiata con l’acido dall’ex)

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"