-7°

Arte-Cultura

Un fiore che disarma

Un fiore che disarma
0

di Giuseppe Marchetti

Passati da poco tempo i settant'anni, il poeta parmigiano Bruno Piccinini (insegnante di lettere in pensione, vive da sempre a Varano Marchesi) dà alle stampe per i tipi di Diabasis «Carta d'identità», la sua prima raccolta di liriche. Liriche davvero: una tradizione illustre della nostra poesia novecentesca che Piccinini dimostra di conoscere bene e di saper usare per ritmo, cadenze, immagini e pensieri. «Carta d'identità» dunque è realmente un documento di riconoscimento e nel contempo un bilancio, non una situazione di stallo. Il bilancio che il poeta compie con tanto semplice e rigorosa situazione d'ascolto, è quanto mai ampio: «Il mio nome è una stagione inquieta / e certa come un fiore che disarma / e in fretta brucia le sue vele / il suo colore / ma ha respiri di luce e profezie». Piccinini scompensa così il rito della percezione e della riflessione in una concezione lirica deposta e riflessa. Ci senti l'eco di Cardarelli, il grande Cardarelli oggi dimenticato, quello del «Passato», de «L'ottobre», e della illusa gioventù», ma soprattutto di «Adolescente», pieno di fieri rimpianti non crepuscolarmente malinconici. «Carta d'identità» si può dunque leggere in due modi: come confessione (il rito del guardarsi dentro, del pensarci) e come romanzo in versi (romanzo di formazione, del perché di tante cose, delle lontane origini, della natura e del passo presente): le due rette non s'incontrano e non si elidono, restano semmai a riflettersi l'una nell'altra: «E volgendo lo sguardo al confine / del nord dicevi: sono vecchio / non posso più aspettare. / Ma non sapevo cosa».
 In questo modo il poeta sta fermo dentro il proprio tempo e ne considera le immagini: ecco, qui ci ricorda Sereni con i suoi «Immediati dintorni», il vedere: «Vedi le calcine al lato ovest sfiorite / e la pietra che sanguina», oppure il percepire oltre il vedere medesimo che è poi la storia di cento metafore ordinate sul crescere e il calare degli anni.
Questa è la natura di Piccinini, il suo esser poeta, non cantore, non celebrante, ma solo poeta: «E se io fossi solamente un nome / solamente un suono / il diapason di un corpo che dietro / non ha nulla». Anche così, però, questa poesia trasuda una sua dolcezza infinita imponendosi per virtù di chiarezza e di singolare tenuta stilistica.
Abbiamo fatto due nomi, più sopra, di poeti. Vogliano aggiungerne un altro per dare un senso alla profonda sintonia che Piccinini offre nei suoi testi: il nome di Bertolucci, ma senza fare paragoni o tirare forzate derivazioni. Il nome del grande Attilio serve piuttosto per coordinare la meravigliata sorpresa che Piccinini depone sul rischio del presente, la descrizione: «La giovinezza ancora d'improvviso / di primavera / su un tram che porta alla stazione: / una ragazza dai capelli rossi / che mi volta le spalle / e che non vedo in volto, / un suono breve e se ne va ignota».
Sembra di vedere un quadro di Latino Barilli con i suoi colori puri. Invece in quest'anima sconosciuta il poeta depone una meditata sincerità, il gusto, dicevamo, della descrizione che diventa persona da visione che era. «Carta d'identità» riprende quindi ad uno ad uno i temi che Piccinini definisce «stanze degli anni», i nostri anni, con il loro carico, con le bisacce delle favole di Fedro: ciascuno di noi ha le proprie, un po' vuote, un po' piene, vi sono dentro molte cianfrusaglie, qualche perla, gli affetti conservati e quelli perduti per via, i volti cari, le voci, i suoni degli eventi svaniti nel nulla e di quelli che per un poco ci hanno illustri e confortati: insomma tutto il bagaglio della poesia vissuta.
L'offerta, quindi, è ricca, ma semplice e diretta come nei versi di «Per dirmi del tramonto» che fissa irrevocabilmente le domande estreme, il «come» e il «perché», eterni luoghi della poesia di ogni tempo e paese con il loro cielo che «si distende senza ostacoli / quasi sospira / in una luce calma di pensieri / che ignota lontanissima resiste», proprio come il respiro della poesia, come «Il passaggio dei treni»  e come il guardare e il camminare dentro il tempo dei nostri pensieri che Piccinini circonda di affetto e di pazienza.
Anch'egli è il Drogo di Buzzati nel «Deserto dei tartari»; anch'egli vive nella fortezza e spinge lo sguardo lontano: «Sono drogo invecchiato / nell'attesa sfinita dell'evento / che scruta dagli spalti la pianura / che imprigiona in polveri e miraggi la fortezza bastiani. / Sono drogo che porta in sé l'evento / e dentro sé stesso lo consuma».

Carta d'identità
Diabasis, pag. 86, €10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

MusicaU2, tutto esaurito a Roma. Annunciata la seconda data

Musica

U2, tutto esaurito a Roma: annunciata la seconda data

Eva Herzigova

Eva Herzigova

L'INDISCRETO

Bellezze mozzafiato e vallette a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Incidente sulla via Emilia: traffico bloccato a Parola

Fontanellato

Scontro auto-camion sulla via Emilia: un ferito grave a Parola

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

2commenti

CLASSIFICA DEL "Sole"

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

21commenti

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Calcio

Il Parma acquista Munari: oggi la presentazione con Edera Video

Il centrocampista ha già giocato con la maglia crociata in serie A e in Coppa Italia

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

polemica

"Marchio Parma in Giappone", affondo della Lega, Casa risponde

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

musica

Giulia, una stella del jazz pronta a brillare

La felinese è in finale al Concorso Bettinardi

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

18commenti

FIDENZA

Meningite, la conferma: non c'è rischio contagio

Senzatetto

Viaggio fra gli «invisibili». Ed è polemica fra Comune e Diocesi

3commenti

Gazzareporter

Il Mondo di Flo

Omicidio

«Ho prestato la mia auto a Turco, era solo un favore»

La storia

In via Po circondati dal degrado

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Le sfide della città

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Motori

La Germania chiede il richiamo di Fiat 500, Doblò e Jeep-Renegade

BOLOGNA

Stupra disabile nel bagno di un bar: la Lega Nord chiede la castrazione chimica

SOCIETA'

Parma

Giocampus Neve da tutto esaurito

ISTAT

Grandi città fuori dalla deflazione. Sopra i 150mila abitanti Parma tra le più care

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video