15°

Arte-Cultura

Un fiore che disarma

Un fiore che disarma
0

di Giuseppe Marchetti

Passati da poco tempo i settant'anni, il poeta parmigiano Bruno Piccinini (insegnante di lettere in pensione, vive da sempre a Varano Marchesi) dà alle stampe per i tipi di Diabasis «Carta d'identità», la sua prima raccolta di liriche. Liriche davvero: una tradizione illustre della nostra poesia novecentesca che Piccinini dimostra di conoscere bene e di saper usare per ritmo, cadenze, immagini e pensieri. «Carta d'identità» dunque è realmente un documento di riconoscimento e nel contempo un bilancio, non una situazione di stallo. Il bilancio che il poeta compie con tanto semplice e rigorosa situazione d'ascolto, è quanto mai ampio: «Il mio nome è una stagione inquieta / e certa come un fiore che disarma / e in fretta brucia le sue vele / il suo colore / ma ha respiri di luce e profezie». Piccinini scompensa così il rito della percezione e della riflessione in una concezione lirica deposta e riflessa. Ci senti l'eco di Cardarelli, il grande Cardarelli oggi dimenticato, quello del «Passato», de «L'ottobre», e della illusa gioventù», ma soprattutto di «Adolescente», pieno di fieri rimpianti non crepuscolarmente malinconici. «Carta d'identità» si può dunque leggere in due modi: come confessione (il rito del guardarsi dentro, del pensarci) e come romanzo in versi (romanzo di formazione, del perché di tante cose, delle lontane origini, della natura e del passo presente): le due rette non s'incontrano e non si elidono, restano semmai a riflettersi l'una nell'altra: «E volgendo lo sguardo al confine / del nord dicevi: sono vecchio / non posso più aspettare. / Ma non sapevo cosa».
 In questo modo il poeta sta fermo dentro il proprio tempo e ne considera le immagini: ecco, qui ci ricorda Sereni con i suoi «Immediati dintorni», il vedere: «Vedi le calcine al lato ovest sfiorite / e la pietra che sanguina», oppure il percepire oltre il vedere medesimo che è poi la storia di cento metafore ordinate sul crescere e il calare degli anni.
Questa è la natura di Piccinini, il suo esser poeta, non cantore, non celebrante, ma solo poeta: «E se io fossi solamente un nome / solamente un suono / il diapason di un corpo che dietro / non ha nulla». Anche così, però, questa poesia trasuda una sua dolcezza infinita imponendosi per virtù di chiarezza e di singolare tenuta stilistica.
Abbiamo fatto due nomi, più sopra, di poeti. Vogliano aggiungerne un altro per dare un senso alla profonda sintonia che Piccinini offre nei suoi testi: il nome di Bertolucci, ma senza fare paragoni o tirare forzate derivazioni. Il nome del grande Attilio serve piuttosto per coordinare la meravigliata sorpresa che Piccinini depone sul rischio del presente, la descrizione: «La giovinezza ancora d'improvviso / di primavera / su un tram che porta alla stazione: / una ragazza dai capelli rossi / che mi volta le spalle / e che non vedo in volto, / un suono breve e se ne va ignota».
Sembra di vedere un quadro di Latino Barilli con i suoi colori puri. Invece in quest'anima sconosciuta il poeta depone una meditata sincerità, il gusto, dicevamo, della descrizione che diventa persona da visione che era. «Carta d'identità» riprende quindi ad uno ad uno i temi che Piccinini definisce «stanze degli anni», i nostri anni, con il loro carico, con le bisacce delle favole di Fedro: ciascuno di noi ha le proprie, un po' vuote, un po' piene, vi sono dentro molte cianfrusaglie, qualche perla, gli affetti conservati e quelli perduti per via, i volti cari, le voci, i suoni degli eventi svaniti nel nulla e di quelli che per un poco ci hanno illustri e confortati: insomma tutto il bagaglio della poesia vissuta.
L'offerta, quindi, è ricca, ma semplice e diretta come nei versi di «Per dirmi del tramonto» che fissa irrevocabilmente le domande estreme, il «come» e il «perché», eterni luoghi della poesia di ogni tempo e paese con il loro cielo che «si distende senza ostacoli / quasi sospira / in una luce calma di pensieri / che ignota lontanissima resiste», proprio come il respiro della poesia, come «Il passaggio dei treni»  e come il guardare e il camminare dentro il tempo dei nostri pensieri che Piccinini circonda di affetto e di pazienza.
Anch'egli è il Drogo di Buzzati nel «Deserto dei tartari»; anch'egli vive nella fortezza e spinge lo sguardo lontano: «Sono drogo invecchiato / nell'attesa sfinita dell'evento / che scruta dagli spalti la pianura / che imprigiona in polveri e miraggi la fortezza bastiani. / Sono drogo che porta in sé l'evento / e dentro sé stesso lo consuma».

Carta d'identità
Diabasis, pag. 86, €10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

1commento

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

1commento

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

2commenti

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

9commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

1commento

usa

Aereo Cessna si schianta sulle case: tre vittime

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia