-2°

Arte-Cultura

Un fiore che disarma

Un fiore che disarma
0

di Giuseppe Marchetti

Passati da poco tempo i settant'anni, il poeta parmigiano Bruno Piccinini (insegnante di lettere in pensione, vive da sempre a Varano Marchesi) dà alle stampe per i tipi di Diabasis «Carta d'identità», la sua prima raccolta di liriche. Liriche davvero: una tradizione illustre della nostra poesia novecentesca che Piccinini dimostra di conoscere bene e di saper usare per ritmo, cadenze, immagini e pensieri. «Carta d'identità» dunque è realmente un documento di riconoscimento e nel contempo un bilancio, non una situazione di stallo. Il bilancio che il poeta compie con tanto semplice e rigorosa situazione d'ascolto, è quanto mai ampio: «Il mio nome è una stagione inquieta / e certa come un fiore che disarma / e in fretta brucia le sue vele / il suo colore / ma ha respiri di luce e profezie». Piccinini scompensa così il rito della percezione e della riflessione in una concezione lirica deposta e riflessa. Ci senti l'eco di Cardarelli, il grande Cardarelli oggi dimenticato, quello del «Passato», de «L'ottobre», e della illusa gioventù», ma soprattutto di «Adolescente», pieno di fieri rimpianti non crepuscolarmente malinconici. «Carta d'identità» si può dunque leggere in due modi: come confessione (il rito del guardarsi dentro, del pensarci) e come romanzo in versi (romanzo di formazione, del perché di tante cose, delle lontane origini, della natura e del passo presente): le due rette non s'incontrano e non si elidono, restano semmai a riflettersi l'una nell'altra: «E volgendo lo sguardo al confine / del nord dicevi: sono vecchio / non posso più aspettare. / Ma non sapevo cosa».
 In questo modo il poeta sta fermo dentro il proprio tempo e ne considera le immagini: ecco, qui ci ricorda Sereni con i suoi «Immediati dintorni», il vedere: «Vedi le calcine al lato ovest sfiorite / e la pietra che sanguina», oppure il percepire oltre il vedere medesimo che è poi la storia di cento metafore ordinate sul crescere e il calare degli anni.
Questa è la natura di Piccinini, il suo esser poeta, non cantore, non celebrante, ma solo poeta: «E se io fossi solamente un nome / solamente un suono / il diapason di un corpo che dietro / non ha nulla». Anche così, però, questa poesia trasuda una sua dolcezza infinita imponendosi per virtù di chiarezza e di singolare tenuta stilistica.
Abbiamo fatto due nomi, più sopra, di poeti. Vogliano aggiungerne un altro per dare un senso alla profonda sintonia che Piccinini offre nei suoi testi: il nome di Bertolucci, ma senza fare paragoni o tirare forzate derivazioni. Il nome del grande Attilio serve piuttosto per coordinare la meravigliata sorpresa che Piccinini depone sul rischio del presente, la descrizione: «La giovinezza ancora d'improvviso / di primavera / su un tram che porta alla stazione: / una ragazza dai capelli rossi / che mi volta le spalle / e che non vedo in volto, / un suono breve e se ne va ignota».
Sembra di vedere un quadro di Latino Barilli con i suoi colori puri. Invece in quest'anima sconosciuta il poeta depone una meditata sincerità, il gusto, dicevamo, della descrizione che diventa persona da visione che era. «Carta d'identità» riprende quindi ad uno ad uno i temi che Piccinini definisce «stanze degli anni», i nostri anni, con il loro carico, con le bisacce delle favole di Fedro: ciascuno di noi ha le proprie, un po' vuote, un po' piene, vi sono dentro molte cianfrusaglie, qualche perla, gli affetti conservati e quelli perduti per via, i volti cari, le voci, i suoni degli eventi svaniti nel nulla e di quelli che per un poco ci hanno illustri e confortati: insomma tutto il bagaglio della poesia vissuta.
L'offerta, quindi, è ricca, ma semplice e diretta come nei versi di «Per dirmi del tramonto» che fissa irrevocabilmente le domande estreme, il «come» e il «perché», eterni luoghi della poesia di ogni tempo e paese con il loro cielo che «si distende senza ostacoli / quasi sospira / in una luce calma di pensieri / che ignota lontanissima resiste», proprio come il respiro della poesia, come «Il passaggio dei treni»  e come il guardare e il camminare dentro il tempo dei nostri pensieri che Piccinini circonda di affetto e di pazienza.
Anch'egli è il Drogo di Buzzati nel «Deserto dei tartari»; anch'egli vive nella fortezza e spinge lo sguardo lontano: «Sono drogo invecchiato / nell'attesa sfinita dell'evento / che scruta dagli spalti la pianura / che imprigiona in polveri e miraggi la fortezza bastiani. / Sono drogo che porta in sé l'evento / e dentro sé stesso lo consuma».

Carta d'identità
Diabasis, pag. 86, €10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

2commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

2commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

1commento

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti