18°

Arte-Cultura

Rapinosa meraviglia

0

di Giuseppe Marchetti

Nel secondo mistero gaudioso dei Meridiani Mondadori dedicati ad Alberto Arbasino, si contempla la presenza de «La narcisata», di «Super-Eliogabalo», de «La bella di Lodi», de «Il principe costante», di «Specchio delle mie brame», del capitolo d'ampiamento di «Fratelli d'Italia» intitolato «Condizione del dolore», di una Appendice comprendente «Amate sponde», «Matinée» e «La caduta dei tiranni», di un dossier «Arbasino su Arbasino» (un testo da leggere prima d'intraprendere qualsiasi lettura delle sue pagine) delle Notizie sui testi  e della Bibliografia che, contrariamente a quanto accade purtroppo per tanti volumi di questa collana, ci sembra particolarmente  aggiornata e precisa. 
L'Arbasino del Meridiano secondo è di una varietà caotica e affascinante, è un trascinatore di meraviglie che si aprono, si chiudono, si perdono e si ritrovano lungo un cammino straordinariamente intenso di suggestioni, perplessità, sfide, contrordini, frantumi di miti e altrettanto rapide ricostruzioni, improvvise corse in avanti e affabili contrizioni. E' lui, insomma, in quel modulo di «leggerezza» che un po' s'accontenta del quotidiano e un po' ne sbeffeggia le molecole, un po' macina riti e un po'  vi si affida per celia e per sincero pentimento. Un guardare la vita  dalle sponde di «Matinée. Un concerto di poesia», che della poesia possiede la rapinosa efficienza ma anche la palazzeschiana diffidenza (insomma: «La fontana malata» per intenderci!) e cura la malattia del presente dissestando il modo di scrivere alla maniera  del «Laboryntus» sanguinetiano, ma con più sorridente ironia e un dissacramento più teatrale. 
Ma poi tutto questo materiale va confrontato con gli anni  del suo concepimento senza avere troppi riguardi per i calcoli storico-sociali e per quelli assai più intimidatori degli stili e dei comportamenti. Ed ecco, allora Arbasino accostarsi fino a identificarsi col suo trionfante gioco delle mescolanze dove i frammenti dei più diversi  orizzonti si confrontano in una studiatissima percezione del brusio  della vita. E smettiamola di ripetere la  vecchia immagine dell'enfant gaté che per distinguersi dagli altri (e gli altri, a quel tempo, sono Malerba, Manganelli, Calcino, Roversi,  Celati, Spatola, Pizzuto) è costretto a inventare qualcosa di nuovo  ad ogni costo. 
D'altra parte, è vero anche che «Le mille bolle  blu» di Arbasino sono la sua letteratura, la sua inesauribile e necessaria  avanguardia, una maniera elegante per porsi a cavallo di una situazione in movimento, incontrollabile e sovrana per quel tanto che se ne può capire tra la suggestione dei sensi e l'umana condizione dell'ascolto e del cosiddetto «Kitsch» che ci circonda  e ci assedia da tutti gli estremi del mondo. Giocare, dunque, con la letteratura, ma giocare seriamente, come  ci suggeriva di fare Raffaele Manica nel suo rigoroso saggio introduttivo al primo  Meridiano. E, del resto, cos'è «Fratelli d'Italia»  se non una storia delle patria e della matria insieme? La dove  in «Super-Eliogabalo» il latino di fiat diventa Fiat  automobili e le vecchie serve di casa suggeriscono «Due cucchiaiate di Dura Lex e poi a nanna». 
Intanto, tra un concerto, una mostra, una sfilata,  un racconto e un resoconto, Arbasino cercava di crearsi una «coscienza sempre più netta» contro tutti gli intellettualismi  e le chiusure piccolo-borghesi della nostra letteratura. Però,  anche a questo proposito restano molti dubbi, e Arbasino vuole  che restino, anzi che sol passar  del tempo s'ingigantiscano sino a scoppiare, sino alla «Caduta dei tiranni» che è un'opera  di svolta, un progetto nuovo che ci ricorda persino certi atteggiamenti del Malaparte di «Mamma marcia», ma anche il rischio più volte sfiorato della vecchia domanda: «Ma io che ci faccio qui?» alla quale non v'è risposta se non in un sorriso di giusto orgoglio: che Arbasino denuncia ormai come l'estrema delle proprie abitudini. 
Il passar del tempo, però, gli ha dato ragione, e ora a ottant'anni suonati e ben portati la sua «poetica della svalutazione» della quale parlava Angelo Guglielmi, si è trasformata in una spregiudicatezza intellettuale che lo salva, assieme a pochi altri nostri  scrittori, dall'eterna lamentela del tramonto, senza costringerlo tuttavia a sacrificare il proprio estro e la tensione  autobiografica che è davvero il suo mestiere di vivere. 
Romanzi e racconti
Mondadori, pp 1757, euro 55.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

3commenti

lega pro

Parma, alle 16.30 in campo pensando solo a vincere Diretta

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

5commenti

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

15commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

Incidente sulla A10

Tir si ribalta e travolge cantiere con operai: due morti Video

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa