22°

Letteratura

Nobel: vince la Alexievich, voce degli oppressi

L'autrice bielorussa ha scritto libri sulla tragedia di Cernobyl e sulla guerra sovietica in Afghanistan. La scrittrice proviene dal giornalismo. Impegno civile e coraggio politico nelle sue dure ma accorate pagine

Nobel vince la Alexievich, voce degli oppressi
Ricevi gratis le news
0
 

Le voci di chi è stato toccato dalla tragedia. Le parole di chi ha vissuto la guerra. I sentimenti di chi ha sofferto e vissuto sulla propria pelle il crollo dell’Urss. Il Premio Nobel per la Letteratura 2015, la bielorussa Svetlana Alexievich, nei suoi libri entra nel cuore delle persone più che degli avvenimenti, come mostra il suo più famoso «Preghiera per Cernobyl», pubblicato nel 2004 dalle Edizioni E/O che hanno fatto conoscere la scrittrice e giornalista in Italia e per cui arriva la prossima settimana una nuova edizione.

«Grazie alla Svezia perché capisce il dolore russo» ha detto la scrittrice bielorussa alla notizia del premio che la ha raggiunta mentre stirava, nella sua casa di Minsk.

«Non me l’aspettavo, se n’era parlato molto ma io cercavo di tenere le distanze» ha aggiunto. Il suo ultimo libro uscito nel nostro Paese è «Tempo di seconda mano. La vita in Russia dopo il crollo del comunismo» pubblicato da Bompiani nel 2014 che annuncia per novembre 2015 l’uscita dell’inedito in Italia «La guerra non ha un volto di donna» dedicato all’epopea delle donne sovietiche nella seconda guerra mondiale. Pubblicato per la prima volta nel 1985, il libro è stato completamente riscritto dall’autrice per questa nuova edizione ampliata, reintegrando le ampie parti di testo su cui si era abbattuta la censura e aggiungendo nuovi materiali. In una delle rare volte in cui non sono stati smentiti i pronostici e le scommesse della vigilia, l’ambito riconoscimento dell’Accademia Reale Svedese è stato dato alla Alexievich, 57 anni, proprio «per la sua opera polifonica, un monumento alla sofferenza e al coraggio del nostro tempo». La stessa scrittrice Premio Nobel 2015 nella sua recente visita in Italia, lo scorso settembre al Festivaletteratura di Mantova, aveva sottolineato: «Da noi la gente vuole parlare, siamo abituati a sfogarci. La nostra è la cultura del racconto. Raccontare il dolore fa parte della tradizione russa». Così in «Preghiera per Cernobyl», con cui ha vinto il prestigioso U.S. National Book Critics Circle Nonfiction Award, ha dato voce a bambini, soldati, contadini, intellettuali, credenti e atei toccati dal disastro nucleare. «Cernobyl è il principale contenuto del loro mondo. Esso ha avvelenato ogni cosa che hanno dentro, e anche attorno, e non solo l’acqua e la terra. Tutto il loro tempo. Questi uomini e queste donne sono stati i primi a vedere ciò che noi possiamo soltanto supporre» ha scritto l’autrice sottolineando: «Questa è la ricostruzione non degli avvenimenti, ma dei sentimenti. Per tre anni ho viaggiato e fatto domande a persone di professioni, destini, generazioni e temperamenti diversi». In «Ragazzi di Zinco» (E/O 2003), che torna in libreria in nuova edizione, la guerra russa in Afghanistan ha gli occhi dei reduci sovietici, delle madri dei caduti e le parole degli afgancy, i ragazzi che quel conflitto ha trasformato in assassini. Mentre in «Incantati dalla morte» (E/O 2005), fuori catalogo, sono in scena i suicidi dopo il crollo dell’Urss. Originaria di Stanislav, in Ucraina, dove è nata nel 1948 da padre bielorusso e madre ucraina, entrambi insegnanti, la Alexievich ha studiato giornalismo all’Università di Minsk dove è tornata a vivere nel 2011 dopo undici anni passati lontano dal suo paese, per la maggior parte a Parigi. Critica nei confronti del governo dittatoriale in Bielorussia è stata perseguitata dal regime del presidente Aleksandr Lukasenko, i suoi libri sono stati banditi dal suo paese che ha lasciato nel 2000. E oggi dice: «non mi piace questo 84% dei russi che incita ad uccidere gli ucraini, mi piace il mondo russo della letteratura e della scienza ma non rispetto il mondo russo di Putin e di Stalin».

Definita scrittrice di «reportage letterarì, in odore di Nobel dal 2013, la Alexievich ha vinto numerosi premi internazionali fra cui il Premio per la pace degli editori tedeschi alla Fiera di Francoforte 2013, il Prix Medicis essai e il Premio Masi Grosso d’Oro Veneziano ed è stata cronista dei principali eventi dell’Unione Sovietica della seconda metà del XX secolo da cui viene, forse, la sua scrittura corale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La cucina piace bella piccante

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Barchette di carciofi con curry e curcuma

di Silvia Strozzi

Lealtrenotizie

Lite con coltello in via Lazio: e così vien incastrato per furto

carabinieri

Lite con coltello in via Lazio: e così viene incastrato per furto

2commenti

basilicagoiano

Spaccata al bar: videopoker svuotati in un casolare

Calcio

Per il Parma un altro ko

10commenti

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

1commento

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

5commenti

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, domani gli interrogatori

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

11commenti

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

1commento

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Fidenza

Addio a Orlandelli, il «Mariner»

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

41commenti

dopo Parma-Empoli

Lucarelli: "Tante ingenuità, ma puniti oltre misura" Video

1commento

TARDINI

Terzo stop di fila, Parma ko anche con l'Empoli

Nocciolini si fa parare un rigore. La "rivoluzione" di D'Aversa non basta

6commenti

IL VIDEOCOMMENTO

Grossi: "Castigati da Caputo, inseguito a lungo dal Parma"

3commenti

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

montecchio

La stalker dell'ufficio accanto: denuncia e divieto di avvicinarsi all'ex amante

boretto

Si schianta al limite del coma etilico, denunciato. E rischia multa fino a 10mila euro

SPORT

calcio

Cori sulla sua virilità a Lukaku, tifosi dello United accusati di razzismo

MotoGp

Vale torna in pista a Misano. Il padre: "Ottimista per Aragon"

SOCIETA'

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

la storia

Quei 50 antifascisti parmensi nella guerra di Spagna Foto

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...