10°

22°

Letteratura

Nobel: vince la Alexievich, voce degli oppressi

L'autrice bielorussa ha scritto libri sulla tragedia di Cernobyl e sulla guerra sovietica in Afghanistan. La scrittrice proviene dal giornalismo. Impegno civile e coraggio politico nelle sue dure ma accorate pagine

Nobel vince la Alexievich, voce degli oppressi
0
 

Le voci di chi è stato toccato dalla tragedia. Le parole di chi ha vissuto la guerra. I sentimenti di chi ha sofferto e vissuto sulla propria pelle il crollo dell’Urss. Il Premio Nobel per la Letteratura 2015, la bielorussa Svetlana Alexievich, nei suoi libri entra nel cuore delle persone più che degli avvenimenti, come mostra il suo più famoso «Preghiera per Cernobyl», pubblicato nel 2004 dalle Edizioni E/O che hanno fatto conoscere la scrittrice e giornalista in Italia e per cui arriva la prossima settimana una nuova edizione.

«Grazie alla Svezia perché capisce il dolore russo» ha detto la scrittrice bielorussa alla notizia del premio che la ha raggiunta mentre stirava, nella sua casa di Minsk.

«Non me l’aspettavo, se n’era parlato molto ma io cercavo di tenere le distanze» ha aggiunto. Il suo ultimo libro uscito nel nostro Paese è «Tempo di seconda mano. La vita in Russia dopo il crollo del comunismo» pubblicato da Bompiani nel 2014 che annuncia per novembre 2015 l’uscita dell’inedito in Italia «La guerra non ha un volto di donna» dedicato all’epopea delle donne sovietiche nella seconda guerra mondiale. Pubblicato per la prima volta nel 1985, il libro è stato completamente riscritto dall’autrice per questa nuova edizione ampliata, reintegrando le ampie parti di testo su cui si era abbattuta la censura e aggiungendo nuovi materiali. In una delle rare volte in cui non sono stati smentiti i pronostici e le scommesse della vigilia, l’ambito riconoscimento dell’Accademia Reale Svedese è stato dato alla Alexievich, 57 anni, proprio «per la sua opera polifonica, un monumento alla sofferenza e al coraggio del nostro tempo». La stessa scrittrice Premio Nobel 2015 nella sua recente visita in Italia, lo scorso settembre al Festivaletteratura di Mantova, aveva sottolineato: «Da noi la gente vuole parlare, siamo abituati a sfogarci. La nostra è la cultura del racconto. Raccontare il dolore fa parte della tradizione russa». Così in «Preghiera per Cernobyl», con cui ha vinto il prestigioso U.S. National Book Critics Circle Nonfiction Award, ha dato voce a bambini, soldati, contadini, intellettuali, credenti e atei toccati dal disastro nucleare. «Cernobyl è il principale contenuto del loro mondo. Esso ha avvelenato ogni cosa che hanno dentro, e anche attorno, e non solo l’acqua e la terra. Tutto il loro tempo. Questi uomini e queste donne sono stati i primi a vedere ciò che noi possiamo soltanto supporre» ha scritto l’autrice sottolineando: «Questa è la ricostruzione non degli avvenimenti, ma dei sentimenti. Per tre anni ho viaggiato e fatto domande a persone di professioni, destini, generazioni e temperamenti diversi». In «Ragazzi di Zinco» (E/O 2003), che torna in libreria in nuova edizione, la guerra russa in Afghanistan ha gli occhi dei reduci sovietici, delle madri dei caduti e le parole degli afgancy, i ragazzi che quel conflitto ha trasformato in assassini. Mentre in «Incantati dalla morte» (E/O 2005), fuori catalogo, sono in scena i suicidi dopo il crollo dell’Urss. Originaria di Stanislav, in Ucraina, dove è nata nel 1948 da padre bielorusso e madre ucraina, entrambi insegnanti, la Alexievich ha studiato giornalismo all’Università di Minsk dove è tornata a vivere nel 2011 dopo undici anni passati lontano dal suo paese, per la maggior parte a Parigi. Critica nei confronti del governo dittatoriale in Bielorussia è stata perseguitata dal regime del presidente Aleksandr Lukasenko, i suoi libri sono stati banditi dal suo paese che ha lasciato nel 2000. E oggi dice: «non mi piace questo 84% dei russi che incita ad uccidere gli ucraini, mi piace il mondo russo della letteratura e della scienza ma non rispetto il mondo russo di Putin e di Stalin».

Definita scrittrice di «reportage letterarì, in odore di Nobel dal 2013, la Alexievich ha vinto numerosi premi internazionali fra cui il Premio per la pace degli editori tedeschi alla Fiera di Francoforte 2013, il Prix Medicis essai e il Premio Masi Grosso d’Oro Veneziano ed è stata cronista dei principali eventi dell’Unione Sovietica della seconda metà del XX secolo da cui viene, forse, la sua scrittura corale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Consiglio

Il bilancio del Comune, Dall'Olio: "Multe per 13 milioni". Duro scontro Bosi-Nuzzo

Nel 2016 avanzo di 54 milioni. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

3commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

4commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Gazzareporter

Strada Beneceto: raccolta... poco "differenziata"

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

1commento

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

3commenti

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

LEGA PRO

Via alla prevendita dei biglietti per il derby Parma-Reggiana

tg parma

1° Maggio: presentati gli appuntamenti di Cgil, Cisl e Uil. Manca il concertone.. Video

Università

I volti dei cadaveri diventavano maschere: libro e mostra sullo studioso Lorenzo Tenchini

In un volume la collezione ottocentesca dell’anatomico dell’Ateneo di Parma. E a ottobre al Palazzo del Governatore la mostra. “La Fabrica dei Corpi. Dall’anatomia alla robotica”

Parma

Finto dipendente dell'acquedotto truffò un'anziana: condannato a 8 mesi

L'uomo era riuscito a farsi aprire la porta di casa e a prendere gioielli in oro per un valore di circa 10mila euro. a una 80enne

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

Politica

Addio a Giorgio Guazzaloca: strappò il Comune di Bologna alla sinistra nel 1999

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport