-1°

14°

libri

Caravaggio il tormento di un genio

Domenico Cacopardo si cala nel '600: carnalità, peccato, dolore e pietà

Domenico Cacopardo

Domenico Cacopardo

0

Ricordiamo tutti questo inizio famoso: «L'Historia si può veramente definire una guerra illustre contro il Tempo, perché togliendoli di mano gl'anni suoi prigionieri, anzi già fatti cadaveri, li richiama in vita, li passa in rassegna, e li schiera di nuovo in battaglia». Romanzo storico per romanzo storico, Domenico Cacopardo con «Maddalena» (Betelgeuse editore), certamente il suo libro più impegnativo e rammentatore di un Tempo, di una Storia e di un Personaggio, ci introduce, come fece il gran Lombardo in mezzo ad un'epoca che ora ci sembra così lontana, così isolata e tuttavia così ancora in guerra illustre contro il Tempo per merito della letteratura, della pittura e della poesia in quanto tali arti conservano di eterno e di immortale, dunque, nelle loro migliori espressioni. E Cacopardo, vigilissimo nel riprendere e riusare gli strumenti del pensiero, del ricordo e del fascino che i suoi natii luoghi evocano, è riuscito a concepire una narrazione storica che «Maddalena» rimette in circolazione adesso con il profondo senso d'intuito di quel passato che non passa e dei suoi personaggi, a cominciare da Giovanni Alogna detto Ninì, gran sacerdote di tutte le presenti vicende. Esse trovano spiegazione - ma i romanzi, forse, non ne avrebbero bisogno - nella finale Postfazione di Paola Caretta che illustra l'amplissimo corredo «storico» sviscerato da Cacopardo con notarile precisione e poetica passione accomunate dalla nostalgia per i luoghi, ma soprattutto per il fascino che essi, mescolati al turbinare degli eventi, esercitano sul lettore di oggi: un lettore spesso distratto, disinteressato e solo a tratti incuriosito dal procedere dei fatti. I quali vorrebbero riassumere tutta la poetica di Caravaggio che Cacopardo «fedele ai luoghi della propria gioventù immagina percorsi dal Nerisi nel soggiorno sull'isola tra il 1608 e il 1609».
Ma se la storia finisse qui non ne avremmo che un solo e fugace episodio. «Maddalena» è, come tutti i solidi e ben concepiti libri di memoria invece quanto intendeva suggerire Manzoni nell'Introduzione ai P.S., cioè fatti schierati «di nuovo in battaglia», vivi, palpitanti di vita. In tal modo, quindi, Maddalena «la jarrusa» non solo entra tra i personaggi del Caravaggio, ma ne rappresenta la carnalità, la pietà, il peccato redento e quello riscattato, mentre don Albino lo Judice è già un modernissimo personaggio, vien da dire un illuminista ante litteram, che si confonde abilmente con Vincenzo e Galileo Galilei, coi cardinali Francesco Maria del Monte e Benedetto Giustiniani, col Boneri e col Minniti. Ma tutto questo pullulare di personaggi che l'autore registra in un finale Indice dei nomi, non è altro, alla fine, che uno stratagemma molto abile di Cacopardo per dar corso come si dice alla materia del romanzo, per dare ad esso, corpo e colori, odori, atmosfere, luci e ombre. Questa parte della ricerca espressiva (poetica ed umana insieme) è caricata d'un tono più alto, di una memoria più esclusiva e allo stesso tempo elusiva, drammatica e teatrale oltre ogni limite, in quel mondo dove si mangia, si beve, si fotte, si prega e si bestemmia con la naturalezza con cui Michelangelo Merisi dipinge, insomma per genio e vocazione umani dal fondo della Sicilia, sentito come centro dell'universo in pari tempo vicino e lontanissimo da Roma, dal Cinquecento colmo di storia e di gloria e dal Seicento che già odora di Riforma e Controriforma. Dai passaggi di Messina «accogliente emporio d'ogni mercanzia» a Sant'Ignazio, a fra' Gerolamo Errante, «ai dipintori d'ogni specie, fiamminghi, veneti, romani, quali Alessandro Allori e Filippo Paladini», dai Padri Crociferi ai «misteri dello Stretto» che ci ricordano certe pagine del darrighiano «Horcynus Orca» l'immaginoso, ironico e tragico mondo di Cacopardo sfiora o penetra atmosfere di vita, di morte e di sfida che non sono soltanto affreschi rinnovati di storia e memoria, ma inviti a confronti pressanti cui Maddalena Afella fa da vivente testamento e da finale destino, quello infatti «che presenta il conto». In tale estrema moralità del racconto, superato il limite posto dal Caravaggio e dalla sua densa realtà di sesso e di sangue, di possesso e di fantasia, come è facile immaginare dalla pressante astuzia cacopardiana che scivola al modo di una divina punizione verso il risarcimento ultimo della morte, Maddalena e i suoi personaggi acquistano via via uno spessore di simbolo e di pronuncia umana che va ben al di là della pur turbolenta historia. In essa vivono e agiscono, soffrono e delirano, sperano e gioiscono con la naturalezza che il destino concede loro e che lo scrittore, memore della dignità dei fatti e della malandrineria degli uomini, interpreta magistralmente sempre tenendo presente il saggio pensiero di Alogna: «Ne trassi la vicenda qui di seguito narrata, della cui autenticità storica non giuro, ma sulla cui verosomiglianza, invece, potrei scommettere la testa». Che è il più bell'omaggio che si possa rendere al romanzo.
Maddalena
Domenico Cacopardo
Betelgeuse editore, pag. 203, 18,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

in mattinata

Scippa l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

2commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

Scabbia

L'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

1commento

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

brescello

Ristoratore respinge due rapinatori armati di scacciacani

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia