17°

30°

Arte-Cultura

Duemila coloni per Parma

Duemila coloni per Parma
1

 Domenico Vera è da oltre vent'anni professore Ordinario di Storia romana nel Dipartimento di Storia dell’Ateneo di Parma, che ha fondato e a lungo diretto. E’ Presidente del comitato scientifico della grande «Storia di Parma» in corso di publicazione presso Mup editore, ed è il curatore generale sia del I volume (I caratteri originali, 2008) che del II (Parma romana, 2009), ove ha contribuito con un saggio su Parma imperiale. Storia di una città dell’Italia settentrionale romana da Augusto a Giustiniano. L’articolo seguente illustra il documento fondamentale della fondazione di Parma. 

La nascita di Parma ventidue secoli fa. Un importantissimo documento antico sulle origini della nostra città. La fondazione della colonia romana di Parma nel 183 a.C. rappresenta uno dei momenti conclusivi del grande processo di conquista dell’Italia padana, che segnerà permanentemente la storia italiana imprimendo alle regioni settentrionali e ai singoli territori i tratti fondamentali che ancora oggi essi conservano. Nel I secolo a.C. la regione era già considerata da Cicerone «il fiore dell’Italia». Esiste un documento di straordinario interesse tramandato da Tito Livio, autore sotto Augusto di una «Storia di Roma». Non molti parmigiani, oggi, lo conoscono e non guasterebbe affiggerlo pubblicamente nel palazzo del Comune, perché rappresenta l’atto di nascita della nostra comunità che nel 2017 compirà 2200 anni. 
Racconta Livio  in riferimento al 183: «In quell'anno vennero dedotte le colonie di cittadini romani di Modena e Parma, costituite ognuna da duemila uomini, i quali ricevettero a Parma otto iugeri di terra e a Modena cinque nel territorio che da ultimo era stato dei Boi e in precedenza degli Etruschi; le dedussero i triumviri Marco Emilio Lepido, Tito Ebuzio Parro, Lucio Quinzio Crispino». 
Nella sua burocratica secchezza, riconducibile ai documenti uficiali che Livio copia, il passo condensa informazioni importantissime. Al primo posto sta la condizione politica. «Colonia di cittadini romani» significa che i primi Parmenses ebbero il privilegio di conservare la cittadinanza romana, a differenza delle «colonie di cittadini latini», i cui coloni assumevano un diritto latino inferiore e formavano uno «stato» autonomo e «straniero» rispetto a Roma.
 Poi viene il dato patrimoniale, nella costituzione romana strettamente legato alla condizione di cittadino. «Duemila uomini» è da intendersi come «capifamiglia» e sottintende la cifra notevolissima di circa 8000 persone, donne e bambini compresi. Erano contadini poveri dell’Italia centrale che emigrarono in una regione pericolosa e selvaggia in cambio della proprietà di fondi rustici nelle aree di pianura prossime alla città.
 Stranamente ogni capofamiglia ricevette appena otto iugeri, due ettari, una quantità minima. Ma questa stranezza ha un senso. Nelle colonie «latine» si ricevevano lotti assai più estesi perché, essendo queste comunità separate dalla Repubblica, le distribuzioni non potevano alterare gli equilibri politici di Roma dominati dalle élites fondiarie. Inoltre i lotti variavano notevolmente a seconda del grado sociale dei coloni latini, perché in queste città indipendenti (teoricamente) dalla madrepatria si volevano prefigurare fin dall’inizio governi oligarchici. Come a Roma appunto. Invece per Parma Livio riporta lotti di una sola misura. Questo perché per le colonie romane, che erano «copie di Roma», i documenti non riportavano mai distribuzioni differenziate. Si intendeva così sottolineare l’assoluta parità dei membri della nuova comunità di Romani. 
Questo scrupolo istituzionale rappresenta un grosso problema storico, perché non si capisce come nelle colonie romane si formasse la classe dirigente, che pure indubbiamente dipendeva dal patrimonio fondiario superiore. D’altra parte, i coloni parmensi disponevano di estese porzioni di terre comunali (ager compascuus) istituite all’atto della fondazione che potevano sfruttare per il pascolo, il legnatico e l’agricoltura, in modo da integrare il reddito della poca terra ricevuta in proprietà. 
Il riferimento al «territorio che da ultimo era stato dei Boi e in precedenza degli Etruschi» riassume la storia preromana del territorio parmense. Il dominio Galli Boi era ben noto. Quello anteriore degli Etruschi, letterariamente attestato solo da Livio, ha ricevuto conferme archeologiche dal ritrovamento di oggetti e di importanti insediamenti nelle vicinanze di Parma e nella provincia (vedi la «Gazzetta di Parma» dell’11 gennaio scorso). Infine si ricordano i tre «commissari» (tresviri coloniae deducendae) incaricati di curare la fondazione.
 Nella cronologia della colonia non la fondazione bensì la partenza dei commissari rappresentò il primo anno di vita, perché la comunità diventata «adulta» poté procedere da sola nell’autogoverno che agli occhi dei Romani costituiva la quintessenza dell’istituzione cittadina. Fra i triumviri parmensi spicca Marco Emilio Lepido. Membro di una delle massime casate senatorie, due volte console, fondatore di Reggio (donde Regium Lepidi), fondatore sul versante tirrenico dell’Appennino del porto di Luni, questo politico di razza fu il grande colonizzatore della Padania emiliana. Lepido, infatti, oltre a creare quattro città (Parma, Modena, Reggio, Luni), costruì anche la Via Emilia che nei secoli avrebbe rappresentato l’asse viario fondamentale e la Parma-Luni congiungente la pianura al mare. Sempre Lepido presiedette la commissione decemvirale del 173 che distribuì altre terre a migliaia di cittadini romani e alleati nei territori fra Modena e Fidenza. Indubbiamente Marco Emilio Lepido può essere considerato il vero fondatore di Parma.
 DOMENICO VERA
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • g.carlo cassoli

    02 Luglio @ 18.27

    Emi piacerebbe contatare il prof. vera. ho sempre saputo che la mia famiglia veniva da reggio e da Parma. Ci sono stati quattro feudi, in emilia, nel corso dei secoli, a miei più o meno lontani parenti. Ho sempre saputo (così si diceva in casa) che discendevo dalla Gens Cassia che aveva fondato Parma .E non solo. C'era infatti anche Caio Cassio Parmense, tra i possibili antenati, che era tra i congiurati che uccisero giulio Cesare, nella congiura diretta da Caio cassio longino e Giunio Bruto. Si potrebbero fare ricerche sul DNA di noi Cassoli per vedere se discendiamo dai romani

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cher, a 71 anni look ose' a Billboard Music Awards

MUSICA

Cher, look osé. A 71 anni incanta ancora

1commento

Lealtrenotizie

Incendio all'ex scuola di Baganzola, in fumo l'archivio della Magnanini

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

2commenti

LEGA PRO

Il Parma vuole la qualificazione

1commento

tg parma

I tifosi crociati moderatamente ottimisti per il passaggio del turno Video

allarme

Sorbolo, non solo parkour. "Ora fingono di finire sotto le auto"

4commenti

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

8commenti

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

polizia

L' "ordinaria" sequenza di furti nei supermercati: denunciati in tre

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

VIABILITA'

Industria 4.0 in fiera: code al casello di Parma

LANGHIRANO

Motorini, proteste per l'«invasione»

1commento

PERSONAGGIO

Picelli, il «vecio dei Capannoni» e la storia del quartiere Cristo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Garlasco

Omicidio di Chiara Poggi, Stasi fa ricorso straordinario in Cassazione

terrorismo

Italiano rapito in Siria riappare in un nuovo video

SOCIETA'

CESENA

La triatleta Julia Viellehner è morta: donati gli organi

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

4commenti

SPORT

Giro d'Italia

Dumoulin e i problemi intestinali: tappa a bordo strada Video

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare