-2°

libri

Escludere vergogna perpetua

Escludere vergogna perpetua
0
 

Il modo in cui in Italia e nelle sue colonie alcuni luoghi e gruppi sociali sono stati relegati alla periferia fisica o simbolica nelle immagini fotografiche e nei testi letterari dall’Unita in poi è il tema del saggio di David Forgacs «Margini d’IItalia. L’esclusione sociale dall’Unità ad oggi» (Laterza, pp. 370, € 26).

L’autore, che insegna al Department of Italian Sudies nella New York University, si prefigge «due obiettivi: da una parte mostrare che tali modi di vedere sono stati legati alla formazione della nazione moderna, dall’altra, mettere in luce come essi implichino sempre un determinato complesso di relazioni sociali e spaziali tra un osservatore e un osservato». Sono esaminati cinque casi: le periferie delle principali città dopo l’Unità, le colonie italiane nell’Africa orientale negli anni Trenta, il minor sviluppo del Meridione negli anni Cinquanta, gli ospedali psichiatrici prima della riforma degli anni Settanta; i campi nomadi dopo il 2000. Per la carattere multidisciplinare e pionieristico di questo saggio Forgacs ha vinto il premio «American Association for Italian Studies» 2014. Tra le pubblicazioni dell’autore, tradotte in italiano, «L’industrializzazione della cultura italiana 1880-2000», «Cultura di massa e società italiana 1936 -1954», entrambe dal Mulino.

Professor Forgacs, in che modo l’esclusione sociale contribuisce a determinare l’identità culturale di una nazione?

Le nazioni moderne si formano e si consolidano non soltanto con processi di inclusione ma anche con processi di esclusione. Tutti sappiamo quali sono i processi di inclusione: lo stato estende man mano a tutti i cittadini la possibilità di frequentare la scuola, di usare la lingua nazionale, di votare, di spostarsi da un luogo all’altro per lavoro, di usufruire dei servizi sanitari pubblici. Sono processi fondamentali per la definizione della società moderna e democratica. Ma allo stesso tempo le nazioni moderne si consolidano anche per un processo opposto, negando il pieno godimento degli stessi diritti ad interi gruppi di persone: le minoranze etniche, gli immigrati, i malati di mente, le persone disabili, i rom.

Ma l’esclusione sociale non è avvenuta in Italia per un progetto politico preciso.

No. Però ci sono casi in cui l’esclusione è effettuata tramite una politica ben precisa. Un esempio chiaro è l’esclusione delle popolazioni africane nel periodo del colonialismo. L’Italia ha creato in Libia e in Africa orientale tutta una struttura legale e una serie di prodotti culturali – libri, film, fotografie, vignette, canzoni, ecc. – che hanno rafforzato la sottomissione della popolazione nativa ai bianchi. Oppure, per citare un caso più recente: l’esclusione dei rom. Anche qui ci sono state in Italia, come in altri paesi europei, delle politiche ben precise di esclusione effettuate dai governi e da partiti politici.

In che modo fu costruita l’area di San Lorenzo, il più noto degli «slum» a Roma?

San Lorenzo non è un caso unico, anzi è un caso tipico di come si crea una zona periferica povera. Oggi San Lorenzo è un quartiere giovanile, pieno di locali notturni: pizzerie, birrerie, club. Invece cento anni fa era il quartiere più povero della città, con case sovraffollate, pessime condizioni igieniche e livelli molto alti di malattie e di mortalità infantile. Ciò che stupisce è che il quartiere è diventato una zona fortemente degradata nel giro di pochissimi anni dopo la costruzione delle prime case nel 1878. Molti quartieri poveri delle grandi città, non solo in Italia ma anche in altri paesi, seguono un percorso simile.

Lei illustra le condizioni inumane negli asili mentali negli anni '60-'70 ed esplora la storia del loro smantellamento ad opera di Franco Basaglia e Franca Ongaro. In che modo la fotografia esplora quel dramma?

La fotografia ha avuto un ruolo fondamentale nel diffondere la conoscenza di cosa erano realmente quei luoghi ma si è rivelata anche un’arma a doppio taglio. Il movimento di riforma portato avanti da Basaglia e gli altri psichiatri democratici mirava a cambiare la percezione pubblica del malato di mente. Egli andava visto non più come una persona da temere o da compatire ma invece come un cittadino con diritti uguali ai nostri, incluso il diritto alla salute e alla libertà di movimento. Rispetto a questi tentativi la fotografia di denuncia va però in un’altra direzione. Fa vedere il malato di mente come strano, abietto, «alienato». Lo fa per buoni motivi, per attirare l’attenzione al suo stato di esclusione, ma così facendo rafforza involontariamente la percezione di quelle persone come diverse, come «matte», e ciò contraddice il tentativo basagliano di mostrarle come i nostri simili.

Perché la sua alta ammirazione per Ernesto De Martino?

De Martino per me è stato un grande antropologo soprattutto per la sua capacità di spiegare le radici sociali ed economiche di comportamenti che altri consideravano meramente «primitivi», «esotici» o «folklorici». Prendiamo l’esempio della taranta pugliese. De Martino fece notare che le tarantate erano quasi sempre donne estremamente povere alle quali era stato impedito di sposare un uomo di cui si erano innamorate o che erano state costrette a sposare uno che non amavano. Allora la danza della taranta, una danza esplicitamente erotica in cui la donna a certi momenti comandava e controllava i musicisti maschili, era un mezzo culturalmente concesso a quelle donne per invertire simbolicamente i rapporti di potere di genere ed esprimere tutta la rabbia e la frustrazione della loro condizione sociale e sessuale.

Margini d'Italia di David Forgacs - Laterza, pag. 370,  euro 26,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

I ladri fanno saltare in aria un altro Bancomat, bottino 10mila euro

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

10commenti

"Veterani dello sport"

A Malori il premio Atleta dell'anno

Per il 2015: a febbraio non aveva potuto ritirarlo per l'incidente

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

Contro il Teramo (domani al Tardini: ore 14.30): non ci saranno Lucarelli e Calaiò

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Il «Galà dell'anolino» diventa un reality show Video

Una giuria formata da grandi esperti sceglierà il miglior galleggiante

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

13commenti

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

3commenti

ITALIA/MONDO

Video

Fisco sul telefono: gli avvisi dell'Agenzia delle Entrate arrivano via sms

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti