-4°

Arte-Cultura

Rigoletto vigilato speciale

Rigoletto vigilato speciale
0

 Nell'ampio saggio «Parole e musica» compreso nel volume «Libretti d'opera e altri saggi» (Vallecchi, '74 e ora in «La musica in italiano», Rizzoli '97) Luigi Baldacci scriveva: «Resta in ogni modo accertato che il vero librettista di Verdi non fu Boito, ma il Piave, il quale non solo dette a Verdi il libretto più bello del suo teatro (“Rigoletto”) non solo fu il medium dell'operazione drammaturgica più culturalmente avanzata che il teatro d'opera avesse tentato fino allora nei confronti di Shakespeare (“Macbeth”) ma fu anche colui che più da vicino (cioè nella sostanza viva del linguaggio) riflettè la drammatica alternativa verdiana tra innovazione e conservazione». Eppure, vien da dire, non vi fu forse libretto più tribolato, più rivisto, più corretto e censurato di questo che Piave trasse, come si sa, da «Le roi s'amuse» di Hugo. A raccontare questa storia si accinse sette anni fa, o forse anche da prima, Mario Lavagetto ripubblicando i saggi che sotto il titolo di «Quei più modesti romanzi» raccoglievano la testimonianza - come egli scrive - «del mio amore per Verdi e della mia attenzione al lavoro dei librettisti». Amore e attenzione che ora si esplicita ancor meglio nel volume «Un caso di censura. Il Rigoletto» che Bruno Mondadori ha edito nella collana dei Saggi, facendo seguire alle pagine di Lavagetto la ristampa de «Il duca di Vendome», prima stesura del libretto di Francesco Maria Piave. La storia che Lavagetto ha narrato con straordinaria documentazione di testi, contesti e pretesti, si svolge lungo il cammino di una vicenda che da «Le roi s'amuse» andato in scena al Théatre Francais nel novembre del 1832, arriva al 1851, quando il buffone Triboulet divenuto Rigoletto calcherà per la prima volta le scene. Fino dal saggio introduttivo,

Lavagetto prospetta una lettura a segmenti politici, letterari e storici della vicenda. «Da qui il tentativo - scrive - di prendere un testo dotato di forte esemplarità e su cui la censura si accanisce astiosamente (Rigoletto) e di seguirne passo passo le varianti: a partire dall'archetipo («Le roi s'amuse» di V. Hugo) fino alle ultime rielaborazioni che deformano e stravolgono l'originale tanto da renderlo, in parte o in tutto, irriconoscibile (Viscardello, Lionello, Clara di Perth)». Intanto, dunque, quanto mai laborioso, è certo, ma estremamente prezioso per comprendere le ragioni del librettista, quelle di Verdi e quelle della censura. In sostanza, osserva Lavagetto, la vita di questo libretto deve destreggiarsi fra quattro rischi che possono uccidere il progetto e impedire a Verdi di conoscerlo e musicarlo. In primis «La censura avanza richieste e impone modificazioni che alterano l'equilibrio drammatico». Il librettista poi è costretto a conciliare e ridefinire tali modifiche imposte secondo il ritmo dei versi e le attese degli spettatori. In terzo luogo, fra un taglio, un aggiustamento e un cambio di personalità dei personaggi, «l'aria scritta per celebrare l'incostanza del libertino poteva così trasformarsi nella confessione di un amante fedele». E infine «La censura tende: a) a riscattare i personaggi; b) a modificare la valenza morale delle singole azioni. I due interventi sono complementari e si implicano a vicenda più precisamente, ferma restando la sequenza drammatica, il commentatore viene inserito a livello dei personaggi».

Insomma, un affare molto molto complicato. Al quale, tuttavia, Piave e Verdi si dedicano con molta buona volontà. Lavagetto è attentissimo e provvedutissimo nel seguire il dannato iter del libretto fin quando non abbia «ottenuto le permissioni della Polizia!». Verdi incalza Piave - la vittima incolpevole di tanta burocrazia e cecità: «Devo venire a Venezia o restare a Busseto!». E solo a fine gennaio del 1851 il povero Francesco Maria può scrivergli «Te Deum Laudamus! Gloria in excelsis Deo! Alleluja Alleluja! Mi par ancora di sognare. Avrai da ridere quando ti racconterò la storia dell'ultima mia battaglia!». Storia e preistoria dell'opera sono da meditare con molta attenzione e Lavagetto riesce a meraviglia ad istituire tutti i necessari raffronti, passaggi e profili di personaggi che s'alternano fra le tre «verifiche sui testi»: un lavoro quanto mai prezioso non solo per comprendere «Le roi s'amuse» e «Rigoletto», ma per penetrare nei segreti del pensiero censorio (se pensiero può essere definito!) delle sue preoccupazioni morali e politiche e dei tanti incredibili e penosi trucchi che permettano di sviare l'attenzione dello spettatore dei presunti riferimenti alla realtà. 
Del resto, Lavagetto riporta opportunamente in chiusura del proprio lavoro «Quasi un'epigrafe», un brano del rapporto di Luigi Freddi e Mussolini del settembre 1937 circa la realizzazione teatrale di «Rigoletto», «Tosca», «Aida» e «Cavalleria Rusticana» in una «Italia che pretende di stabilire una morale fra la razza bianca e quella di colore...». Come si vede, i tempi non erano molto cambiati. 
Un caso di censura Bruno Mondadori ed., pag. 179, 15
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Gli amici: Filippo persona speciale

Il ritratto

Gli amici: Filippo persona speciale

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

12commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

furti

Quartiere Lubiana, la razzia dei fanali delle Audi

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Tajani eletto presidente del Parlamento europeo

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video