-5°

libri

Gli anni Sessanta raccontati come una foto di gruppo

Gli anni Sessanta raccontati come una foto di gruppo
0

l calcio come metafora della vita. E gli anni Sessanta, come recitava un famoso spot con Ernesto Calindri, «contro il logorio della vita moderna». Intesa, appunto, come gli anni Duemila. I colori sono il nero e l'azzurro, quelli dell'Inter. E il libro si chiama «Vinceremo di sicuro»: l'autore, Michele Brambilla - prossimo direttore della Gazzetta di Parma -, gli anni Sessanta li ha vissuti intensamente, anche se era bambino. Tutto comincia con la semifinale di Coppa dei Campioni tra Inter e Liverpool del 12 maggio 1965 e di quella magica e grande squadra che seppe fare un miracolo, calcistico, sovvertendo i pronostici. Era l'Inter della formazione che si legge tutta d'un fiato: Sarti, Burgnich, Facchetti, Bedin, Guarneri, Picchi, Jair, Mazzola, Peirò, Suarez, Corso. Del mago Helenio Herrera e del presidente Angelo Moratti. Che dominava in campionato, in Europa e nel mondo.
E Brambilla comincia il suo «viaggio» nella storia e nella memoria da quella sera: racconta gli anni Sessanta sul filo del ricordo e della nostalgia senza, però, cadere nella retorica di «come era bello il passato». Certo per chi, come me, ha vissuto da bambino quegli anni, è stato bello «rivivere» certe emozioni, ricordare, come ha fatto lui, avvenimenti che hanno segnato la Storia come la notte del 20 luglio 1969 quando l'uomo pose il primo piede sulla Luna.
Gli anni Sessanta, però, sono stati segnati anche da eventi tragici come la tragedia del Vajont, il 9 ottobre 1963, o l'alluvione di Firenze, avvenuta il 4 novembre 1966. Ma «Vinceremo di sicuro» non è un almanacco di storia, ma un libro anche di costume. E, allora, non possono mancare i riferimenti alla musica leggera: a due emergenti di quegli anni, Gianni Morandi e Caterina Caselli. «Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte» e «Nessuno mi può giudicare» sono canzoni rimaste nella memoria collettiva degli italiani. Molto yéyé. A proposito della Caselli, divertente l'episodio che ha visto protagonista lo stesso autore, nel 1966 a Milano Marittima, quando a otto anni ha ricevuto un bacio sulla guancia dal «Casco d'oro». E, rimanendo in tema di mare, limpido il ricordo delle vacanze a Milano Marittima, dei bomboloni, dei canditi e dei pedalò: «E' stata, soprattutto, il paradiso dei bambini degli anni Sessanta: e quello che ci ha sedotti da bambini - scrive - non l'abbandoniamo più, perlomeno nel cuore».
Il calcio, comunque, è il protagonista indiscusso: sia quando Brambilla racconta di personaggi, come l'avvocato Peppino Prisco o il capitano prima e presidente nerazzurro poi Giacinto Facchetti, sia quando si sofferma sulle sconfitte della sua amata Inter, come il ko contro il Celtic nella finale di Coppa dei Campioni e il tonfo a Mantova quando perse lo scudetto, avvenuti nel giro di una settimana nel 1967. Arrivando fino al «triplete» di Mourinho.
I colori, nero e azzurro, appaiono e scompaiono dalle pagine di «Vinceremo di sicuro». Il nero della tragedia affiora con la strage di piazza Fontana e il toccante ritratto del commissario Calabresi. Ma il sorriso, in questo caso l'azzurro, ritorna con gli incontri: a cominciare da Franca Valeri, passando per Renzo Arbore e arrivando a Pupi Avati.
Strappa più di un sorriso il «faccia a faccia» tra Helenio Herrera, il mago dell'Inter, e Nereo Rocco, il «paròn» del Milan: le due anime della Milano calcistica degli anni Sessanta che, seppure rivali, erano legate da un profondo rispetto.
E, come non dimenticare, le perplessità del piccolo Michele guardando, qualche anno dopo, una foto di Livio Berruti, medaglia d'oro sui 200 metri a Roma: «Ma come ha fatto uno con gli occhiali a vincere le Olimpiadi?». Uno dei tanti «misteri» positivi degli anni Sessanta.
«Ho scritto queste pagine - puntualizza Michele Brambilla - non solo per ricordare il tempo in cui i nostri sogni erano ancora intatti, ma soprattutto per scacciare il pessimismo che oggi ci impedisce di cogliere quelle piccole e grandi cose, tutte irripetibili, che saranno domani la nostra nostalgia. Le ho scritte, in fondo, per ricordare, ai ragazzi di ieri e di oggi, l'importanza di riconoscere, in qualunque circostanza, la straordinaria bellezza del vivere».
Vinceremo di sicuro
di Michele Brambilla
Piemme, pag. 196, 17,50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

30enne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

5commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

7commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

2commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Fidenza

Meningite, la 14enne è uscita dalla rianimazione: è fuori pericolo

Parla l'infettivologo sul recupero. La madre della ragazza: «Sono felice. Grazie ai medici e a tutti»

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

6commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery