-2°

10°

Libri

Paolo Isotta, musica come destino

In «Altri canti di Marte» il critico offre pagine di particolare eleganza e raffinatezza. I compositori e gli interpreti narrati con passione e chiarezza

Paolo Isotta, musica come destino

Frederic Chopin e Giuseppe Verdi

Ricevi gratis le news
0
 

La lettura di «Altri canti di Marte» (qualcun altro celebri Marte) di Paolo Isotta, Marsilio editore, euro 17,00, per ragioni misteriose mi ha spinto a ricordare L’Edipo a Colono di Sofocle (il più grande dei grandi Euripide ed Eschilo). Ai versi 1224-1225, sostiene: ​«non nascere vince ogni altra sorte». Il massimo di un pessimismo cosmico, in cui il Fato (ripreso spesso in letteratura, ma soprattutto da Shakespeare) si cimenta in un macabro gioco la cui vittima è l’uomo. E, ripensando a «non nascere», mi sono detto che basta la musica e un libro come quello di Isotta, dedicato alla musica e ai musicisti, per smentire il tragico greco. Sostiene l’autore che questo «Altri canti di Marte» è il seguito e il completamento del precedente «La virtù dell’elefante» (la memoria), ma in qualche modo, per me, si tratta di una definizione riduttiva. Certo, Isotta ripercorre le vie della «virtù», ma l’ottica sembra diversa perché nata dalla consapevolezza che si può scrivere «difficile» di argomenti di non comune intelligenza, si può fare letteratura alta e richiamare migliaia di lettori appassionati che di questo avevano bisogno (anche se forse, finché non c’è stato «La virtù dell’elefante», non se ne erano resi conto): del racconto vivido, talora feroce, sempre appassionato di uno che è di casa con la musica e i musicisti. Non una dimestichezza da tinello, ma una dimestichezza da salotto-biblioteca, in cui i ricordi precisi e i giudizi trovano il riscontro puntuale e generale di quella che i giuristi chiamano «dottrina» e che in fondo è solo la teorizzazione della «giurisprudenza». Una semplice, anche se dotta, testimonianza, in definitiva, lascerebbe il tempo che trova appartenendo alla memorialistica così diffusa ai nostri giorni. Ma un racconto come questo di Paolo Isotta, un quasi-romanzo da incastonare nella letteratura di inizio millennio, così avara di autori quanto inflazionata da occupanti abusivi di pagine stampate, robaccia, insomma. Certo, Isotta non si staglia per la pochezza altrui, ma per il proprio, endogeno valore. E questo entusiastico apprezzamento lo esprimo, nonostante il richiamo a Giovan Battista Marino (da cui son tratte le quattro parole del titolo), un poeta che mi è sempre stato estraneo, fatto di cui mi dolgo, proprio alla luce dei richiami di Isotta. Ecco, voglio dare un’idea (purtroppo pallida, per lo spazio limitato e per la nolontà di toglier spazi e curiosità ai lettori futuri) di ciò che scrive il nostro: «I compositori omosessuali sono Lully, Corelli (con molta probabilità), Händel, Bellini, Chopin (si vuole), Brahms (si vuole), Čajkovskij, Hahn, Ravel, Szymanowski, Poulenc, Barber, Britten… non riesco a vedere alcun rapporto tra la loro natura erotica e la loro creazione musicale; sebbene la lettura del Beethoven di Buscaroli, mi abbia convinto… che la biografia sia indispensabile alla conoscenza della creazione…». E poi (aggiungo: «Io c’ero al San Carlo di Napoli!»): «…il mio primo Otello. Mario Del Monaco non riesce quasi a dire l’Esultate tanti applausi lo salutano quando entra in scena … è restato il più bello fra gli Otellida me ascoltati insieme a quello diretto da Riccardo Muti…». E del nostro amatissimo Verdi: «…quanto alla rettitudine di Verdi, piace citare un’altra lettera, questa al critico Filippo, che, in procinto di recarsi al Cairo per la “prima”, in modo sommamente inopportuno aveva scritto al Maestro di essere, come si dice, a disposizione. «A me pare (scrive Verdi) che l’arte in questo modo non sia più arte, ma mestiere… rammento sempre con gioia i miei primi tempi in cui senza quasi un amico… io mi presentava al pubblico colle mie opere pronto a ricevere le fucilate…». E, per finire, la storia del re di Carnevale: «per cinque giorni il re spogliato delle insegne della sua dignità, era nascosto in un sotterraneo; un individuo abbietto, un criminale, veniva rivestito di abiti regali, venerato e trascorso il tempo, spogliato, flagellato e impalato. Veniva così stornata dal capo del re l’eventuale collera divina… senza tentar nemmeno un discorso storico sul Novecento… nella società contemporanea il re di Carnevale esiste più fortemente che mai. Soggetti caricaturali, privi di qualsiasi carisma autentico, portano le insegne regali e vengono universalmente venerati…». Sull’impalatura del re criminale, Isotta ricorda l’infame Caifa: «Oportet ut unusmoriatur pro populo.» Una lettura coinvolgente, dunque, anche per chi non è un esperto che, alla conclusione, spinge a pensare il contrario dell’asserzione di Sofocle: vivere vince ogn’altra sorte. Perché, basta la musica e l’aiuto di un suo amante fedele per dare quella gioia che serve per esercitare il mestiere di vivere, il diario-autobiografia di Cesare Pavese, un dimenticato cui manca un aedo come Paolo Isotta.

Altri canti di Marte

di Paolo Isotta

Marsilio, pag. 463, euro 17,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Panini & dintorni: scegli il meglio di Parma

GAZZAFUN

Il panino più buono: domani termina la seconda semifinale

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Al via le iscrizioni 3.0: si fanno solo on line

SPECIALE ORIENTAMENTO

Al via le iscrizioni 3.0: si fanno solo on line

Lealtrenotizie

"Colpo" alla concessionaria Reggiani: spariscono due auto e otto pneumatici

VOLANTI

"Colpo" alla concessionaria Reggiani: spariscono due auto e otto pneumatici

Ladri anche in un'azienda di abbigliamento. Due ragazzi cercano di rubare giocattoli ma fuggono a mani vuote

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

Sant'Ilario d'Enza

Calci e pugni al barista per un bottino di 10 euro: denunciati 3 giovani e una minorenne

PARMA

La Procura dà il nulla osta per trasferire la salma di Riina in Sicilia

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

2commenti

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

GAZZAREPORTER

Parma, magico controluce

Foto del lettore Alessandro

PARMENSE

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

5commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

ELEZIONI

Ostia, trionfo del Movimento 5 Stelle Foto

STATI UNITI

E' morto il serial killer Charles Manson

SPORT

calcio

Buffon: "Sogno la Champions League. A fine stagione smetto"

MotoGp

Valentino Rossi confessa: "Il ritiro mi spaventa"

SOCIETA'

L'INDISCRETO

Le 5 muse di Fausto Brizzi

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

MOTORI

NOVITA'

Nuova Bmw X3. Sa fare tutto (da sola)

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq